Oltretevere

Siria: Caritas, Conferenza Bruxelles chieda fine sanzioni

Servono aiuti primari, anche i vaccini contro il Covid

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - La fine delle sanzioni e la risposta ai bisogni più urgenti, a partire da quelli sanitari aggravati dalla pandemia. E' quanto chiede per la Siria il direttore generale di Caritas Internationalis, Aloysius John, in vista della prossima Conferenza di Bruxelles sulla Siria (29-30 marzo). La Conferenza dovrebbe essere l'occasione per "inviare un forte messaggio di speranza e fratellanza al popolo siriano.
    Per tutti i siriani ma soprattutto la generazione più giovane.
    Meritano un futuro migliore", ha detto Aloysius John in una conferenza stampa.
    "Caritas Internationalis si unisce alla voce della Chiesa in Siria e chiede: la rimozione immediata di tutte le sanzioni unilaterali, che non fanno che aggravare la condizione umanitaria dei siriani e le loro condizioni di vita; accesso ai servizi di base, alle forniture sanitarie essenziali, inclusi i vaccini contro il Covid-19 e cure per i siriani sia all'interno della Siria che nei campi profughi; assicurare sostegno alle ong" che operano nell'area per sostenere i rifugiati.
    "La Caritas - ha concluso il direttore generale - ritiene che si debba dare alla pace una possibilità per evitare un continuo stallo, che si traduce solo in indicibili sofferenze ai civili innocenti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie