Schwazer: Donati "è ultima beffa, ora Alex farà il papà"

'Uno che mi odia regista dell'operazione,un dramma per lo sport'

(ANSA) - ROMA, 14 MAG - "Alex Schwazer è un campione che fino all'ultimo ha lottato per fare un'ultima Olimpiade, ma ora farà la persona qualunque e il papà, e si riprenderà. La modalità con cui abbiamo saputo della sentenza di oggi è l'ultima beffa: uno dei suoi più costanti aggressori, una persona che mi odia e che è stato il regista di tutta l'operazione, l'ha comunicata a un indirizzario nel primo pomeriggio e poi qualcuno l'ha detto a me". E' un fiume in piena Sandro Donati, allenatore di Schwazer, dopo la sentenza della corte federale svizzera che, in pratica, mette fine alla carriera del marciatore altoatesino, che sognava, se non la riabilitazione, almeno di poter gareggiare ai Giochi di Tokyo.
    "La parola fine l'avevamo già messa, avevamo capito ma abbiamo provato lo stesso - dice ancora Donati all'ANSA -. Questo è un sistema autoreferenziale, di cui la corte federale è il terminale di questo stesso sistema a Losanna fatto di consuetudini e contatti. Spiegatemi perché hanno deciso quindici giorni prima di fare un controllo a sorpresa il primo gennaio, quando sapevano che i laboratori erano chiusi e le urine sarebbero rimaste in custodia loro per un giorno. Chi c'è dietro? la decisione di controllare Schwazer l'hanno preso un'ora dopo che lui aveva deposto contro dei medici, uno dei quali della federazione internazionale". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol

        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie