Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Consiglio veneto approva legge per valorizzare il Memoriale Veneto di Montebelluna

e la ‘Grande guerra infinita’ come esperienza culturale e prodotto turistico del Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

(Arv) Venezia 25 ott. 2022 – Si chiama Me.Ve e ha sede a villa Correr Pisani di Biadene di Montebelluna, ai piedi del Montello. È il Memoriale Veneto contemporaneo della Grande Guerra, allestito in occasione del centenario del primo conflitto mondiale, e ‘baricentro’ di quel ‘museo diffuso’ di itinerari e di cicatrici di guerra che caratterizza il Veneto, ‘regione al fronte’ nello scontro trai Grandi imperi del Novecento. Il Consiglio regionale del Veneto, con la legge proposta da Marzio Favero (Lega-Lv) e approvata oggi all’unanimità, ha adottato il centro multimediale e interdisciplinare di Montebelluna come partner istituzionale per una duplice operazione: fare memoria e storia ragionata di un evento che ha condizionato tutta la storia contemporanea e i cui effetti, come un’onda sismica, arrivano ai nostri giorni; e promuovere la valorizzazione turistica dei luoghi e dei percorsi di guerra del Veneto, come ‘viaggio di formazione’ ed esperienza culturale, sull’esempio di innovative istituzioni museali europee come il Museo della Grande Guerra del Pays de Meaux, sulla Marna, e il Memoriale di Caen in Normandia. Un’operazione che – ha spiegato il relatore Favero, ex sindaco di Montebelluna e già presidente del Comitato per le celebrazioni del centenario della Grande Guerra – vuol dare continuità ai programmi di studio e di investimenti della Regione Veneto che negli ultimi trent’anni ha impegnato oltre 30 milioni di euro per tenere viva la memoria di quel massacro che ha cambiato per sempre il corso della storia.

“Non si tratta di celebrare la guerra, né tantomeno di coltivare nazionalismi e imperialismi – ha spiegato in aula il relatore – ma di capire che il portato di quel dramma militare, sociale, politico ed economico ha segnato l’inizio dell’età contemporanea, generando una guerra infinita i cui effetti perdurano tuttora”. Tra gli effetti alcuni destabilizzanti e forieri di morte, come nazionalismi, totalitarismi, massificazione e globalizzazione, altri innovativi e forieri di progressi come il senso di unità nazionale, le innovazioni tecniche, l’emancipazione delle donne, la soggettività delle masse che hanno rivendicato nuovi diritti, il sogno della costruzione di un’Europa unita e di un nuovo ordine mondiale fondato su pace e democrazia, unico antidoto alla ‘guerra perpetua’. “Non possiamo capire i processi di trasformazione degli Stati, l’avvento dei totalitarismi e l’evoluzione delle democrazie – ha riassunto Favero – se non comprendiamo a fondo il senso del primo conflitto mondiale. Con questa operazione di storia e cultura vogliamo demistificare la narrazione sulla Grande Guerra, e valorizzarne in modo organico i luoghi e gli effetti, grazie al coinvolgimento non solo della ricerca culturale ma anche degli operatori privati del turismo”.

 

Secondo l’impianto normativo approvato dal Consiglio il Memoriale veneto di Montebelluna, inaugurato nell’ottobre 2018, farà da polo di coordinamento di studi, ricerche, attività scientifiche, culturali e didattiche, promosse da organismi pubblici e privati che si occupano del primo e del secondo conflitto mondiale. Nel contempo il Me.Ve. dovrà diventare il perno di una rete di proposte di turismo culturale, con itinerari diffusi dedicati ai luoghi e alle esperienze degli eventi bellici del secolo scorso.

“Il Veneto con 1300 luoghi legati al conflitto bellico, 56 itinerari, decine di recuperi, restauri monumentali e allestimenti museali, dieci produzioni cinematografiche e altrettante mostre di grande livello ha già dispiegato in questi anni una grande attenzione per ‘tesaurizzare’ la memoria e l’interpretazione del primo conflitto  mondiale – ha sottolineato Favero – Ora con questo investimento strutturale (lo stanziamento regionale è di 350 mila euro l’anno)  potrà coagulare attorno al Memoriale veneto di Montebelluna un originalissimo museo diffuso da promuovere e valorizzare con una programmazione triennale come destinazione turistica di prim’ordine, capace di attrarre il turismo culturale e di formazione nazionale e internazionale”.

 

A sostegno della nuova legge hanno preso la parola il capogruppo del Pd Giacomo Possamai (‘dà un senso coordinato a tanti luoghi e musei del nostro territorio promuovendo una memoria critica”), la vicepresidente della commissione Cultura Elena Ostanel (Il Veneto che vogliamo) che ha chiesto di valorizzare il coinvolgimento anche del mondo artistico e culturale, la capogruppo di Forza Italia Elisa Venturini (“promuove la coscienza e la consapevolezza profonda della nostra storia e della nostra identità”), il capogruppo della Lega Giuseppe Pan (“rende onore al sacrificio non solo di tanti combattenti ma anche dei tanti civili caduti nelle nostre terre”) e l’assessore regionale alla cultura Cristiano Corazzari, che ha confermato l’impegno della giunta ad istituire la cabina di regìa e ad avviare la programmazione culturale e turistica.

L’aula ha infine approvato con voto unanime l’ordine del giorno, presentato dalla consigliera pentastellata Erika Baldin, che impegna la Giunta a sostenere il turismo di esperienza, “sia a livello scolastico che per il pubblico adulto”, interregionale e internazionale, anche come strumento di educazione alla pace.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie