Toscana
  1. ANSA.it
  2. Toscana
  3. Costa Concordia, il naufragio in un disaster movie

Costa Concordia, il naufragio in un disaster movie

A dieci anni tragedia in onda su Rai2 il 13 gennaio

(ANSA) - ROMA, 10 GEN - A 10 anni dal naufragio della Costa Concordia arriva in prima serata su Rai2 il docufilm internazionale "Costa Concordia - Cronaca di una catastrofe" che ricostruisce da diversi punti di vista cosa accadde la notte del 13 gennaio 2012, quando la nave passeggeri comandata da Francesco Schettino speronò uno scoglio sommerso vicino alla costa dell'isola del Giglio e le ore successive alla collisione.
    Il disaster movie ad alto budget, prodotto dalla società tedesca Zeitsprung Pictures Gmbh in coproduzione con Rai Documentari e Sky Studios, distribuito nel resto del mondo dalla Nbc Universal Global Distribution, andrà in onda nel giorno dell'anniversario.
    Scritto da Mariangela Barbanente e diretto da Michael Müller, Costa Concordia - Cronaca di una Catastrofe ci fa rivivere il disastro attraverso materiale d'archivio inedito, una fiction recitata, con particolare attenzione alla ricostruzione, mai vista prima in tv, di quanto è accaduto in plancia di comando e con interviste ai legali attuali di Schettino, Paola Astarita, e l'esperto cassazionista Saverio Senese che sollevano dubbi sulla metodologia di indagine e sugli aspetti mediatici che hanno trasformato Schettino nel capro espiatorio dell'intera vicenda.
    "A che serve l'individuazione del capro espiatorio? Capro espiatorio non è un innocente, cioè non è una persona che non c'entra, non è l'agnello sacrificale: il capro espiatorio è una persona che ha delle responsabilità, però il punto è fino a che punto ha le responsabilità" dice Astarita. "Credo che Schettino sia stato vittima di fortissime pressioni mediatiche" afferma Senese. C'è anche un'intervista a Francesco Verusio che da pm ha guidato il processo in cui Schettino è stato condannato a 16 anni di carcere. E ci sono le testimonianze originali dell'ex capo della sezione operativa della capitaneria di porto di Livorno Gregorio De Falco con una nuova riflessione sulla famosa conversazione radiofonica in cui esortò Schettino a svolgere le sue funzioni di capitano e a coordinare il salvataggio dall'imbarco e a Mario Pellegrini, allora vicesindaco del Giglio, che si fece portare sulla nave oramai inclinata su un lato, che lasciò solo quando quasi tutti i naufraghi furono salvati. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie