Professioni

Fisco: commercialisti, tassazione è feroce sui redditi medi

Miani, 'situazione insostenibile da riequilibrare'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - L'Italia è un Paese "estremamente generoso nella tassazione dei redditi bassi - oltre 10 milioni di contribuenti Irpef su 40 milioni sono a "Irpef zero" - e nella tassazione dei grandi patrimoni ereditari, mentre è un Paese estremamente feroce nella tassazione dei redditi medi e medio-alti". A sostenerlo il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani, a margine del webinar "La ripartenza del Paese dopo l'emergenza: riforma fiscale e della giustizia tributaria, semplificazione e competitività", che si tiene oggi, a Roma. "La distruzione di quel ceto medio produttivo che non possiede grandi patrimoni, ma vive di buoni redditi che derivano dal lavoro dipendente di funzionari, quadri e dirigenti, oppure dal lavoro autonomo svolto nell'ambito dei propri studi professionali o attività imprenditoriali - ha proseguito Miani - è frutto di questo assetto fiscale, non del caso". L'auspicio del numero uno dei commercialisti è che in vista della riforma fiscale su questo fronte "si abbia il coraggio di fare qualcosa, senza continuare a parlare soltanto di incrementi di 'no tax area' e di eliminazioni di imposte di successione, invece che di quello che serve per riequilibrare una situazione insostenibile a favore di quel ceto medio produttivo, che non è interessato né alla prima, né alla seconda di quelle due modifiche". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie