Marche

  1. ANSA.it
  2. Marche
  3. Speciali
  4. Sanità: Marche, nel 2021 1.671 morti cardiache improvvise

Sanità: Marche, nel 2021 1.671 morti cardiache improvvise

Trend crescita. Saltamartini, importante presenza defibrillatori

Redazione ANSA ANCONA

   Nel 2021 nelle Marche si sono registrate 1.671 morti cardiache improvvise: un trend in crescita se si pensa che nel 2020 erano state 1.462, e l'anno prima 1104. La morte cardiaca improvvisa (SCD) è il termine medico, ricorda la Regione, per indicare una morte inaspettata che si verifica per cause di origine cardiaca entro un'ora dall'insorgenza dei sintomi. Il 16 ottobre è la giornata mondiale dedicata alla rianimazione cardiopolmonare.
    "Ho partecipato ad un convegno, "Morte Cardiaca Improvvisa e dintorni con il patrocinio dell'Università di Macerata" qualche giorno fa - afferma l'assessore alla Sanità Filippo Saltamartini - e molto interesse rivestono gli eventi drammatici di Morte Improvvisa in giovani atleti apparentemente sani, spesso asintomatici. Importante è la presenza e l'utilizzo di defibrillatori, specie quelli automatici, che ormai devono essere presenti anche in palestre, supermercati, persino luoghi di culto, e per la così detta Legge del "Buon Samaritano" approvata nel 2021 ciascuno può utilizzarli senza commettere reato, anche perché le istruzioni si trovano sugli apparecchi.
    La regione si sta adoperando per aumentare i corsi BLSD (Basic Life Support Defibrillation ) e il numero dei defibrillatori, ma stiamo lavorando anche ad una App che incroci i defibrillatori presenti e le persone formate al loro utilizzo, perché questi fenomeni statisticamente colpiscono una persona su 1000".
    Nelle Marche ci sono 1290 DAE (Defibrillatori Automatici Esterni) mappati: 394 in provincia di Ancona, 257 nel Pesarese, 212 nel Maceratese, 199 nel Fermano e 228 nell'Ascolano. Dal 2018 sono stati organizzati con la regione 3.797 corsi e ci sono 35.166 soggetti autorizzati all'uso del DAE. E' dimostrato che un tempestivo intervento con compressioni toraciche e l'uso del defibrillatore prima dell'arrivo dei mezzi di soccorso migliora gli esiti di salute delle vittime di arresto cardiaco. "Prima della fine dell'anno - annuncia Saltamartini - approveremo la progettualità preliminare per la App per smartphone in grado di mappare i defibrillatori presenti incrociandoli con i cittadini (First Responders) disposti a intervenire grazie alla contestuale geolocalizzazione del Dae più vicino, esattamente come accade in Emilia Romagna". Inoltre il programma "Comunità attive", inserito nel Piano Regionale della Prevenzione 2020-2025 è dedicato alla promozione dell'attività fisica, anche in ambito scolastico, che è riconosciuta efficace nella prevenzione di numerose patologie. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie