Indagine adolescenti, il 75% teme una guerra mondiale

Per 52% futuro è incerto, solo per 35% emergenza Covid è finita

Salute & Benessere Stili di Vita
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA - Il 52,7% degli adolescenti tra i 13-19 anni guarda al proprio futuro definendosi "incerto" o "preoccupato". Colpa anche del Covid e della guerra. Solo il 35% ritiene che si stia uscendo definitivamente dall'emergenza pandemia, mentre il 63,6% teme future recrudescenze. Tra l'80 e il 90% dei giovani è preoccupato delle possibili conseguenze, dirette e indirette, che possono derivare dal conflitto Russia-Ucraina; oltre il 75% teme una terza guerra mondiale o un eventuale coinvolgimento diretto dell'Italia. È questo lo spaccato che emerge dall'edizione 2022 dell'indagine nazionale sugli stili di vita degli adolescenti in Italia, realizzata dalla associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dall'Istituto di ricerca IARD su un campione rappresentativo di 5.600 studenti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Formula E: nel 2023 a Roma si correrà il 15 e 16 luglio

Il Rome E-Prix all'Eur ospiterà i round 15 e 16

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Formula E torna nella Capitale per la quinta edizione del Rome E-Prix in piena estate, nel weekend del 15 e 16 luglio 2023. Il doppio appuntamento di Roma, penultima città toccata dal Campionato del Mondo ABB FIA Formula E 2022/2023, sarà ancora più decisivo e fondamentale per la lotta al titolo, rendendo l'estate romana più calda che mai.
    Il Rome E-Prix ospiterà infatti i round 15 e 16, quelli subito prima del finale di stagione a Londra. La decisione di pianificare in estate l'appuntamento di Roma porta con sè una serie di novità: la doppia tappa estiva permetterà infatti di ridurre ulteriormente l'impatto sul traffico cittadino, oltre a garantire una serie di iniziative collaterali che coinvolgeranno anche i tanti turisti in visita nella Città Eterna. L'estate romana sarà dunque ancora più calda, con il solito spirito legato ai valori della sostenibilità e la volontà di comportarsi sempre da "buoni vicini". Il Campionato del Mondo ABB FIA Formula E è arrivato alla Stagione 9 e vedrà finalmente il debutto della terza generazione (Gen3) di monoposto elettriche: in programma più gare, più città e più team di sempre.
    Il calendario della prossima stagione prevede attualmente 18 gare tra gennaio e luglio 2023 su circuiti in 13 città del mondo, battendo così il precedente record di 16 gare in 10 città diverse della Stagione in corso. Formula E debutterà in due nuove città: Hyderabad, in India, l'11 febbraio, e San Paolo il 25 marzo. Città del Messico sarà la prima a veder sfrecciare la nuova generazione di vetture il prossimo 14 gennaio, Berlino rimane l'unica a ospitare un E-Prix in tutte e nove le stagioni del campionato, mentre Seul e Giacarta vedranno il ritorno della Formula E dopo le gare inaugurali di questa stagione. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Stellantis investimenti in miniere e energia per rafforzarsi

CEO Tavares 'opportunità con partner per produzioni energetiche'

Motori Industria
Chiudi Stellantis investimenti in miniere e energia per rafforzarsi (ANSA) Stellantis investimenti in miniere e energia per rafforzarsi

Stellantis non esclude di investire a breve termine nel settore delle miniere, per essere sempre più competitiva nell'ambito della produzione di veicoli elettrici e delle loro batterie. Lo ha detto oggi il Ceo del Gruppo Carlos Tavares durante l'incontro con gli investitori 'Transformation in Action' organizzato negli stabilimenti francesi di Trémery e Metz Powertrain or dedicati alla produzione di motori e trasmissioni per modelli ibridi ed elettrici. "Vogliamo ridurre i costi e ottimizzare la filiera delle nostre forniture. A qesto scopo - ha detto - non escludiamo di investire nelle miniere". Tavares ha anche ricordato che Stellantis deve poter contare sulla continuità delle forniture di energia. "Stiamo preparando un piano strategico, che tra le opportunità comprende la produzione in proprio per proteggerci". Il Ceo del Gruppo ha precisato al riguardo: "possiamo essere autonomi in questa area investendo da soli o con partner".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Stellantis, conversione elettrica già realtà a Trémery-Metz

Tavares Ceo, 'nuova catena valore globale con partner fidati'

Motori Industria
Chiudi Stellantis, conversione elettrica già realtà a Trémery-Metz (ANSA) Stellantis, conversione elettrica già realtà a Trémery-Metz

"Questa è realtà. La decisione è presa e stiamo andando avanti". Carlos Tavares, Ceo di Stellantis lo ha detto più volte durante la visita odierna agli impianti di produzione di Trémery-Metz in Francia che, con gli aggiornamenti del doppio sito di Trémery-Metz consolideranno le competenze di Stellantis nella produzione di propulsori per veicoli elettrici a batteria, ibridi plug-in (Phev) e ibridi.
    Un programma che risponde all'esigenza della Società di disporre di una mobilità pulita, sicura e conveniente e facilitando la transizione dai veicoli con motore a combustione interna (ICE) ai quelli elettrici. Lo ha fatto e lo sta facendo attraverso gli investimenti in due joint venture chiave a Trémery-Metz che concretizzano una strategia di integrazione verticale volta ad aumentare il controllo della catena del valore dell'elettrificazione globale.
    La prima è Emotors, una joint venture al 50% con Nidec Leroy-Somer Holding, che inizierà quest'anno la produzione di una gamma di motori elettrici all'avanguardia presso lo stabilimento di Trémery, un tempo il più grande stabilimento di produzione di motori diesel al mondo e ora la prima struttura di Stellantis a realizzare unità elettriche. Finanziata con un investimento industriale di 93 milioni di euro fino ad oggi, Emotors mira a stimolare lo sviluppo dell'elettrificazione in Stellantis e a soddisfare le esigenze di altre case automobilistiche. La joint venture ha una capacità prevista superiore a 1 milione di motori all'anno a partire dal 2024.
    Joint venture al 50% con Punch Powertrain, e-Transmissions è stata finanziata con un investimento di 57 milioni di euro fino ad oggi e si concentra sulla produzione della futura generazione di trasmissioni elettrificate a doppia frizione (eDCT) presso lo stabilimento Stellantis di Metz. L'impianto, rinomato per le sue competenze nella produzione di cambi, dovrebbe aumentare la produzione annuale fino a raggiungere circa 600mila cambi eDCT entro il 2024 per il portafoglio ibrido di Stellantis.
    "Trémery-Metz è un esempio eccellente di come stiamo trasformando la nostra produzione in Francia e nelle nostre attività globali - ha dichiarato il Ceo di Stellantis - Abbiamo creato una nuova catena del valore globale con partner fidati, tra cui cinque gigafactory, per sostenere la nostra strategia globale dedicata alle batterie per EV e promuovere gli obiettivi del piano Dare Forward 2030. Desidero ringraziare vivamente le parti sociali, gli stakeholder locali e i nostri dipendenti altamente qualificati per la collaborazione offerta durante questa fase di aumento della produzione a Trémery-Metz e per la realizzazione del nostro futuro elettrificato". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Piaggio MP3, il tre ruote che strizza l'occhio alle auto

Ancora più tecnologico e il design è ispirato all'automotive

Motori Due Ruote
Chiudi Piaggio MP3, il tre ruote che strizza l'occhio alle auto (ANSA) Piaggio MP3, il tre ruote che strizza l'occhio alle auto

Restano le tre ruote che hanno creato un nuovo modi di vere la mobilità urbana ma si rinnova tutto il resto, per Piaggio MP3, lo scooter che strizza ancora di più l'occhio al mondo dell'auto. Manca sempre una ruota per arrivare a quattro, ma le automobili, tra design e tecnologia, sono una fonte di ispirazione per il nuovo MP3, guidabile sempre con la patente dell'auto e che si fa più tecnologico, più agile e con un design liberamente ispirato dalle moderne 'forme' dell'automotive.

 

 


    Con una fortunata storia cominciata nel 2006, quando Piaggio faceva debuttare sul mercato un veicolo che avrebbe aggiunto un nuovo tassello alla mobilità urbana e metropolitana, MP3 è il primo scooter a tre ruote al mondo con il sistema di sospensioni brevettato che unisce le due ruote anteriori, ovvero la sicurezza dell'automobile con la praticità dello scooter.
    In questi giorni, sulle strade di Parigi dove MP3 svetta nella classifica degli scooter più venduti, abbiamo guidato il tre ruote di casa Piaggio che si è presentato con una veste completamente rinnovata. Sul fronte tecnologico, il passo in avanti è notevole: MP3 diventa il primo scooter al mondo dotato di dispositivi di tipo ARAS, Advanced Rider Assistance System, che corrispondono agli ADAS automobilistici. La guida è 'controllata' da una piattaforma di assistenza alla guida basata sulla tecnologia Imaging Radar 4D e sviluppata da Piaggio Fast Forward, società di robotica del Gruppo Piaggio.
    Il tutto si visualizza sulla strumentazione TFT full color da 7", la più ampia del segmento, abbinata al sistema keyless e connessa. Sulla versione 530 hpe Exclusive, c'è anche il cruise control e la funzione di retromarcia con videocamera.
    Importanti anche le novità sul fronte ergonomia, migliorata sotto molteplici aspetti, a cominciare dalla posizione di guida, ora più confortevole grazie alle modifiche alla triangolazione sella-pedana-manubrio. Anche la sella è completamente nuova e pensata per essere più comoda sia per il guidatore sia per il passeggero.
    Una volta messo in moto, il nuovo MP3 permette di affrontare il traffico, anche quello intenso della capitale francese, in tutta agilità e tenendo tutto sotto controllo. Appena la città si apre alle curve delle aree verdi nelle vicinanze, anche il divertimento ha il suo sfogo, con il pieno controllo delle curve e la sicurezza del viaggiare su tre ruote sempre ben piantata sull'asfalto.
    Prodotti in Italia, negli stabilimenti Piaggio di Pontedera, i modelli della nuova gamma Piaggio MP3 sono equipaggiati con le motorizzazioni della famiglia hpe - High Performance Engine. Se i nuovi Piaggio MP3 400 hpe e MP3 400 hpe Sport condividono l'unità da 400 cc da oltre 35 CV, e l'ammiraglia MP3 530 hpe Exclusive è spinta dal nuovissimo 530 hpe dalla potenza record di oltre 44 CV.
    I prezzi dei nuovi MP3 partono dai 10.499 euro del 400 hpe, passano dai 10.999 di MP3 400 hpe Sport e arrivano fino ai 12.999 di Piaggio MP3 530 hpe Exclusive.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Oggi è l'Asteroid Day, eventi in tutto il mondo

Conversi (Esa): 'Gli asteroidi più pericolosi sono quelli sconosciuti'

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Un asteroide vicino alla Terra in una illustrazione fornita dalla Nasa (ANSA) Un asteroide vicino alla Terra in una illustrazione fornita dalla Nasa

Torna l'appuntamento con l'Asteroid Day, la Giornata mondiale istituita dalle Nazioni Unite per ricordare l'impatto dell'asteroide di Tunguska, in Siberia, avvenuto nel 1908, che provocò danni in un'area di oltre 2.000 chilometri quadrati.

 

"Scopriamo centinaia di nuovi asteroidi ogni mese, ma i più pericolosi sono quelli che non abbiamo ancora scoperto", dice all'ANSA Luca Conversi, responsabile del Neocc, il Centro di coordinamento per le osservazioni degli asteroidi vicini alla Terra, i cosiddetti Neo (Near Earth Object) dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), presso l'Esrin a Frascati: "Degli asteroidi che conosciamo, possiamo stimare le caratteristiche e l'eventuale rischio di collisione, ma gli altri, finché restano sconosciuti, rappresentano una minaccia", osserva l'esperto.

Per questo la sorveglianza di questi sassi cosmici è fondamentale, come sottolineano i numerosi eventi in programma in tutto il mondo, dal Giappone all'India, dall'Egitto alla Lettonia, fino all'Argentina e agli Stati Uniti.

Per l'Europa l'evento centrale è organizzato a Lussemburgo e tramesso in streaming, così come è online l'evento organizzato in Italia dal Virtual Telescope, condotto dall'astrofisico Gianluca Masi, coordinatore per il nostro dell'Asteroid Day dal 2016. "Lo scopo della giornata - aggiunge Conversi - è sensibilizzare la popolazione e i governi su un evento che sicuramente non rappresenta un rischio imminente, ma che è comunque concreto".

Ecco perché, al di là della giornata-simbolo della sirveglianza degli asteroidi, le ricerche in questo campo proseguono senza sosta, come accade al Neocc. Questo centro dell'Esa si occupa di monitorare e scoprire asteroidi e comete, grazie a telescopi attivi in tutto il mondo, di calcolarne l'orbita e la probabilità di impatto con la Terra e, infine, di mitigare gli effetti di un eventuale impatto (attività, quest'ultima, in via di sviluppo).

Conversi ricorda che oggetti molto piccoli cadono in maniera regolare sul nostro pianeta, lasciando al massimo una bella scia luminosa nel cielo: "Per oggetti di dimensioni così contenute gli eventuali danni sono estremamente ridotti e si possono evitare con semplici contromisure adottate a livello locale dalla popolazione", osserva il ricercatore. "Eventuali sistemi per deviare gli asteroidi prima dell'impatto sarebbero utili solo con oggetti di grandi dimensioni e per i quali conoscessimo la rotta con anni di anticipo", come prevede la missione Dart della Nasa, che ha l'obiettivo di verificare se un veicolo possa deviare con successo un asteroide in collisione con la Terra.

La Risk List del Neocc è un catalogo di tutti gli oggetti che hanno una probabilità diversa da zero di entrare in rotta di collisione con la Terra, completa di tutti i dati noti per ogni asteroide. "Il primo della lista l'abbiamo escluso, come oggetto potenzialmente pericoloso, proprio pochi giorni fa", dice Conversi, "ma potrebbe essere interessante l'asteroide Apophis: con circa 300 metri di diametro, passerà a qualche migliaio di chilometri dal nostro Pianeta nel 2029 e sarà visibile ad occhio nudo". Apophis è noto per aver causato un breve periodo di allarme al momento della sua scoperta, nel dicembre 2004, in quanto le osservazioni iniziali indicavano una probabilità relativamente alta di collisione con la Terra, poi esclusa dalle osservazioni successive.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Tesla chiude un ufficio in Silicon Valley e licenzia 200 persone

Fa parte del piano di ridurre dipendenti per aumento dei costi

Motori Industria
Chiudi  (ANSA)

Tesla chiude uno dei suoi uffici nella Silicon Valley e licenzia circa 200 persone nell'ambito dei piani di riduzione del personale a causa dell'aumento dei costi. Secondo quanto rivelato al Wall Street Journal da fonti informate, la società di Elon Musk ha fatto sapere ai dipendenti che sta chiudendo un ufficio di San Mateo, in California, dove si lavorava per aiutare a migliorare il sistema avanzato di assistenza alla guida Autopilot. Il licenziamento colpisce più della metà del personale dell'ufficio, mentre alcuni lavoratori possono essere trasferiti in altre sedi dell'azienda. La mossa e' l'ultima di una serie di tagli che Tesla ha deciso nelle ultime settimane dopo che all'inizio del mese Musk ha informato che la società prevedeva di ridurre il 10% della sua forza lavoro salariata a causa delle preoccupazioni per l'economia globale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cnh Industrial, con Raven impulso agricoltura di precisione

Occhio al green, è di New Holland primo trattore 100% biometano

Motori Industria
Chiudi Cnh Industrial, con Raven impulso agricoltura di precisione (ANSA) Cnh Industrial, con Raven impulso agricoltura di precisione

Cnh Industrial punta su Raven, acquisita alla fine del 2021, per dare un impulso all'innovazione tecnologica nell'agricoltura di precisione Lo ha sottolineato il presidente Emea del gruppo, Carlo Alberto Sisto, presentando la strategia europea della società in un incontro con la stampa a Torino.
    "Raven - ha spiegato - va nella direzione dell'automazione: si tratta infatti di una società tecnologica che crea soluzioni innovative per affrontare grandi sfide. Attraverso il suo lavoro pionieristico nei sistemi autonomi sta sbloccando nuove possibilità in agricoltura. Attraverso correzioni automatiche in campo è infatti possibile aumentare la produttività, ridurre la fatica e la necessità di manodopera specializzata. I sistemi autonomi possono infatti contribuire alla preparazione del terreno, alla semina e alla piantumazione, al nutrimento, la coltivazione e alla protezione, e alla raccolta".
    Cnh Industrial, attraverso il marchio New Holland Agriculture, è uno dei principali sostenitori dell'agricoltura sostenibile e ha avviato nel 2021 la produzione del primo trattore al mondo alimentato 100% a biometano. La società sta studiando i carburanti alternativi da diversi anni, ed è leader del settore con diversi programmi di innovazione volti a espandere ulteriormente il proprio portafoglio prodotti con soluzioni alimentate a gas naturale liquido. Lo scopo è quello di permettere ai lavoratori agricoli di essere sempre più indipendenti a livello energetico, portando loro i benefici dell'economia circolare.
    Cnh Industrial ha introdotto nei suoi progetti il testing virtuale per i propri macchinari agricoli: tramite l'utilizzo di simulazioni Hpc (High Performance Computer) e del Cae (Computer Aided Engineering), trasformando i profili di rischio, oltre a ridurre tempi di progettazione, costi ed emissioni di carbonio legati a questi processi. Il simulatore costruito a Modena sarà il primo per trattori al mondo. L'inaugurazione sarà entro la fine del 2022.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cnh Industrial, dal segmento Construction il 16% dei ricavi

In Italia produzione a Lecce e San Piero in Bagno

Motori Industria
Chiudi Cnh Industrial, dal segmento Construction il 16% dei ricavi (ANSA) Cnh Industrial, dal segmento Construction il 16% dei ricavi

Il segmento Construction contribuisce per il 16% ai ricavi di Cnh Industrial, che nel 2021 hanno toccato i 19,5 miliardi di dollari. Il settore comprende due marchi dalla lunga tradizione: Case Construction Equipment e New Holland Construction. Case e New Holland Construction sono produttori globali di macchine da costruzione, con un'ampia gamma di prodotti e soluzioni che spaziano dagli escavatori cingolati alle motolivellatrici e altri prodotti di supporto. Lo ha ricordato il presidente Emea, Carlo Alberto Sisto, illustrando la strategia europea del gruppo in un incontro con la stampa a Torino.
    In Italia nel settore Construction Cnh Industrial ha un fiore all'occhiello nello stabilimento di Lecce, che quest'anno spegnerà cinquanta candeline ed è un centro di eccellenza di produzione di macchinari esportati in tutto il mondo, lavorano 650 dipendenti. Ogni anno vengono prodotte 20.000 unità. L'altra realtà italiana del settore per il gruppo è quella di San Piero in Bagno (Forlì- Cesena) che ospita il quartier generale, dove sono progettati e prodotti macchine movimento terra e ricambi.
    Sampierana Group è stata acquisita da Cnh Industrial a gennaio 2021 ed è riconosciuta per i prototipi elettrici, ha 350 lavoratori.
    Cnh Industrial è presente nel settore Construction da 180 anni con tre brand, ha 2.600 punti vendita in 180 Paesi. Gli stabilimenti sono otto così come i centri di ricerca e sviluppo.
    Il fatturato supera i 3 miliardi di dollari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cnh sceglie Torino per sede Emea, 100 milioni a Modena

Occupazione in Italia crescerà. Nessun impatto guerra sui conti

Motori Industria
Chiudi Cnh sceglie Torino per sede Emea, 100 milioni a Modena (ANSA) Cnh sceglie Torino per sede Emea, 100 milioni a Modena

Cnh Industrial sceglie Torino per il quartiere generale europeo e guarda a Modena per la ricerca e sviluppo. In Italia dove i dipendenti sono 4.500, l'occupazione non è a rischio, anzi crescerà. La strategia per l'Emea del gruppo - dieci brand, circa 37.700 dipendenti, fatturato di 20 miliardi di dollari, 42 stabilimenti nel mondo con 30 centri di ricerca e sviluppo - è stata illustrata dal presidente Carlo Alberto Sisto, in un incontro a Torino con la stampa.
    Sisto ha annunciato che Cnh Industrial, società controllata dalla holding Exor, avrà dal prossimo anno la sede europea nel capoluogo piemontese, in Lungo Stura Lazio, dove lavoreranno 1.200 persone. "L'investimento è tra i 5 e i 10 milioni di euro, abbiamo approvato il progetto. Siamo pronti a partire con i lavori", ha spiegato il presidente che è torinese.
    Un altro tassello è Modena, dove a ottobre sarà inaugurato il Dynamic Driving Simulator, simulatore 'virtuale' per i test dei trattori. "Modena non è solo supercars, ma anche trattori", ha sottolineato Sisto. Nel centro di ricerca emiliano, il più grande d'Europa nel settore delle macchine agricole, oggi lavorano mille persone, di cui 600 ingegneri: saranno investiti 100 milioni di euro dei complessivi 240 previsti in Emea per la ricerca e sviluppo e saranno effettuate entro l'anno 150 assunzioni di ingegneri elettronici e meccanici (il 60-70% già fatte).
    Restano un fiore all'occhiello lo stabilimento di Jesi, dove lavorano più di mille persone e si producono 20.000 trattori all'anno, di cui il 70% viene esportato all'estero e quello di Lecce, dove si fanno macchine movimento terra (circa 20.000 pezzi all'anno) con oltre 650 dipendenti che quest'anno spegne 50 candeline. Ultima realtà è San Piero in Bagno (Forlì). dove si producono macchine movimento terra, risultato dell'acquisizione a fine 2021 di Sampierana, con 350 lavoratori.
    Sisto ha spiegato che la mancata fatturazione in Russia, dovuta al blocco della produzione, e la riduzione dell'attività in Ucraina non avranno impatti sui conti 2022 di Cnh Industrial.
    "In Russia dove facciamo attività di assemblaggio- ha spiegato - abbiamo fermato il sito produttivo il 25 febbraio. in questo momento non spediamo neppure un bullone. Non ci sono stati licenziamenti, ma i nostri 200 dipendenti sono a casa". In Ucraina Cnh Industrial ha ripreso la sua attività sia per la stagione di semina sia per la raccolta. "Siamo vicini ai clienti perché possano raccogliere il grano e ai nostri dipendenti" ha detto il presidente dell'Emea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

DS Automobiles punta su elettrico e rinnovo della gamma

Béatrice Foucher Ceo brand 'al lavoro sul rapporto col cliente'

Motori Sotto la Lente
Chiudi DS Automobiles punta su elettrico e rinnovo della gamma (ANSA) DS Automobiles punta su elettrico e rinnovo della gamma

Seguire professionalmente la vita di un'automobile premium, attraverso le tante sfaccettature del rapporto con cliente, e soprattutto accompagnarla nella sua evoluzione, per renderla ancora più competitiva e - se possibile - vincente, non è cosa da poco. Lo sa bene Béatrice Foucher Ceo del brand DS Automobiles che, a margine della presentazione della DS 7, ha dettagliato ad ANSA il momento 'magico' della marca da lei guidata e le tante aspettative relative ai prossimi modelli ed all'arrivo nel 2024 della prima DS 100% elettrica.
    "Lavoriamo su tutti gli aspetti - ha detto - compresi quelli che appaiono meno evidenti. E' il caso della nuova denominazione di DS 7. Eliminando Crossback abbiamo voluto semplificare il rapporto con il cliente, essere più diretti, e valorizzare il nostro brand DS Automobiles, assieme al badge e-Tense che per noi è molto importante".
    Béatrice Foucher ha anche ribadito come questo lancio faccia perte dell'ambizioso programma di crescita di DS: "nel 2024 porteremo sul mercato il nostro primo modello 100% elettrico, uno step decisivo per il nostro futuro". La responsabile di DS Automobiles ha spiegato che "DS 7 Crossback era la seconda più 'vecchia' nella gamma e che era dunque arrivato il suo turno per essere aggiornata ed adeguata al mercato. "Applicheremo questo principio - ha detto - anche a DS 3. che sarà la nostra prossima novità".
    DS 7 verrà consegnata in Italia e negli altri principali mercati (Cina esclusa) fra metà settembre e i primi di ottobre, ma gli ordini "partiranno giù in estate quando avremo i prezzi".
    Sul problema dei listini Béatrice Foucher ha puntualizzato spiegando che "la crescita dei costi dei materiali ci obbligherà forse a ritoccarli verso l'alto" ma i clienti assieme a DS 7 acquisteranno anche il vasto mondo dei servizi della marca "che sono un ulteriore punto di forza di DS Automobiles".
    Infine, la gamma motori: le previsioni per questa nuova generazione della DS 7 indicano che gli ibridi benzina potrebbero arrivare al 60%, ma "resterà sempre importante la quota dei turbodiesel, attorno al 30%, "Questo soprattutto in Paesi come l'Italia e la Spagna in cui le motorizzazioni a gasolio sono le preferite da chi usa la propria DS per lavoro e per viaggi su lunghe distanze". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Moto: torna a luglio l'11/a edizione della World Ducati Week

Al raduno a Misano dal 22 al 24/7 anche Eicma

Motori Due Ruote
Chiudi  (ANSA)

Torna la 'World Ducati Week' dal 22 al 24 luglio al Misano World Circuit 'Marco Simoncelli'.
    All'undicesima edizione del raduno internazionale Ducati, parteciperà anche Eicma, l'esposizione internazionale delle due ruote, che ha annunciato che prenderà parte ufficialmente all'evento.
    Si tratta di "una straordinaria e imperdibile opportunità per tener viva l'attenzione sul nostro evento e goderci la kermesse insieme a tutti gli appassionati delle rosse di Borgo Panigale, che sono anche fan e visitatori di Eicma" osserva Giacomo Casartelli, Executive Director di Eicma. Il tutto, aggiunge, "in un luogo ricco di significato, dove il cuore batte forte per le moto e, soprattutto, per quel saper fare italiano interpretato con eccellenza da Ducati".
    Casartelli annuncia che la collaborazione con il brand italiano prosegua anche durante l'edizione 2022 dell'esposizione internazionale delle due ruote: dall'8 al 13 novembre nei padiglioni di Fiera Milano a Rho, gli appassionati potranno ammirare dal vivo le novità dell'azienda di Borgo Panigale.
    Patrizia Cianetti, Marketing and Communication director Ducati, si dice "contenta" di ospitare Eicma alla World Ducati Week. E altrettanto, "è un piacere confermare che Ducati incontrerà nel proprio stand tutti gli appassionati Ducatisti e i propri fan durante l'edizione 2022 dell'Esposizione internazionale delle due ruote". Cianetti racconta che, allo stesso tempo, si continua a valorizzare anche l'approccio digitale con la 'Ducati World Première web series': "Il nostro desiderio è rimanere in contatto con i Ducatisti di tutto il mondo attraverso i canali digitali, sfruttando contemporaneamente questa importante occasione di incontro per offrire la possibilità di ammirare e toccare con mano le nostre moto". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Bologna stanzia oltre 5 mln per car e bike sharing elettrici

Il potenziamento della sharing mobility sarà attuato mediante una convenzione tra Comune e Agenzia della Mobilità Srm

Motori Eco Mobilità
Chiudi Bologna bike sharing (ANSA) Bologna bike sharing

Un pacchetto di misure a sostegno della mobilità sostenibile, per una somma complessiva di cinque milioni e 215 mila euro provenienti da diverse linee di finanziamento è stato approvato dalla giunta comunale di Bologna con l'obiettivo di incentivare e potenziare il car sharing e il bike sharing elettrici, l'acquisto di biciclette a pedalata assistita e cargo bike e l'utilizzo dei mezzi del trasporto pubblico locale negli spostamenti casa-lavoro.
    Il potenziamento della sharing mobility sarà attuato mediante una convenzione tra Comune e Agenzia della Mobilità Srm, il cui schema approvato in delibera di Giunta prevede la gestione da parte di Srm di due interventi, uno sul fronte dell'offerta e uno di incentivi alla domanda. Il primo è un finanziamento rivolto ai gestori del car e bike sharing per aumentare la flotta circolante, attraverso l'investimento di 1 milione e 250 mila euro di fondi europei Pon Metro-React Eu per l'acquisto di veicoli elettrici e l'ampliamento del servizio. Il secondo intervento prevede un bando da 300 mila euro di fondi Primus del Ministero della Transizione Ecologica, per l'erogazione di buoni mobilità per il car sharing (per un totale di 187.500 euro) e bike sharing (per un totale di 112.500 euro). A questi si aggiungeranno i fondi di cofinanziamento da parte dei gestori, portando le cifre complessive rispettivamente a 250 mila e 150 mila euro per un totale di 400mila euro. Sono beneficiari i cittadini residenti a Bologna che si iscriveranno per la prima volta ai servizi in sharing.
    Una seconda delibera di Giunta stanzia 3 milioni di euro, sempre finanziati dal fondo Pon Metro-React Eu, su due bandi rivolti a cittadini e lavoratori e lavoratrici di aziende ed enti con sede a Bologna che abbiano un accordo di Mobility Management vigente. 

Il primo bando investe un milione di euro di incentivi sull'acquisto di bici e cargo bike a pedalata assistita, da parte di persone residenti a Bologna o anche nella città metropolitana nel caso di lavoratori in aziende/Enti con accordo di mobility management vigente e con sede di lavoro nel Comune di Bologna. Dopo il successo delle precedenti iniziative, in cui sono stati erogati oltre 5.000 contributi in 10 anni, ora con questa campagna il contributo sarà aumentato passando da 300 a 500 euro per l'acquisto di una nuova bici elettrica e da 500 a 1.000 euro per una cargo bike elettrica e non potrà superare il 50% della spesa. A breve uscirà il bando sul sito del Comune con indicate le modalità e i documenti necessari mentre l'apertura delle richieste del contributo (esclusivamente online) è prevista per il 16 settembre 2022 contestualmente all'avvio della Settimana Europea della Mobilità. Saranno ammissibili le spese già sostenute successivamente al 28 giugno nel rispetto delle condizioni indicate nel bando. Altri due milioni di euro andranno a finanziare il Piano straordinario a favore dei Mobility Managers aziendali per azioni di sostegno al trasporto pubblico locale negli spostamenti casa - lavoro. I beneficiari saranno lavoratori e lavoratrici di aziende ed enti con sede a Bologna che abbiano un accordo di Mobility Management vigente che potranno avere uno sconto fino al 50% sull'abbonamento al servizio urbano e fino a un massimo di 90 euro su altre tipologie di abbonamento. La richiesta di partecipazione dovrà essere presentata dai Mobility Managers di enti e aziende entro il 31 gennaio 2023 a seguito della pubblicazione dell'avviso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Genova, stop ai bus Euro1. Amt vende i 43 mezzi più inquinanti

Regione Liguria approva alienazione, 136 da smaltire entro 2024

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Amt, l'azienda di trasporto pubblico locale genovese, si libera degli autobus più inquinanti e nell'ambito di un piano che prevede lo smaltimento di 136 mezzi entro il 2024 ottiene dalla Regione Liguria il via libera al ritiro della circolazione e alla vendita di 43 mezzi immatricolati nel 2000 a suo tempo acquistati con contributi regionali. Il provvedimento deriva dal Decreto legge n. 121 del settembre 2021, secondo cui in tutto il territorio nazionale è vietata la circolazione di veicoli a motore delle categorie M2 e M3, adibiti a servizi di trasporto pubblico locale, alimentati a benzina o gasolio con caratteristiche antinquinamento Euro 1, a decorrere dal 30 giugno 2022, Euro 2 a decorrere dal 1° gennaio 2023 ed Euro 3 a decorrere dal 1° gennaio 2024. Amt S.p.A., ad oggi, ha un parco mezzi di categoria euro 1, 2 e 3 complessivamente di 218 mezzi.
    "Amt S.p.A. invierà agli enti competenti richiesta di esercire in deroga al decreto legge 121/2021 con bus euro 2 fino al 31/3/2023 (in via precauzionale, in realtà il piano prevede l'alienazione entro fine 2022) e con bus euro 3 fino al 31/12/2026 - spiega la Regione motivando il via libera all'alienazione di 43 autobus Amt obsoleti - Amt S.p.A., a causa di problemi logistici, è costretta a ricoverare i mezzi accantonati definitivamente in un'area collocata presso Genova Aeroporto con una capacità inferiore a 20 mezzi e per tale ragione le operazioni di alienazione possono essere eseguite per piccoli lotti". La Regione ha quindi stabilito che Amt debba accantonare il valore della plusvalenza patrimoniale che deriverà dalla vendita dei 43 mezzi, per reinvestirlo in beni destinati ai servizi di competenza regionale. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Il corpo che abitiamo e le nuove sensibilità, cinque cambiamenti rivoluzionari

Body positivity e non solo, esempi di brand pionieri su genere, sessualità, bellezza

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi Underargument (ANSA) Underargument

Sulla bellezza, il genere, la sessualità e la salute nuove sensibilità si stanno generando. Il Report “The Future of the Body”  esplora il corpo umano e quello che sta cambiando coinvolgendo autorevoli voci internazionali del mondo del marketing e dell’impresa, ma anche della filosofia e della medicina, tratteggiando così 5 scenari, cinque proiezioni attraverso ache esempi di brand grandi e piccoli, capaci di farsi pionieri della rivoluzione in atto e sviluppare offerte più accoglienti rispetto alle esigenze dei tanti corpi diversi che abitiamo. Lo studio di Future Brand, dopo un anno di lavoro, indaga i trend che riguardano il corpo umano in senso più ampio: dall'inclusivity alla tecnologia, passando per la bellezza e la sessualità.
1. Rappresentare i corpi non conformi
Tra gli aspetti più evidenti della mutata prospettiva da cui osserviamo il corpo umano c’è l’accettazione dei corpi non conformi. Una nuova frontiera che libera il corpo dalla schiavitù dell’estetica, ridimensionandone l’importanza a favore di una visione più funzionale, che celebra orgogliosamente il corpo, tutti i corpi. Ogni fisicità è posta sullo stesso piano, ridando pari dignità ai corpi finora etichettati come “diversi”.
Chi lo fa già: Il brand Underargument sceglie le proprie modelle in base alle loro storie e senza incontrarle prima, proponendo quello che di fatto è un “anti-casting” senza book fotografici né provini. Una rivoluzione che vede d’accordo anche le celebrity e i brand impegnati nella diffusione della body positivity.
Contano le storie individuali, quelle raccontate dai tatuaggi, le cicatrici, i colori, le pieghe, tutti i segni che escludevano perché difformi dai canoni e che oggi, invece, costituiscono il nostro story -telling personale e ci rendono unici. La capacità dei brand di farsi “accoglienti” con proposte adatte a ogni corpo sarà un fattore cruciale per il successo e la fidelizzazione dei consumatori, soprattutto i più giovani e sensibili visto che l’avversione per il proprio aspetto fisico riguarda il 61% degli adolescenti di tutto il mondo (Journal of Epidemiology & Community Health - 2021) 2. Liberare i corpi dal genere
Tradizionalmente, le marche propongono prodotti che rispondono ai bisogni dei consumatori, ne riflettono le caratteristiche e ne assecondano i comportamenti. Questo approccio al marketing ha determinato offerte dedicate agli uomini e alle donne, differenziate nel packaging, nelle forme e perfino nei colori. Una dicotomia, basata su stereotipi di genere e alimentata da decenni di gender marketing che sta via via lasciando il posto a proposte e rappresentazioni in cui chiunque si può riconoscere. Chi lo fa già: Acne, il cult brand svedese, ha lanciato una linea di biancheria intima gender neutral, che apre a un'estetica androgina già sperimentata da Calvin Klein negli anni '90. La linea comprende boxer, slip, short e modelli a vita alta. I colori sono neutri proprio per evitare segmentazioni della collezione legate al genere e non ai gusti o alla funzione.
Il ruolo attivo dei consumatori e la nuova sensibilità verso le tematiche di genere sta ridefinendo lo scenario, i brand sono tenuti ad adeguarsi pena l’esclusione da ampie fette di mercato. 3. Esplorare le diverse sessualità Sesso e corpo sono spesso usati come sinonimi. Cinema e pubblicità, soprattutto, ci hanno abituati a rappresentazioni che poco o nulla hanno a che vedere con una sfera articolata e complessa come il sesso. Come e più della moda, sono quasi solo i corpi “perfetti” a raccontare il sesso in modalità che hanno più a che fare con l’esercizio ginnico che a una reciproca esplorazione e scoperta. Età, genere, condizione fisica, abilità non sono rappresentat Brand come Consonant Skin+Care propongono la soddisfazione sessuale come parte integrante di una sana routine di bellezza. Con Come&Glow Bundle (letteralmente “Vieni&Splendi”) offre un kit che include maschere in tessuto, una candela chiamata Get cLit e un vibratore. Questo tipo di prodotti normalizza il tema del piacere sessuale allineandolo alla routine quotidiana di bellezza e stile di vita. Come ha spiegato Maurizio Bossi, Supply Chain & Control Business Unit Director Artsana parlando di sessualità e trasformazione: “I giovani e le giovani pongono il corpo al centro di un universo fatto di diversità di genere, di cultura, di etnia. Un mondo che evolve da binario a sfaccettato, è un mondo complesso in cui c’è molto margine per portare valore alle persone”.
4. Ampliare il concetto di bellezza
Qual è la forma del bello? Il tema è complesso e appassionante e il dibattito che lo circonda dimostra che le ipotesi sono numerose e potenzialmente tutte valide. Nata “perfetta” nel 1959, Barbie si è tanto evoluta da arrivare a incarnare fisicità, etnie e gusti diversissimi e tutti reali. La sua bellezza ora risiede nella diversità e nella possibilità di riconoscersi in lei.
Sotto la guida di Alessandro Michele, Gucci è impegnata a sfidare i canoni dell'estetica della perfezione, proponendo alternative che rispecchiano i cambiamenti sociali. Non un impegno di facciata per il brand del lusso, che ha scelto Renée E. Tirado come Global Head of Diversity Equity and Inclusion. Nel suo curriculum ci sono anche gli spogliatoi della Major League Baseball americana dove, come Chief Diversity & Inclusion Officer, ha piazzato persone di colore e candidati LGBTQ in posizioni operative in diverse divisioni. Perché farlo «Il godimento della bruttezza è più complesso e articolato del godimento della bellezza. Pensiamo che la bellezza sia eccezionale, in realtà è la bruttezza a esserlo. La bellezza tradizionale a cui i nostri occhi e i nostri sensi sono assuefatti, non è affatto eccezionale, ma il brutto che ci sta accanto, quando invade il terreno della bellezza... quello sì che è potente ed eccezionale!» dice Maddalena Mazzocut-Mis, docente di Estetica della Musica e dello Spettacolo all’Università Statale di Milano.
5. Unire tecnologia e corpo
L’innovazione digitale determina una crescente interconnessione tra il corpo e gli apparati tecnologici. Tra teorie complottiste e ingegneria biomedica, stanno fiorendo nuovi prodotti e servizi che integrano la tecnologia con il corpo. Non si conosce ancora il limite di questa fusione, quel che è certo è che i nostri corpi si ibrideranno sempre di più. Cosinuss, azienda tedesca di monitoraggio motorio, ha presentato Degree, un nuovo termometro da orecchio per bambini. Il dispositivo è in grado di monitorare in maniera costante la temperatura corporea per offrire informazioni in tempo reale da visualizzare tramite una app. Ogni volta che la temperatura corporea del bambino cambia, i genitori ricevono una notifica che spiega il cambiamento e indica se sia il caso di rivolgersi al pediatra. La app, inoltre, fornisce anche consigli su come curare la febbre nei bambini, rassicurando il genitore e riducendo la frequenza di visite mediche non necessarie. Perché farlo Gaetano Colabucci, General Manager di Giuliani Pharmai ha detto: “Oggi, i consumatori sono mediamente più attenti e informati. Anche le aziende stanno facendo un grande lavoro di education e ciò ha contribuito a sensibilizzare il pubblico, spostando l’attenzione e gli effort da cura a prevenzione. Il consumatore ricerca la qualità di una vita migliore, quindi non soltanto prevenire le malattie o curarle tempestivamente, ma essere più sano in generale. Basti pensare al boom dei coadiuvanti per la salute: probiotici, integratori alimentari ecc etera, tema al centro delle strategie commerciali di molte aziende”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Sicurezza stradale: Asaps a Parlamento, riforme urgenti

Inasprire articoli CdS su messaggini e selfie alla guida

Motori Sicurezza
Chiudi  (ANSA)

Sospensione della patente alla prima violazione per l'art.173 del Codice della Strada, per l'indebito utilizzo durante la guida del cellulare, tablet, smartphone; modifica dell'art.187 per sanzionare attraverso appositi apparecchi e direttamente su strada (con i "drogometri" ancora attesi dal 2010) chi assume stupefacenti e si pone alla guida; utilizzo delle telecamere, gestite dagli organi di polizia stradale, per poter sanzionare tutte le violazioni al Codice della Strada, compreso chi messaggia o si fa selfie o video alla guida. Sono tra le proposte contenute in una lettera aperta dell'Asaps, Associazione sostenitori Polstrada, a deputati e senatori in occasione dei lavori per la conversione in legge del decreto legge 'Infrastrutture bis'.
    Riprendere e sanzionare con una telecamera le migliaia di automobilisti che messaggiano o che si fanno selfie o video alla guida "impedirebbe quell'enorme numero di tamponamenti o fuoriuscite autonome, che la cronaca locale poi descrive come dovute a cause in corso di accertamento".
    L'Asaps chiede anche l'inasprimento delle sanzioni quando coinvolti e vittime sono utenti vulnerabili: ciclisti, monopattinisti, pedoni, motociclisti, ma anche anziani e bambini sotto i 14 anni. E ancora, attuare da subito, con fondi messi a disposizione del Ministero delle Infrastrutture, un portale dei dati sugli incidenti "in cui tutti gli organi di polizia stradale possano inserire, nell'immediatezza e senza ritardi, ogni informazione utile, sulla tipologia del sinistro, sulle vittime, con un pacchetto di dati statistici che sia di semplice e immediata lettura" come avviene da febbraio 2020 con i dati della pandemia. Chiesta anche una riforma della patente a punti "che impedisca le tante criticità palesate da un sistema innovativo ma che viene aggirato con grande facilità, ad esempio con ultra80enni privi di punti perché 'rubati' dai familiari".
    Poi migliorare le infrastrutture grazie al Pnrr e un catasto della segnaletica stradale da attuare subito, creare un Osservatorio indipendente, targhino e obbligo assicurativo da subito per i monopattini, introdurre un'aggravante specifica per il reato di truffa quando commesso per ottenere un titolo di guida agli esami alle Motorizzazioni Civile, sospensione temporanea per il biennio 2023-2024 dell'aumento biennale della sanzioni al Codice della Strada, in base all'indice Istat-Foi, che porterebbe all'incremento (ad oggi) dell'8% circa di tutte le sanzioni dal prossimo 1 gennaio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Piani su sicurezza stradale e controllo ponti, via libera del ministero delle Infrastrutture

Raggiunti altri due obiettivi del Piano

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) ha approvato i piani di intervento presentati dalle 72 Aree Interne del territorio nazionale per migliorare l'accessibilità e la sicurezza stradale, per i quali sono stati stanziati 300 milioni di euro del Piano Nazionale Complementare (Pnc) al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Sono stati firmati anche i protocolli di approvazione dei piani operativi predisposti dai concessionari autostradali e il decreto predisposto da Anas sull'implementazione dei sistemi di monitoraggio dinamico per il controllo da remoto di ponti, viadotti e tunnel nella rete viaria principale: un investimento di 450 milioni di euro finanziato dal Pnc. I fondi del Pnc relativi ai due interventi sono stati precedentemente ripartiti tra le Aree Interne, i concessionari autostradali e l'Anas e, sulla base del cronoprogramma, il Mims entro il 30 giugno deve approvare i piani e i programmi sull'uso delle risorse. Il Ministero ha così raggiunto altri due target del Piano. In particolare, il programma per le 72 Aree Interne (che comprendono 1.077 Comuni, per un totale di 2 milioni di abitanti) prevede il miglioramento della sicurezza della mobilità e dell'accessibilità attraverso interventi sulla rete viaria secondaria (strade provinciale e comunali), recuperando anche il deficit di manutenzione registrato negli anni passati. L'obiettivo è riqualificare circa 2.000 chilometri di strade e le relative opere d'arte (ponti, viadotti, ecc.). Le risorse sono state ripartite tra le Aree Interne in base a criteri che tengono conto della popolazione residente, della lunghezza delle strade, dei rischi sismici e di quelli legati al dissesto idrogeologico e della disponibilità di servizi del trasporto pubblico locale. Per quanto riguarda il monitoraggio dinamico di ponti, viadotti e tunnel sulla rete stradale e autostradale nazionale, i 26 concessionari autostradali e l'Anas hanno presentato i relativi piani operativi, ora approvati dal Ministero. Gli investimenti finanziati dal Pnc puntano a migliorare la sicurezza delle infrastrutture attraverso il censimento, la classificazione e gestione dei rischi per 12.000 opere d'arte della rete viaria principale. Di queste, 6.500 saranno dotate di strumentazione per il controllo a distanza, così da sottoporle a procedure di gestione della sicurezza che prevedono analisi della rete, sopralluoghi, gestione del sistema digitalizzato, classificazione delle priorità e attuazione degli interventi. Il decreto relativo al piano operativo dell'Anas e i protocolli di intesa con i concessionari prevedono un periodo di 30 giorni per consentire alla Direzione generale per le strade e le autostrade del Mims, di verificare la congruità dei progetti con le finalità previste, sentita l'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali (Ansfisa). 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Accessori griffati per cani e gatti, le maison del lusso alla conquista del settore

Dopo Versace e Prada la nuova collezione Gucci Pet

Lifestyle Pets
Chiudi Gucci Pet (ANSA) Gucci Pet

Gatti ma soprattutto cani con collarini e pettorine griffate. Gli animali domestici sempre più stilosi visto che le grandi maison della moda sono da anni alla conquista del settore grazie alla pet mania dilagante anche in Italia. I marchi che ormai propongono accessori per gli animali domestici, dai trasportini alle cucce, sono numerosi: Da Versace a Prada, da Fendi a Etro, da Emporio Armani a Hermes e Ralph Lauren.



Anche il marchio della doppia G è sceso in campo con la nuova collezione Gucci Pet.



 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cnh Industrial, nuovo quartier generale Emea a Torino

Investimento tra i 5 e i 10 milioni, ospiterà i 1.200 dipendenti

Motori Industria
Chiudi Carlo Alberto Sisto, presidente Cnh Industrial Emea (ANSA) Carlo Alberto Sisto, presidente Cnh Industrial Emea

Cnh Industrial sceglie Torino per il quartiere generale europeo e guarda a Modena per la ricerca e sviluppo. In Italia dove i dipendenti sono 4.500, l'occupazione non è a rischio, anzi crescerà. La strategia per l'Emea del gruppo - dieci brand, circa 37.700 dipendenti, fatturato di 20 miliardi di dollari, 42 stabilimenti nel mondo con 30 centri di ricerca e sviluppo - è stata illustrata dal presidente Carlo Alberto Sisto, in un incontro a Torino con la stampa. Sisto ha annunciato che Cnh Industrial, società controllata dalla holding Exor, avrà dal prossimo anno la sede europea nel capoluogo piemontese, in Lungo Stura Lazio, dove lavoreranno 1.200 persone. "L'investimento è tra i 5 e i 10 milioni di euro, abbiamo approvato il progetto. Siamo pronti a partire con i lavori", ha spiegato il presidente che è torinese. Un altro tassello è Modena, dove a ottobre sarà inaugurato il Dynamic Driving Simulator, simulatore 'virtuale' per i test dei trattori. "Modena non è solo supercars, ma anche trattori", ha sottolineato Sisto. Nel centro di ricerca emiliano, il più grande d'Europa nel settore delle macchine agricole, oggi lavorano mille persone, di cui 600 ingegneri: saranno investiti 100 milioni di euro dei complessivi 240 previsti in Emea per la ricerca e sviluppo e saranno effettuate entro l'anno 150 assunzioni di ingegneri elettronici e meccanici (il 60-70% già fatte). Restano un fiore all'occhiello lo stabilimento di Jesi, dove lavorano più di mille persone e si producono 20.000 trattori all'anno, di cui il 70% viene esportato all'estero e quello di Lecce, dove si fanno macchine movimento terra (circa 20.000 pezzi all'anno) con oltre 650 dipendenti che quest'anno spegne 50 candeline. Ultima realtà è San Piero in Bagno (Forlì). dove si producono macchine movimento terra, risultato dell'acquisizione a fine 2021 di Sampierana, con 350 lavoratori. Sisto ha spiegato che la mancata fatturazione in Russia, dovuta al blocco della produzione, e la riduzione dell'attività in Ucraina non avranno impatti sui conti 2022 di Cnh Industrial. "In Russia dove facciamo attività di assemblaggio- ha spiegato - abbiamo fermato il sito produttivo il 25 febbraio. in questo momento non spediamo neppure un bullone. Non ci sono stati licenziamenti, ma i nostri 200 dipendenti sono a casa". In Ucraina Cnh Industrial ha ripreso la sua attività sia per la stagione di semina sia per la raccolta. "Siamo vicini ai clienti perché possano raccogliere il grano e ai nostri dipendenti" ha detto il presidente dell'Emea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Covid: 94.165 contagi, 60 morti. Il tasso schizza al 26,36%

Fiaso, i ricoveri crescono del 17,7%. Aumentano i problemi respiratori

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Medici in terapia intensiva (ANSA) Medici in terapia intensiva

Sono 94.165 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 83.555. Le vittime sono invece 60, in lieve calo rispetto alle 69 di ieri. Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 357.210 tamponi con il tasso di positività schizza al 26,36%, rispetto all'11,6% di ieri. Sono invece 248 pazienti ricoverati in terapia intensiva, 11 in più rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 37. I ricoverati nei reparti ordinari sono 6.254, ovvero 219 in più rispetto a ieri.

I ricoveri per Covid-19 sono aumentati del 17,7%. Lo rileva la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso) con i dati della rete di ospedali sentinella, relativi al 28 giugno. A incidere di più sono i ricoveri nei reparti ordinari (+20,9%). Pesano in particolare i ricoverati Per Covid, ossia con sindromi respiratorie e polmonari (+ 34,5%), mentre i ricoverati Con Covid, cioè coloro che arrivano in ospedale per altre malattie e vengono trovati incidentalmente positivi, salgono del 10%. Per il presidente della Fiaso, Giovanni Migliore, sull'aumento dei ricoveri incide il tempo trascorso dall'ultima vaccinazione.

Sempre nelle terapie intensive, il 38% dei ricoverati risulta non vaccinato e la percentuale sale al 56% tra chi ha sviluppato una patologia polmonare ed è ricoverato Per Covid. Si abbassa inoltre l'età media dei ricoverati in intensiva (59 anni i vaccinati e 48 i non vaccinati).

"L'aumento dei ricoveri registrato oggi è significativo non solo per il rialzo del numero di pazienti, ma soprattutto perché torna a crescere la prevalenza della patologia polmonare tipica del virus SarsCov2, i cosiddetti ricoverati Per Covid", osserva Migliore.

"Mentre negli ultimi mesi la gestione clinica del paziente Covid ha portato alla realizzazione di reparti multidisciplinari nei quali finivano i malati con fratture o patologie internistiche e chirurgiche, trovati incidentalmente positivi al virus ma bisognosi di assistenza specialistica per altre patologie, adesso - rileva - tornano a essere necessarie l'assistenza respiratoria e la ventilazione. Va considerato che tutti i pazienti vaccinati e ricoverati hanno ormai fatto l'ultima dose da oltre 6 mesi e questo aumenta il rischio che ci sia un rialzo dei ricoveri nelle prossime settimane".

Aumentano infine del 13,3% anche i ricoveri nei reparti pediatrici, soprattutto nei bambini molto piccoli, tra 0 e 4 anni (66,7%). Anche per i bambini, l'aumento si concentra sui ricoveri Per Covid.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Hyundai Motor svela design della berlina elettrica Ioniq 6

Improntata a massima efficienza aerodinamica ha 0,21 di Cx

Motori Prove e Novità
Chiudi Hyundai IONIQ 6 (ANSA) Hyundai IONIQ 6

Dopo diverse anticipazioni Hyundai Motor Company ha svelato il design 'aerodinamico e senza tempo' di Ioniq 6, secondo modello del marchio corano dedicato esclusivamente alla gamma elettrica. Ispirato al concept Prophecy EV Ioniq 6 è caratterizzato da linee pulite e semplici e da una forma aerodinamica pura che i designer Hyundai definiscono 'Efficienza Emotiva'. Il tema di 'aerodinamica elettrificata' di Ioniq 6 e gli interni che proteggono e appagano come in un bozzolo formano una silhouette 'su misura' per la nuova era della mobilità elettrica.
    "Ioniq 6 mostra un'emotiva convergenza tra funzionalità ed estetica - ha commentato SangYup Lee executive vice president and head of Hyundai Design Center - il distintivo design streamline è il risultato della cooperazione stretta tra ingegneri e designer, con un'attenzione quasi ossessiva al dettaglio e ponendo al centro i valori dei clienti. Abbiamo creato Ioniq 6 come ambiente accogliente pensato per le persone, capace di offrire a tutti uno spazio piacevole e personalizzato".

 

    La silhouette improntata alla massima efficienza aerodinamica propone curve semplici ma sensuali, imboccando quella che è una delle 'strade' più nuove nell'era della mobilità elettrica.
    Ioniq 6 ha un bassissimo coefficiente di resistenza aerodinamica (appena 0,21) che è stato ottenuto con il frontale basso, con i deflettori d'aria attivi nella parte anteriore, con i passaruota ridotti e con - se presenti come opzione - con gli sottili specchietti - telecamera laterali.
    Contribuiscono ulteriormente alla distintiva attitudine a fendere l'aria di Ioniq 6 lo spoiler ispirato a un'ala ellittica con appendice aerodinamica, la leggera struttura posteriore che richiama la coda di una barca e le prese d'aria laterali integrate nel paraurti posteriore. Anche sotto la vettura, lo sforzo per ottenere una migliore 'scorrevolezza' nell'aria (grazie alla riduzione delle turbolenze) è evidente nella chiusura completa del sottoscocca, nei deflettori ottimizzati e nella riduzione dello spazio dei passaruota.
    Gli interni d 'effetto cocoon' definiscono uno spazio personale su ruote particolarmente curato, che è stato ottenuto utilizzando come base per Ioniq 6 l'Electric Global Modular Platform (E-GMP) di Hyundai Motor Group. I progettisti hanno potuto allungare l'abitacolo, davanti e dietro, per creare uno spazio ottimizzato per le gambe e un layout che garantisce il confort dei passeggeri. La piattaforma E-GMP consente inoltre di avere un pavimento completamente piatto, che offre una sensazione di ariosità e ampiezza ancora maggiore.
    L'architettura interna incentrata sulla persona è ben rappresentata da un'unità di controllo progettata in modo ergonomico e collocata in posizione centrale per ridurre le distrazioni e favorire una guida sicura e intuitiva. La plancia modulare con touchscreen integra un display full-touch da 12,3 pollici per l'infotainment e un cluster digitale da 12,3 pollici. La console centrale a ponte offre inoltre un comodo e generoso vano portaoggetti all'interno dell'auto. Sedili e pannelli dell'abitacolo utilizzano materiali e trattamenti sostenibili. A seconda dell'allestimento, questi possono includere pelle trattata ecologicamente (sedili), tessuto PET riciclato (sedili), pelle trattata ecologicamente TPO (cruscotto), tessuto bio PET (headliner), vernice bio derivata da oli vegetali (pannelli porta) e moquette in tessuto derivato dal riciclo delle reti da pesca - quest'ultima è una novità assoluta per la gamma Ioniq.
    L'anteprima mondiale di Ioniq 6 si terrà a luglio, quando Hyundai rivelerà tutte le caratteristiche, le specifiche tecniche e le tecnologie avanzate dell'Electrified Streamliner.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Toyota: terzo calo mensile per produzione domestica

Allentamento restrizioni Shanghai non sufficienti per ripartenza

Motori Industria
Chiudi Toyota (ANSA) Toyota

Il lockdown anti-Covid attuato negli scorsi mesi a Shanghai continua a pesare sulla produzione di Toyota, che registra l'ennesimo declino su base mensile. In maggio l'output domestica è diminuita del 28,5% a 144.204 veicoli, comunica la casa auto nipponica, mentre fa ancora fatica a ricevere le necessarie forniture di chips dalla Cina, e le parti di ricambio malgrado la recente ripresa delle catene prioduttive negli stabilimenti. A livello globale la produzione è scesa del 5,3%, sfiorando le 635.000 autovetture: si tratta di un ridimensionamento rispetto alle 700mila stimate, dovuto in questo caso alle criticità delle fabbriche in Sud Africa, colpite dalle recenti alluvioni. Sebbene le autorità cinesi abbiano allentato le restrizioni nella città di Shanghai a partire dal primo giugno, l'indotto del mercato auto, in particolare quello dei maggiori costruttori giapponesi, è stato fortemente penalizzato dalla lunga chiusura delle catene produttive, in un contesto già in forte difficoltà dall'inizio dell'emergenza sanitaria.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Peugeot lancia e-Expert Hydrogen, furgone compatto a idrogeno

Nuova tecnologia adatta a un uso intensivo

Motori Eco Mobilità
Chiudi Peugeot lancia e-Expert Hydrogen, furgone compatto a idrogeno (ANSA) Peugeot lancia e-Expert Hydrogen, furgone compatto a idrogeno

Peugeot diventa uno dei primi costruttori a realizzare, nel segmento dei furgoni compatti, un veicolo di serie con una power-unit elettrica alimentata da una pila combustibile a idrogeno (hydrogen fuel cell): l'e-Expert Hydrogen. I vantaggi sono evidenti: la pila a combustibile consente una ricarica rapida che apre la possibilità di un uso intensivo senza emissioni. In soli tre minuti il Peugeot e-Expert Hydrogen, riesce ad immagazzinare l'idrogeno necessario per percorrere circa 400 chilometri in modalità 100% elettrica.
    L'obiettivo del Brand francese è chiaro: investire in una nuova soluzione di mobilità a zero emissioni di CO2 senza compromessi diventando leader nella mobilità a idrogeno. La pila a combustibile alimentata a idrogeno soddisfa questi requisiti consentendo l'utilizzo intensivo, lunghe distanze, ricarica rapida e massimo volume utile. e-EXPERT Hydrogen utilizza una tecnologia di nuova generazione chiamata "Next gen e-Van Hydrogen efficiency" che associa due fonti di energia elettrica a bordo grazie al sistema "mid-power plug-in hydrogen fuel cell electric" specifico di Stellantis. La pila a combustibile è abbinata a una batteria agli ioni di litio ricaricabile con capacità di 10,5 kWh e una potenza di 90 kW. Posizionata sotto i sedili, la batteria, alimenta anche il motore elettrico durante alcune fasi di guida.
    Per l'alimentazione viene utilizzato un caricabatterie trifase di bordo da 11 kW. Queste due fonti di energia lavorano in sinergia per alimentare un motore elettrico a magneti permanenti, con una potenza di 100 KW (136 Cv) che eroga una coppia di 260 Nm.
    Situata sull'asse anteriore, questa catena di trazione elettrica è simile a quella del Peugeot e-Expert (modello elettrico a batteria). Il furgone presenta le stesse caratteristiche di volume di carico delle versioni diesel ed elettrica a batteria: fino a 6,1mü di volume di carico, 1100 kg di carico utile, 1000 kg di capacità di traino. La batteria ad alta tensione è garantita per 8 anni o 160.000 km per almeno il 70% della sua efficienza. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Patente: no da Confarca a revoca per assenza a esame rinnovo

Ad audizione DL in Senato chiesto ampliamento platea esaminatori

Motori Norme e Istituzioni
Chiudi Patente: no da Confarca a revoca per assenza a esame rinnovo (ANSA) Patente: no da Confarca a revoca per assenza a esame rinnovo

La Confederazione italiana autoscuole riunite e consulenti automobilistici ha chiesto nel corso di un'audizione in Commissione Lavori Pubblici del Senato che venga modificata la norma sulle patenti, contenuta nel Decreto Legge Infrastrutture e Mobilità sostenibili, approvato il 15 giugno in Consiglio dei Ministri. Il provvedimento prevede la revoca della patente nel caso il titolare del documento di guida non si presenti alla prova pratica necessaria per ottenerne il rinnovo dopo la sua scadenza ed entro cinque anni da tale termine.
    In base, infatti, alle nuove norme, emendabili in Senato sino al 5 luglio, "nel caso di rinnovo di patenti scadute da più di cinque anni, il titolare deve superare positivamente una nuova prova pratica di guida, finalizzata ad accertare il permanere dell'idoneità alla guida, senza sostenere nuovamente l'esame di teoria. In caso di mancata partecipazione alla prova pratica la patente viene revocata".
    Paolo Colangelo, presidente di Confarca che rappresenta oltre 2.500 scuole guida del Belpaese, ha chiesto che venga prevista la modifica dell'articolo, prevedendo anziché la revoca, "la sospensione della patente in caso di assenza e fino a quando il candidato non sosterrà di nuovo l'esame". Se, infatti, venisse confermata la prima stesura del testo, spiega lo stesso Colangelo, "un candidato che si è dimenticato di rinnovare la patente per un qualsiasi motivo, come per esempio aver vissuto all'estero oppure esser stato impossibilitato per motivi personali, in caso di assenza all'esame per il rinnovo vedrà la sua patente revocata".
    Nel corso della medesima audizione in Senato, Confarca ha, inoltre, chiesto di ampliare la platea degli esaminatori da impiegare per l'esame per la patente includendo, a supporto dei funzionari dei dipartimenti della Motorizzazione Civile, oltre a quelli provenienti da altri dipartimenti del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili anche quelli che siano prima abilitati e poi, in seguito a ricorso al Tar, si siano visti annullare la stessa abilitazione. "La finalità - conclude Colangelo - è ampliare la platea del personale esaminatore". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Trasporto merci, in Italia cresce la percentuale su gomma

Ricerca dell'Osservatorio Mobilità Sostenibile di Airp

Motori Sotto la Lente
Chiudi Trasporto merci, in Italia cresce la percentuale su gomma (ANSA) Trasporto merci, in Italia cresce la percentuale su gomma

In Italia cresce la percentuale di trasporto merci su gomma. Un'elaborazione dell’Osservatorio sulla Mobilità Sostenibile di Airp (Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici) sulla base di dati Eurostat, spiega infatti che nel 2015 in Italia sono state trasportate su gomma 116.820 milioni di tonnellate di merci per chilometro, passate a 133.265 milioni nel 2020, con un aumento del 14,1%.

Si tratta di una crescita maggiore rispetto a quella media registrata nello stesso periodo nell’Unione Europea, che è stata dell’11,7%. Rispetto al 2015, oltre la metà degli Stati membri dell’Unione Europea ha fatto registrare nel 2020 un aumento del trasporto merci su gomma. I maggiori aumenti assoluti del trasporto merci su strada sono stati osservati in Lituania (+108,8%) e Romania (+41%). La Polonia ha fatto registrare nel periodo 2015-2020 una crescita del 36,1%, seguita da Spagna (+15,7%) e Italia (+14,1%). Più indietro, al quarto posto, la Francia (+10,5%).

Tendenza negativa, invece, per la Germania, passata da 314.816 tonnellate per chilometro trasportate su strada nel 2015 alle 304.613 del 2020 (-3,2%). Nell’anno maggiormente colpito dall’emergenza legata alla pandemia, il trasporto merci su strada è calato in media dello 0,9% nei paesi membri dell’Ue e, tra quelli che trasportano le maggiori quantità di prodotti, in Italia è diminuito del 3,4%, in Spagna del 2,9%, in Francia del 2,5% e in Germania del 2,3%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Sicurezza stradale, via al Pet camper tour contro abbandono

In collaborazione con Anas, tra Toscana, Lazio e Abruzzo

Motori Sicurezza
Chiudi  (ANSA)

"Tu hai 4 ruote, loro 4 zampe. La tua prudenza ci farà tornare a casa". Con questo slogan torna la seconda edizione del Pet Camper Tour che quest'anno si propone come campagna di sensibilizzazione viaggiante, in collaborazione con Anas (Gruppo Fs), in difesa di tutti gli animali, abbandonati o selvatici, purtroppo spesso vittima di incidenti a causa della velocità. Migliaia di impatti sulle strade che coinvolgono, in alcuni casi drammaticamente, gli stessi umani.
    Ecco quindi che l'associazione Pet Carpet, ente educativo e culturale per la salvaguardia dell'ambiente e degli animali, fondato e presieduto dalla giornalista Federica Rinaudo, ritorna on the road con lo scopo di evidenziare queste tematiche particolarmente delicate durante la stagione estiva, nella quale si registra da sempre il più alto picco di abbandoni.
    Una serie di tappe, quest'anno previste dall'1 al 17 luglio 2022 tra Lazio, Toscana, Abruzzo, nelle quali esperti, volontari delle associazioni, testimonial, sono pronti a dispensare consigli e raccomandazioni rispetto al comportamento corretto da adottare mentre si è alla guida: come affrontare pericoli imprevisti, cosa fare in caso di avvistamento di un animale in strada, chi contattare in caso di collisione. Il progetto, realizzato grazie al sostegno di Vitakraft e Pet Store Conad, include diverse iniziative dedicate al forte legame che unisce uomini e animali. In ogni tappa, rigorosamente all'aperto, sarà possibile partecipare gratuitamente a giochi e quiz per ricevere gadget a tema, ma anche lasciare video dediche del cuore. Gli amanti degli animali potranno, infatti, raccontare la loro esperienza con gli amici animali al team di videomaker presenti nelle varie località e partecipare, gratuitamente, al Pet Carpet Film Festival, la kermesse internazionale dedicata al mondo animale e divisa in varie sezioni: cortometraggi, dediche, cinema d'animazione, documentari e foto.
    Testimonial del Pet Camper 2022 l'attore Enzo Salvi e Zita, la dolce bassottina che gira il mondo per una mission solidale su due ruote con il suo inseparabile umano, Cosimo Pintore. Le tappe del camper nel Lazio toccheranno l'1 luglio il Policlinico Tor Vergata, il 2 luglio il parco acquatico Aquafelix di Civitavecchia, il 3 luglio il parco divertimenti Fantastico Mondo del Fantastico a Lunghezza (ingresso gratuito per i bambini). In Toscana: 9 e 10 luglio rispettivamente centro commerciale Acquerta di Cecina e Dog Beach San Vincenzo di Livorno, mentre in Abruzzo il 16 e il 17 luglio area faunistica Rocca San Giovanni (Ch) e parco acquatico Aqualand di Vasto.
    Info www.petcarpetfestival.it
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Citroën sbarca a La Maddalena con una flotta elettrica

Un progetto per la mobilità sostenibile dell'isola sarda

Motori Eco Mobilità
Chiudi Citroën sbarca a La Maddalena con una flotta elettrica (ANSA) Citroën sbarca a La Maddalena con una flotta elettrica

Con il progetto “Citroën drive La Maddalena electric” il brand francese contribuisce a promuovere la mobilità elettrica dell’isola della Maddalena. Unica isola abitata dell’omonimo arcipelago, posta di fronte alla costa nord-orientale della Sardegna, è meta turistica per il suo habitat naturalistico e i meravigliosi fondali marini.

Con questa iniziativa, Citroën ha consegnato alle Autorità locali una flotta di nove veicoli elettrici incluse due WallBox per la ricarica. Inoltre, a tutti i suoi abitanti ha offerto vantaggi esclusivi per l’acquisto di veicoli elettrificati della propria gamma. Sette le Citroën Ami che compongono la flotta, così ripartite: tre per il Comune e una ciascuno per Marina Militare, Ente Parco Nazionale, Polizia Locale e Capitaneria di Porto. Le altre vetture sono una Citroën ë - C4 Elettrica, al Comune e un Citroën ë – Berlingo Elettrico per la Protezione Civile.

Ogni veicolo, personalizzato con le grafiche ed i colori delle singole Istituzioni, è in grado di rispondere al meglio alle esigenze di mobilità sull’isola nel rispetto dell’ambiente: silenziosa e senza emissioni di CO2, sia nei centri abitati che lungo le strade immerse nella natura. I nove veicoli si distinguono per la loro accessibilità, praticità d’uso e per la semplicità del processo di ricarica. Il brand francese vuole rendere l’elettrificazione e il progresso accessibili a tutti gli abitanti sull’isola, comprese le Autorità Pubbliche.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mostre del weekend, da Somaini a pittura veneta del '700

A Reggia di Caserta storia dei giardini da Rinascimento a '800

ViaggiArt Speciali
Chiudi  (ANSA)

La pittura veneta del '700 in Trentino e la storia dei giardini dal Rinascimento all'800, e poi un excursus nel percorso creativo di Francesco Somaini: sono alcune delle mostre che aprono il mese di luglio. TRENTO - "I colori della Serenissima. Pittura Veneta del Settecento in Trentino" è in programma dal 2 luglio al 23 ottobre al Castello del Buonconsiglio. Documentando l'influsso dell'arte veneziana nella vallate del Trentino, la mostra presenta 70 opere, molte di grandi dimensioni, provenienti da musei e collezioni europee e statunitensi.
    MILANO - Nelle tre sedi di Palazzo Reale, Museo del Novecento e Fondazione Somaini è allestita dal 1 luglio all'11 settembre "Somaini e Milano", curata da Fulvio Irace, Luisa Somaini e Francesco Tedeschi su progetto di Enrico Crispolti. Attraverso numerose opere (sculture, disegni, progetti, modelli, dipinti e fotografie) il percorso ricostruisce la multiforme ricerca creativa di Francesco Somaini, a partire dagli anni della formazione e fino all'ultima stagione, portando alla luce la collaborazione con i protagonisti della cultura milanese a lui contemporanei.
    BIELLA - Al Santuario di Oropa dal 2 luglio al 18 settembre la mostra personale di Daniele Basso dal titolo "Le pieghe dell'anima", a cura di Irene Finiguerra. Esposte 9 opere (monumentali sculture in acciaio a specchio lucidato a mano), per stabilire un dialogo tra arte contemporanea e spiritualità in un percorso che coinvolge spazi aperti e altri luoghi non convenzionali.
    CASERTA - Circa 200 opere tra dipinti, disegni, sculture, erbari, libri e oggetti d'arte e interpretazioni contemporanee racconteranno la storia del giardino attraverso i secoli nella mostra "Frammenti di Paradiso. Giardini nel tempo alla Reggia di Caserta", allestita nella residenza reale dal 1 luglio al 16 ottobre. Curata da Tiziana Maffei, Alberta Campitelli, Alessandro Cremona, la mostra partendo dal complesso della Reggia di Caserta mette in relazione sistemi di ville e i loro giardini che hanno caratterizzato la penisola, dal Rinascimento ai primi anni dell'Ottocento.
    PERUGIA - La Galleria Nazionale dell'Umbria, dopo un anno di lavori, dal 1 luglio propone ai suoi visitatori un nuovo allestimento, firmato da Daria Ripa di Meana e Bruno Salvatici, con alcuni inserti di opere recentemente acquisite o richiamate dai depositi. Tra le novità, la creazione di due sale monografiche dedicate al più grande maestro umbro, Pietro di Cristoforo Vannucci, noto come il Perugino, e per la prima volta di una sala 'contemporanea', che ospiterà la generazione di artisti umbri quali Gerardo Dottori, Alberto Burri, Leoncillo.
    FIRENZE - "Armando Giuffredi Disegni di uno scultore" è la mostra allestita dal 1 al 31 luglio all'Accademia delle Arti del Disegno che per la prima volta presenta al pubblico una selezione di disegni dello scultore, medaglista e xilografo emiliano. Curata da Andrea Bacchi e Roberto Cobianchi, con l'ausilio del figlio dell'artista stesso, Augusto Giuffredi, l'esposizione propone circa 70 opere, tra acquerelli, disegni a matita, a carboncino e cartoni preparatori per sculture a tutto tondo e rilievi, databili soprattutto tra la metà degli anni '30 e i primi anni '50.
    MORESCO (FM) - Mette al centro la ritualità di ieri e di oggi la mostra "Shōzō Shimamoto, Yasuo Sumi. Sui campi riarsi i sogni vanno errando", a cura di Giulia Perugini, al Tomav Torre Moresco Centro Arti Visive dal 3 luglio al 4 settembre (in collaborazione con Moca Monsano Contemporary Art Feast). In una polifonia di stimoli visivi e uditivi, per riunire insieme l'Oriente e l'Occidente, il passato e il presente, l'esposizione documenta i nuclei generativi che hanno nutrito tutte le esperienze di Gutai (di cui Shōzō Shimamoto e Yasuo Sumi sono illustri esponenti) fin dal 1954, anno in cui il gruppo muove suoi primi passi nel mondo dell'arte. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Cate Blanchett ambasciatrice dell'alta gioielleria Vuitton

Nelle foto di Solve Sundsbo con gioielli disegnati da Ghesquiere

Lifestyle Lusso
Chiudi  (ANSA)

Cate Blanchett è l'ambasciatrice della nuova collezione di alta gioielleria di Louis Vuitton, Spirit. Nella campagna firmata dal fotografo Solve Sundsbo, l'attrice posa in una serie di cinque ritratti, incarnando con naturale eleganza i temi della collezione - Liberty, Fantasy, Grace, Radiance e Destiny - scelti dalla direttrice artistica delle linee Orologi e Gioielleria, Francesca Amfitheatrof. "Sono incredibilmente felice - commenta la diva - dell'opportunità di collaborare con Louis Vuitton, una maison davvero iconica con un'enorme patrimonio culturale. Indossare i magnifici gioielli creati da Francesca Amfitheatrof è un piacere meraviglioso e Nicolas Ghesquière, come sempre, mi stupisce e m'ispira".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Gucci Pet, dal guardaroba al divanetto per riposino

Materiali di qualità, combinati ad artigianalità e sostenibilità

Lifestyle Pets
Chiudi  (ANSA)

La nuova collezione Gucci Pet propone una selezione di articoli pensati per cani e gatti che combina materiali di alta qualità e spunti legati a Gucci Lifestyle, collezione lanciata nel settembre 2021 e ispirata alla wunderkammer, o gabinetto delle curiosità: un luogo dove raccogliere tutti quegli oggetti che, pur facendo parte della vita di tutti i giorni, emanano un'aura di magia e suscitano stupore. Ecco quindi collari e pettorine per gli amici a quattro zampe, realizzati in pelle, tessuto GG Supreme, nastro Web, stampa Herbarium o stampa G geometrica all-over, abbelliti da dettagli quali il logo con la doppia G intrecciata o le borchie.
    Guinzagli di varia lunghezza e larghezza, porta sacchetti e custodie per air tag sono disponibili negli stessi materiali e motivi. Ci sono anche oggetti di design come divani in miniatura made-to-Order, su cui gli animali domestici possono riposare, ciotole con varie stampe della maison, copri ciotola, custodie rigide con ciotole in ceramica estraibili e maniglie che ne facilitano il trasporto, tappetini coordinati. Sono disponibili anche comodi trasportini in tessuto GG Supreme. Il guardaroba comprende polo, T-shirt, maglieria e cappotti, declinati in una palette di colori vivaci e in motivi divertenti e very Gucci, quali la stampa con fragole o cuori all-over, la doppia G intrecciata o il classico monogramma, che si ritrovano anche nei capi ready-to-wear Gucci, per chi desidera un look coordinato.
    La campagna della collezione è firmata da Max Siedentopf, che ne è anche art director.     In linea con l'impegno della maison in materia di sostenibilità, la collezione Gucci Pet propone articoli in poliestere riciclato, cotone riciclato o Demetra, il rivoluzionario materiale che Gucci ha presentato nel giugno 2021, risultato di due anni di ricerca e sviluppo interno, realizzato con materie prime animal-free, derivanti in larga parte da fonti sostenibili, rinnovabili e a base biologica. Nato dal desiderio di Gucci di innovare e sperimentare nuovi materiali per il futuro, Demetra è prodotto interamente in Italia negli stabilimenti della maison.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Volkswagen, con Siemens per crescita di Elettrify America

Investimento da 450 milioni per rete di ricarica USA e Canada

Motori Eco Mobilità
Chiudi Volkswagen, con Siemens per crescita di Elettrify America (ANSA) Volkswagen, con Siemens per crescita di Elettrify America

Con 450 milioni di dollari di investimento, Il Gruppo Volkswagen, insieme a Siemens, supporta i piani di crescita di Electrify America, ovvero la più ampia rete pubblica di ricarica ultrarapida del Nord America e aperta a veicoli elettrici di tutti i costruttori. Tramite il proprio ramo finanziario Siemens Financial Services), l’azienda è diventata infatti azionista di minoranza in Electrify America con un investimento milionario a tre cifre. Con Siemens, in Electrify America entra il primo investitore esterno e un importante partner tecnologico.

Questo comporta un'accelerazione sull'espansione dell'infrastruttura di ricarica pubblica negli Stati Uniti e in Canada, in linea con la strategia New Auto del Gruppo Volkswagen. "Con questo nuovo investimento in Electrify America - ha commentato Thomas Schmall, Membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Volkswagen con responsabilità per la Tecnologia e CEO di Volkswagen Group Components - diamo un ulteriore impulso alla mobilità elettrica in Nord America e espandiamo sistematicamente il business legato alla ricarica e all’energia". Il piano prevede di andare oltre il raddoppio dell'infrastruttura di Electrify America, portandola in 1.800 località e a 10.000 punti di ricarica rapida entro il 2026.

"La partnership strategica con Electrify America, uno dei maggiori investimenti di Siemens nell’e- mobility - ha dichiarato Veronika Bienert, CEO di Siemens Financial Services - mira a far crescere un ecosistema collaborativo che favorisca la diffusione di veicoli elettrici negli Stati Uniti e in Canada. La nostra capacità unica di combinare il know-how finanziario e tecnologico contribuisce a concretizzare l'impegno di Siemens per la decarbonizzazione dei settori chiave e per velocizzare la transizione alla mobilità sostenibile, in un modo accessibile a tutti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Vent Derapage e Baja, le nuove 4 tempi 'Made in Valsassina'

Le 125 cc si rinnovano e puntano ad un pubblico più ampio

Motori Due Ruote
Chiudi Vent Derapage e Baja, le nuove 4 tempi 'Made in Valsassina' (ANSA) Vent Derapage e Baja, le nuove 4 tempi 'Made in Valsassina'

Si chiamano Derapage e Baja le nuove quattro tempi 'Made in Valsassina' e firmate Vent. Disponibile in quattro versioni, enduro e motard, con telaio alluminio e acciao, le nuove quattro tempi da 125cc seguono la crescita dei numeri del marchio italiano negli ultimi due anni, dettata dal successo dei modelli 50 cc e 125 cc ottenuto in Italia e in altri Paesi europei, tra i quali Francia, Austria, Germania, Olanda su tutti. Il percorso di Vent continua ora con l’arrivo di nuovi modelli che abbracciano un pubblico sempre più ampio, con Derapage e Baja 125 4 tempi, entrambe Euro5 e disponibili in versione con telaio acciaio e alluminio (modelli RR).

Le 125 4T di casa Vent si rinnovano a partire dalla livrea per arrivare all’equipaggiamento tecnico che si adegua alle nuove normative europee con il nuovo Motore Minarelli 125 4T Euro5 a fasatura variabile di ultima generazione. Il sistema di iniezione elettronica, il Variable Valve Actuation e la frizione antisaltellamento, garantisce alle moto l'accelerazione, mentre la nuova testa conferisce una combustione ottimale che si traduce in maggiore potenza, meno consumi e meno emissioni. Cambiano anche le misure, perché la moto si allunga e si allarga di 30 mm, mantenendo però una linea filante. Il nuovo telaio perimetrale 6.0, disponibile in versione acciaio e alluminio, ha un nuovo disegno che garantisce maggiore stabilità e comfort anche per un utilizzo con passeggero.

Nuova pure la taratura delle sospensioni con forcella RSV16 da 41 mm a steli rovesciati e il monammortizzatore posteriore pensato per massimizzare il comfort nell’uso stradale e in fuoristrada. Derapage 125 e Baja 125 4T hanno prezzi al pubblico di 5.090 euro per i modelli con telaio in acciaio e 5.790 euro per le versioni RR con telaio in alluminio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Helbiz, arriva iniziativa il 'parcheggio incentivato'

Per risolvere problema del parcheggio selvaggio dei monopattini

Motori Eco Mobilità
Chiudi Helbiz, arriva iniziativa il 'parcheggio incentivato' (ANSA) Helbiz, arriva iniziativa il 'parcheggio incentivato'

Per arginare il fenomeno del parcheggio selvaggio dei monopattini in città, Helbiz lancia il suo 'parcheggio incentivato'. L’iniziativa, partita la scorsa settimana a Milano e poi estesa a tutte le località in cui l’azienda opera, punta allo uno sconto del 20% sulla corsa appena terminata, purché si parcheggi in determinate zone, visualizzabili sull’app di Helbiz.

L’utente, una volta avviato il noleggio, avrà modo di verificare sulla app Helbiz quali sono le zone che rientrano tra quelle suggerite per un parcheggio corretto. Grazie al GPS integrato sui monopattini Helbiz, il sistema sarà quindi in grado di geolocalizzare immediatamente il mezzo e, nel momento in cui l’utente deciderà di terminare la sua corsa in corrispondenza di uno di questi punti, vedrà in tempo reale l’applicazione del 20% di sconto sul costo totale del noleggio.

"Il parcheggio incentivato lanciato da Helbiz - ha dichiarato Matteo Mamma, CEO di Helbiz EMEA - è la dimostrazione tangibile del nostro continuo impegno per una mobilità sempre più sicura e rispettosa del benessere cittadino. Da sempre portiamo avanti un dialogo continuo con le istituzioni e le Amministrazioni locali, impegnandoci affinché il nostro servizio sia sempre più sicuro e responsabile, al fine di costruire delle città del futuro green e sempre più vivibili". Il progetto del 'parcheggio incentivato' è attivo in tutte le 19 città italiane in cui Helbiz opera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A14: chiuso una notte tratto Pescara Nord-Pescara Ovest

In entrambe le direzioni, dalle 23 di mercoledì 29 alle 5 del 30

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

 Sull'autostrada A14, per consentire lavori di ricostruzione della linea elettrica di media tensione, dalle 23:00 di oggi mercoledì 29 alle 5:00 di domani giovedì 30 giugno, sarà chiuso il tratto compreso tra Pescara nord e Pescara ovest, in entrambe le direzioni, verso Bari e in direzione di Ancona/Bologna.
    In alternativa si consigliano i seguenti itinerari: verso Bari, dopo l'uscita obbligatoria alla stazione di Pescara nord, percorrere la viabilità ordinaria e rientrare sulla A14 alla stazione di Pescara ovest; verso Ancona/Bologna, dopo l'uscita obbligatoria alla stazione di Pescara ovest, percorrere la viabilità ordinaria e rientrare sulla A14 alla stazione di Pescara nord.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Stop ai motori benzina-diesel dal 2035. Via libera dai ministri dell'Ue

Misure pacchetto 'Fit for 55' passano ora a Parlamento europeo

Motori Norme e Istituzioni
Chiudi Archivio (ANSA) Archivio

L'industria dell'automotive deve prepararsi a dire addio a benzina e diesel nel 2035. Gli e-fuels - o ecocarburanti che dir si voglia - potranno invece avere altri giorni da vivere. Con una maratona negoziale di quasi diciassette ore, quando l'orologio segnava le tre di notte a Lussemburgo, i ministri europei responsabili dell'Ambiente hanno chiuso un'intesa storica sulle auto e il maxi pacchetto green Fit for 55. Che di fatto, se sarà approvata in via definitiva all'ultimo miglio dell'iter legislativo destinato a compiersi in autunno, segnerà un passo decisivo e irreversibile per i trasporti, l'energia, l'industria e l'edilizia. E, quel che è più importante, per il clima. Per il ministro per la transizione ecologica, Roberto Cingolani, è stato evitato il peggio. "I Paesi cosiddetti frugali che non producono automobili - ha detto - chiedevano il phase out molto prima, alcuni al 2027".
I punti tracciati un anno fa da Bruxelles restano invariati: lo stop a benzina e diesel per auto e furgoni nuovi sarà nel 2035. E questo, ha gioito il vicepresidente della Commissione Ue, Frans Timmermans, significa che il futuro della mobilità "è elettrico". Anche considerando che l''obiettivo zero CO2 al 2035 è qualcosa "che le auto ibride ad oggi non possono conseguire".
"Se i costruttori pensano di poterlo fare - ha osservato il politico olandese - vedremo, faremo le nostre valutazione nel 2026, dipende da loro". E infatti qualche deroga c'è. E sta molto a cuore all'Italia. Una salva la Motor Valley emiliana: le auto di lusso di marchi storici come Ferrari potranno ancora essere vendute con i classici motori termici. L'altra lascia uno spazio alla coesistenza tra gli ecocarburanti e l'elettrico per una transizione più sostenibile sotto il piano tecnologico e sociale nei tempi che verranno. Per entrambe l'ago della bilancia è stata la Germania, arrivata al tavolo delle trattative divisa nelle sue anime di governo tra i due ministri Verdi che guidano l'Economia e l'Ambiente, Robert Habeck e Steffi Lemke, per i quali il risultato è "storico", e i Liberali del responsabile delle Finanze Christian Lindner. L'asso nella manica di Berlino è diventato il punto d'approdo per tutti i Ventisette, le 'ambientaliste' Olanda e Danimarca comprese, e prevede che nel 2026 la Commissione Ue valuti i progressi compiuti dal settore verso le emissioni zero tenendo conto "degli sviluppi tecnologici, anche per quanto riguarda le tecnologie ibride plug-in".
Il problema, ha messo in guardia il presidente di Acea e ceo di BMW, Oliver Zipse, è garantire "l'accesso strategico alle materie prime chiave per la mobilità elettrica" e capire che "l'idrogeno e altri combustibili CO2 neutrali" giocano un "ruolo importante" nella decarbonizzazione. Di tutt'altro avviso Transport & Environment Italia, per la quale "ora bisogna concentrarsi sulla capillare diffusione delle infrastrutture di ricarica, la riqualificazione dei lavoratori dell'industria automobilistica e la costruzione della filiera delle batterie sostenibili". Mentre per Greenpeace quello raggiunto dai ministri è un accordo "rattoppato" e "la scadenza del 2035 è troppo tardi. Preoccupazioni per l'impatto dello stop alle auto inquinanti su imprese e occupazione i lavoratori sono state invece espresse dai sindacati come Fiom e Fim, da Conftrasporto, dall'Unione industriali di Torino e da diversi esponenti di Forza Italia
Le auto non sono state le uniche ad agitare le trattative. La riforma dell'Ets, con il passaggio dalle quote gratuite alla carbon tax e l'allargamento ai trasporti privati e al riscaldamento degli edifici ha incassato l'ok. Ma sul Fondo sociale per aiutare i cittadini e le imprese ad affrontare il costo della transizione energetica la sintesi trovata dai Paesi si ferma, con l'aiuto della mediazione della Francia, a 59 miliardi di euro tra il 2027 e il 2032. Bruxelles ne proponeva 72, i falchi del Nord meno della metà. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Clima, accordo in Ue per stop a motori combustione in 2035

Misure pacchetto 'Fit for 55' passano ora a Parlamento europeo

Ambiente & Energia Inquinamento
Chiudi  (ANSA)

Il Consiglio dei ministri Ue dell'Ambiente ha annunciato nella notte di aver raggiunto l'intesa sul pacchetto di misure green 'Fit for 55' per il clima che prevede tra l'altro la riduzione del 100% delle emissioni di Co2 entro il 2035 per auto e furgoni nuovi, quindi lo stop alla vendita di vetture a benzina e diesel entro quella data.
    La misura è intesa a contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici del continente, in particolare la neutralità del carbonio entro il 2050. Su richiesta di paesi tra cui Germania e Italia, l'Ue-27 ha anche convenuto di considerare un futuro via libera per l'uso di tecnologie alternative come carburanti sintetici o ibridi plug-in se capaci di raggiungere la completa eliminazione delle emissioni di gas serra. I ministri europei dell'Ambiente riuniti a Lussemburgo hanno anche approvato una proroga di cinque anni dell'esenzione dagli obblighi di Co2 concessa ai produttori cosiddetti 'di nicchia', ovvero quelli che producono meno di 10.000 veicoli all'anno, fino alla fine del 2035. La clausola, talvolta chiamata 'emendamento Ferrari', andrà a beneficio in particolare dei marchi del lusso. Queste misure devono ora essere negoziate con i membri del Parlamento europeo.  
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Chiuso ponte in Toscana, si è abbassato di 15 centimetri

Controlli tecnici in corso, ha tre campate in cemento armato

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Chiuso immediatamente un ponte in Toscana dove è stato riscontrato un abbassamento di 15 centimetri. Si tratta del ponte di San Donnino sulla statale 445 della Garfagnana, a Piazza al Serchio (Lucca), una struttura a tre campate in cemento armato. I vigili del fuoco sono intervenuti per avviare una verifica strutturale a seguito della segnalazione dell'abbassamento anomalo. La circolazione è stata immediatamente vietata, al sopralluogo partecipano anche il sindaco e i tecnici della Provincia di Lucca per le verifiche e gli eventuali provvedimenti. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A Fiumicino chiuso l'1/7 di notte il Ponte della Scafa

Per consentire lavori di Anas

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

(AAnas ha comunicato all'Ufficio Lavori Pubblici del Comune di Fiumicino la chiusura del Ponte della Scafa, che collega Fiumicino con Ostia ed attraversa a monte la foce maggiore del Tevere, tra le 21 e le 9 della notte tra l'1 ed il 2 luglio. Lo rende noto l'assessore ai Lavori Pubblici, Angelo Caroccia.
    "Sono lavori molto attesi, sia da questa Amministrazione che dai cittadini; alla fine delle operazioni al mattino, verranno riaperte entrambe le corsie - afferma - Sul viadotto sono già stati eseguiti già molteplici lavori della massima importanza per staticità e sicurezza sulla struttura portante e sui giunti, mentre ora si sta lavorando sulle spallette di contenimento, il passaggio pedonale, la carreggiata, la segnaletica e un leggero allargamento delle corsie con il livellamento della strada".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ucraina, scoppia scandalo dell'import auto usate esentasse

Esenzione utilizzata anche per modelli premium, persi 630milioni

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Anche se può apparire poca cosa in un momento come l'attuale, con la guerra che prosegue da 125 giorni, in Ucraina è scoppiato lo scandalo delle auto usate, o meglio dell'esenzione dal dazio sulle importazioni di veicoli usati che era stata varata ad aprile per aiutare a ricostruire e rinnovare il parco circolante.
    Come evidenzia Yaroslav Zheleznjak sul suo canale Telegram, questa agevolazione scadrà a fine giugno e di conseguenza si sta verificando una vera corsa agli acquisti in esenzione dell'ultimo minuto (media giornaliera 4.700 importazioni).
    Secondo Zheleznjak questa importazione di massa ha causato code lunghe anche chilometri, soprattutto ai confini con la vicina Polonia, principale passaggio degli arrivi dell'usato dalla Ue. Probabilmente in settimana si supererà l'attuale quota di 200mila unità arrivate in Ucraina in esenzione doganale.
    L'aspetto meno edificante della questione - sottolinea Zheleznjak - è che ad approfittare di questa regolamentazione speciale sono stati soprattutto ucraini domiciliati in zone nemmeno sfiorate dalla guerra e di classe sociale agiata. E ha calcolato che lo Stato ha perso introiti fiscali per 630 milioni di euro, legati soprattutto alla importazione esentasse di modelli premium e perfino di lusso.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Woody Allen, il mio prossimo film sarà probabilmente l'ultimo

Intervistato da Alec Baldwin, "senza le sale, è passato il piacere"

Lifestyle People
Chiudi Woody Allen (ANSA) Woody Allen

Un nuovo film in autunno a Parigi, ma sara' probabilmente l'ultimo, e senza troppa voglia: "E' passato il piacere, ora che non si esce piu' nelle sale", ha detto Woody Allen, intervistato su Instagram Live da Alec Baldwin, uno dei pochi attori di Hollywood che non hanno ostracizzato il regista di "Manhattan" dopo che nel 2017 la figlia adottiva Dylan ha rinnovato le accuse di averla molestata quando era bambina. Un'intervista sottotono: meno di tremila follower si sono collegati sul profilo social di Baldwin, lui stesso messo ai margini da Hollywood dopo lo sparo sul set del western "Rust" che lo scorso ottobre è costato la vita alla direttrice della cinematografia Halyna Hutchins.
    L'obiettivo dell'attore era di promuovere "Zero Gravity", l'ultima raccolta di racconti di Woody pubblicata negli Usa da Skyhorse, una casa editrice specializzata in autori "difficili".
    Composto di brani scritti anni fa per il settimanale 'New Yorker' e altri durante la pandemia, il volume in Italia è uscito con "La Nave di Teseo", ma negli Stati Uniti è stato virtualmente ignorato. Con un collegamento internet traballante che per tre volte ha interrotto la diretta, Woody si è collegato da casa, di sfondo all'inquadratura la carta da parati a fiorellini. "Cos'è Instagram?", ha chiesto, proclamando totale disinteresse per i social: "Ho una pagina Facebook - ha spiegato - ma la curano altri".
    Assenti dalla chiacchierata tutte le controversie che hanno messo i due interlocutori ai margini del mondo dello spettacolo.
    "Ti amo Woody", aveva detto Baldwin, che Woody ha diretto in "Alice", "To Rome with Love" e "Blue Jasmine", presentando l'intervista e anticipando polemiche: "Fatemi dire subito che ho zero interesse nel giudizio della gente e nei commenti ipocriti di chi pensa di essere moralmente superiore. Se pensate che un processo debba essere condotto attraverso un documentario di Hbo, sono fatti vostri".
    L'allusione era alla docu-serie "Allen contro Farrow" di Kirby Dick e Amy Ziering in cui l'anno scorso erano state rilanciate le accuse di molestie sessuali di Dylan, ma prima ancora Woody era diventato "persona non grata" a Hollywood quando Amazon aveva cancellato un contratto da 68 milioni di dollari per quattro film, mentre le ultime pellicole del regista hanno fatto fatica a trovare un distributore negli Stati Uniti e la casa editrice Hachette si è rifiutata di pubblicare le sue memorie.
    Il 49esimo film di Allen, "Rifkin's Festival", uscito nel maggio 2021 in Italia, ha fatto tonfo a fine gennaio durante una presenza lampo nelle sale americane. Ora, "forse", si girerà il 50/o: "Girare all'estero è stata una deliziosa esperienza, mia moglie adora passare mesi a Parigi, Londra, Barcellona", ha detto il regista alludendo a Soon Yi, la figlia adottiva dell'ex compagna Mia Farrow con cui a dicembre sarà sposato da 25 anni.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Borsalino apre il suo primo beach club

Struttura da 30 tende sulla spiaggia di Pietrasanta

Lifestyle Lusso
Chiudi  (ANSA)

Lo storico brand di accessori Borsalino debutta nel settore dell'hospitality di lusso annunciando l'apertura del suo primo beach club a Marina di Pietrasanta (Lucca). Si tratta di Panama restaurant beach Versilia by Borsalino, realizzato in collaborazione con l'imprenditore Gualtiero Vanelli, fondatore di Civiltà del Marmo. E' una struttura da 30 tende sulla spiaggia, un'area piscina in marmo di Carrara con bar ottagonale, un corner Borsalino, 2 aree vip e un ristorante che può ospitare fino a 120 persone.
    Progettato sotto la direzione artistica di Anna Mocchetti e con la supervisione di Borsalino, lo spazio è realizzato con marmi pregiati, mobili in midollino, tonalità di sabbia, tortora e verde. Il fiore all'occhiello, si spiega, è il ristorante con lo chef Patrizio Giacomelli e la sua brigata di 15 persone.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Giuseppe Fiorello regista Stranizza d'amuri da storia vera di omofobia

In postproduzione, torna a delitto di due giovani gay in 1980

Lifestyle Società & Diritti
Chiudi  (ANSA)

ll delitto di Giarre, un crimine d'odio, del quale Il 31 ottobre 1980 sono stati vittime due ragazzi gay, Giorgio Agatino Giammona di 25 anni e Antonio Galatola detto Toni,di 15, trovati morti, mano nella mano, uccisi da un colpo di pistola ciascuno alla testa. E' il fatto vero che ha liberamente ispirato Stranizza d'amuri, il debutto alla regia di Giuseppe Fiorello, con protagonisti Gabriele Pizzurro e Samuele Segreto prodotto da Ibla Film con Rai Cinema e Fenix Entertainment, in associazione e Silvio Campara, Golden Goose e Genera Life, che in Italia sarà distribuito da Bim, ed acquisito per le vendite da Pulsar Films, scrive Variety.
    Un omicidio, quello di Giarre che causò un'emozione tale da portare alla nascita del primo collettivo di Fuori! (o F.U.O.R.I., acronimo di Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano) a Catania e a poco più di un mese dal ritrovamento dei corpi dei due ragazzi, a Palermo del primo circolo Arcigay da un'idea di Don Marco Bisceglia, sacerdote cattolico dell'area del dissenso.
    Quel delitto "è stato un crimine che ha cambiato per sempre la percezione dell'omosessualità in Italia - ha detto Eleonora Pratelli di Ibla Film a Variety -. Il suo impatto emozionale sulla pubblica opinione è stato così proffondo e vasto che haa portato alla creazione della prima associazione per la difesa dei diritti degli omosessuali". E' una storia " ancora drammaticamente rilevante oggi". Fiorello ha spiegato di aver aspettato molti anni prima di decidere di passare dietro la macchina da presa, "ho sempre avuto rispetto e timore per un mestiere così complicato, difficile e sono molto emozionato soprattutto per la storia che ho deciso di raccontare. Da anni seguo con interesse un delitto accaduto in provincia di Catania alla fine degli anni '70 e per anni ho pensato che quella storia di un amore senza tempo, mai consumato e per sempre ricordato dovesse diventare un racconto. Mi sono affidato alla mia immaginazione per restituire al pubblico la memoria di quei due ragazzi che hanno pagato un prezzo troppo alto per essersi amati". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Williams Advanced Engineering protagonista al Battery Show

Presente a Stoccarda con la tecnologia Adaptive Multi-Chem

Motori Componenti & Tech
Chiudi Williams Advanced Engineering protagonista al Battery Show (ANSA) Williams Advanced Engineering protagonista al Battery Show

All'edizione 2022 dell'evento Battery Show Europe, che si è aperto oggi a Stoccarda, la Williams Advanced Engineering (WAE) ha presentato la sua tecnologia innovativa di batterie ad alte prestazioni che l'azienda britannica (recentemente passata nello scorso gennaio al gruppo minerario australiano Fortescue Metals) può fornire ai propri clienti per veicoli top.
    Combinando potenza ed energia in un unico sistema di batterie avanzato, l'Adaptive Multi-Chem stabilisce nuovi standard in termini di prestazioni ed efficienza, con il vantaggio di essere totalmente personalizzabile in base alle esigenze dei singoli committenti.
    Al Battery Show Europe la Williams Advanced Engineering (WAE) presenta questa soluzione sulla hypercar elettrica Deus Vayanne da 2200 Cv, l'auto nata dalla collaborazione di WAE con Deus Automobiles e Italdesign.
    In questo progetto WAE ha lavorato con ItalDesign per realizzare una piattaforma EV composita altamente sofisticata e un gruppo propulsore particolarmente potente ed efficiente, senza obbligare il costruttore Deus a onerosi investimenti per sviluppare e costruire uno 'skateboard' EV proprietario con la tecnologia associata. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Scontro di governo a Berlino sullo stop a benzina e diesel

Lindner contro Lemke: 'Frasi sorprendenti,servono biocarburanti'

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Scontro tra Verdi e Liberali nella coalizione di governo tedesca sullo stop alla vendita di auto a benzina e diesel in Europa entro il 2035. Arrivando questa mattina al Consiglio Ambiente a Lussemburgo, dove il testo è in discussione, i ministri per l'Economia e l'Ambiente, Robert Habeck e Steffi Lemke, entrambi dei Verdi, avevano espresso il loro sostegno per la proposta della Commissione con attenzione all'"apertura" alla neutralità tecnologica. Qualche minuto prima Lemke, ai microfoni dell'emittente nazionale ZDF, aveva spiegato: "Se il pacchetto" in esame "include ciò che la Commissione Ue ha proposto", vale a dire "nessuna auto che emette CO2 dopo il 2035, allora saremo d'accordo. Questa è la linea che il governo federale ha rappresentato nelle ultime settimane e mesi, prevista anche nell'accordo di coalizione". La posizione è stata poi 'ufficializzata' al tavolo del Consiglio con un emendamento che prevede l'utilizzo limitato di "combustibili climaticamente neutri" dopo il 2035. Le dichiarazioni però non sono piaciute al ministro al responsabile delle Finanze Christian Lindner, favorevole a un sostegno più deciso per i carburanti sintetici. "Le parole della ministra dell'Ambiente sono sorprendenti. Non corrispondono agli accordi - ha tuonato il liberale su Twitter -. Anche i motori a combustione con combustibili privi di CO2 dovrebbero essere ammessi come tecnologia in tutti i veicoli dopo il 2035. Il nostro consenso è vincolato a questo". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Carabinieri scoprono deposito di moto rubate e smontate

A Milano, indagine su un traffico di pezzi di ricambio

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Una sorta di deposito di moto cannibalizzate è stato scoperto dai Carabinieri a Milano, nel corso di un'indagine su alcuni furti di motoveicoli avvenuti negli ultimi mesi nel capoluogo lombardo. I mezzi, otto quasi interi più altri tre ormai ridotti a carcasse da cui era già stata smontata buona parte dei pezzi, si trovavano in un box in via Saponaro. Al luogo i militari della Compagnia Porta Magenta sono arrivati dopo aver indagato su diversi furti di mezzi, iniziati nello scorso aprile, e dopo l'ultima denuncia di un meccanico di moto che ieri ha denunciato il furto di due mezzi e un satellitare nella sua officina nella zona di Gratosoglio.
    Seguendone le loro tracce, e anche grazie ai filmati delle telecamere, i carabinieri sono giunti al box. Ora le indagini proseguono per identificare i presunti responsabili dei furti o della ricettazione dei pezzi di ricambio. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Covid, balzo dei contagi. Salgono ricoveri e intensive

Boom di tamponi. Locatelli, in autunno ragionevoli vaccini per over 50

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Covid: Gimbe, a curva si inverte, aumentano casi e decessi (ANSA) Covid: Gimbe, a curva si inverte, aumentano casi e decessi

Balzo dei contagi Covid e dei tamponi, e, dopo dopo oltre tre settimane di stabilità, sale al 3% l'occupazione delle terapie intensive. Dopo il calo dei numeri nel fine settimana, nelle ultime 24 ore è stata toccata quota 83.555 nuovi casi in Italia contro i 24.747 di ieri, mentre è boom di antigenici e molecolari con 717.400 test contro gli appena 100.959 tamponi effettuati ieri. I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute svelano la corsa del virus in questa ondata estiva. Bisogna risalire al 22 marzo scorso per trovare un numero verso i 100mila (furono registrati 96.365 nuovi positivi) mentre l'ultimo dato più alto si era verificato lo scorso 8 febbraio, con 101.864 contagi in un giorno.

Numeri che dimostrano che questa del Covid "è una sfida aperta", dice il ministro della Salute, Roberto Speranza al 25/mo Congresso nazionale dell'Anaao Assomed, a Napoli. "Dovremo prepararci per campagna di vaccinazione in autunno". Ragionevole, secondo il presidente del Consiglio superiore di Sanità (Css), Franco Locatelli, "una campagna vaccinale per over50". Intanto è attesa, il 30 giugno prossimo, del tavolo con le parti sociali, per l'esame del Protocollo sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, che "consenta di fissare un nuovo quadro di regole del dopo-emergenza".

Tra i provvedimenti anche l'uso della mascherina in ufficio. In tal senso, spiega il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, "la posizione del governo è la solita, ovvero una forte raccomandazione. Saranno le associazione di categoria a rinnovarne o meno l'utilizzo". A livello generale sull'uso della mascherina, "l'obbligo - dice il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri - oggi non serve e non avrebbe molto senso, perché tra 15-20 giorni il picco sarà già passato". Sul fronte della pressione sugli ospedali, dopo oltre tre settimane di stabilità, l'occupazione delle terapie intensive con pazienti Covid sale al 3% in 24 ore lo stesso valore che segnava esattamente un anno fa, quando però di questi tempi girava una variante molto meno contagiosa. Sempre comunque ampiamente sotto il livello di allerta del 10%. Stabile invece al 9%, l'occupazione dei posti letto nei reparti di area non che però cresce in 12 regioni, raggiungendo il 21% in Sicilia e Umbria, seocndo il quadro tracciato dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) con gli ultimi dati riferiti a lunedì 27 giugno.

Il 27 giugno di esattamente un anno fa la percentuale dei ricoveri ordinari era invece del 3%. In particolare, l'occupazione dei posti nelle terapie intensive cresce in Pa Bolzano (2%) e Piemonte (2%) mentre cala nel Lazio (6%) e in Molise (3%). È invece stabile in 15 regioni o province autonome. Per quanto riguarda l'occupazione dei reparti in area non critica la percentuale cresce in Abruzzo (al 9%), Basilicata (14%), Calabria (18%), Campania (10%), Liguria (11%), Marche (8%), Molise (9%), Pa Bolzano (16%), Pa Trento (9%), Sardegna (8%), Sicilia (21%) e Umbria (21%). Nelle ultime 24 ore le vittime sono state 69 (ieri 63) mentre sono 237 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 3 in più di ieri e 6.035, ovvero 162 in più di ieri, i ricoverati nei reparti ordinari.

Gli attualmente positivi sono 773.450, quindi 34.599 in più nelle ultime 24 ore. Ora però siamo in un "tempo nuovo e abbiamo strumenti che ci sognavamo due anni fa, quando tutti noi speravamo nell'arrivo di vaccini, di monoclonali e di antivirali", dice il ministro Speranza, ribadendo il principio che "nessuno si salva da solo" ed è "fondamentale dare una mano a tutti i paesi del mondo sulla campagna di vaccinazione". Guardando a oriente, la Cina annuncia che la quarantena obbligatoria per gli arrivi dall'estero si riduce da 3 settimane a 10 giorni, mentre Pechino e Shanghai hanno azzerato i casi di Covid-19, per la prima volta dopo quattro mesi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A 17 anni guida auto e rischia di investire pedoni

Nel Bolognese, ha anche aggredito i carabinieri

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Senza patente, anche perché ha solo 17 anni, si è messo alla guida dell'auto di un conoscente e, sfrecciando a forte velocità, ha rischiato di investire diverse persone che stavano andando al fiume, tra cui anziani, mamme e bambini. Il fatto è successo domenica a Castel Del Rio, nel Bolognese, nei pressi del ponte Alidosi. Il ragazzino al volante di una Fiat Punto, con a bordo altri due amici anche loro minorenni, è stato bloccato dai carabinieri dopo un inseguimento lungo la via Montanara. Una volta raggiunto ha opposto resistenza, tanto che i militari hanno dovuto usare lo spray al peperoncino per immobilizzarlo. Alla fine è stato portato in caserma, dove lo attendevano i genitori, e denunciato per resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale (il carabiniere ferito ha riportato 5 giorni di prognosi), guida senza patente e rifiuto dell'accertamento tossicologico. E' stato sanzionato anche il proprietario della macchina, un 54enne di Lugo (Ravenna), per aver affidato incautamente il proprio veicolo a un giovane senza patente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo


Modifica consenso Cookie