Economia

Borsa: giù Milano (-0,8%) con banche e auto, vola Campari

In rosso i petroliferi. Male Stm, rientro stentato di Carige

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - Giornata di scarsa fiducia a Piazza Affari, che ha chiuso in perdita (-0,8%), in linea con le altre principali Borse europee e con l'andamento di Wall Street. I mercati sono rimasti in attesa di eventuali mosse di politica monetaria della Fed, con la riunione in programma l'indomani, e non si sono mossi molto con le stime del Fmi sulle prospettive e i dati macroeconomici di giornata. A Milano, con lo spread Btp-Bund che ha terminato in rialzo a 106,4 punti e il rendimento del decennale italiano stabile allo 0,62%, le banche hanno patito, come nel resto d'Europa. In rosso Unicredit (-2%), Banco Bpm (-1,3%), Bper (-1,1%) e Intesa (-1%). Perdite anche per Banca Generali (-2%) e per la paytech Nexi (-1,5%).
    Eccezione Fineco (+0,8%). Giornata stentata quella del rientro in Borsa per Carige, non riuscendo a fare prezzo, per trovarsi alla chiusura con segnato un -57,8% al prezzo teorico di 0,6318 euro e un volume di scambi non elevato, pari a 359.792.
    Male i semiconduttori, guardando Stm (-2,4%), con i tecnologici che nel Vecchio continente hanno visto una serie di tonfi, sulla scia della stretta hi-tech cinese e del crollo a Hong Kong. Giù Enel e Pirelli (-1,4% entrambe), Poste (-0,9%) e Tim (-0,8%) in attesa dei conti a mercati chiusi. In rosso le auto, da Stellantis (-1,2%9 a Ferrari (-0,8%). Corsa invece per Campari (+3,1%) e bene Italgas (+0,6%) entrambi con la semestrale. Non altrettanto Moncler (-0,4%), che li ha diffusi a contrattazioni chiuse. In rialzo le utility, a iniziare da Terna (+0,9%) e A2a (+0,8%). In ribasso i petroliferi, dall'impiantistica di Tenaris (-0,8%) a Eni (-0,5%) e piatta Saipem, col greggio in calo a sera (wti -0,6%) a 71,4 dollari al barile.
    Tra i titoli a minore capitalizzazione rally di Vianini (+6,8%), Pininfarina (+6,5%) e Autostrade Meridionali (+5,2%), bene Caltagirone (+4,9%) il giorno dopo i conti. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie