Friuli Venezia Giulia
  1. ANSA.it
  2. Friuli Venezia Giulia
  3. Sparatoria Questura: cerimonia al famedio ricorda agenti

Sparatoria Questura: cerimonia al famedio ricorda agenti

In terzo anniversario. Deposta corona di alloro

(ANSA) - TRIESTE, 04 OTT - Una corona di alloro è stata deposta questa mattina davanti al famedio della Questura di Trieste nel terzo anniversario della morte dei due agenti Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, uccisi durante una sparatoria all'interno dell'edificio. Presenti il questore Pietro Ostuni e il prefetto Annunziato Vardè.
    Nel pomeriggio del 4 ottobre 2019 Alejandro Augusto Stephan Meran era stato accompagnato in Questura per il furto di un motorino. Ma dopo aver chiesto di andare in bagno era riuscito a sottrarre le pistole dei due agenti e a sparare contro di loro, uccidendoli, e anche contro altri agenti. Nel processo di primo grado Meran è stato assolto in quanto non imputabile. Per lui è stata disposta la detenzione in una Rems per 30 anni. Oggi i due poliziotti vengono ricordati con una messa. (ANSA).
   

L'uccisione di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta avvenuta tre anni fa in una sparatoria in Questura a Trieste "è una ferita molto aperta per noi, è stato un momento drammatico vissuto dalla Polizia a Trieste e in tutta
Italia. Ricordo che dopo questo episodio davanti a tutte le Questure ci sono stati sit-in estemporanei da parte dei cittadini: questa vicenda dolorosissima ha colpito tutti". Lo ha detto il Questore di Trieste, Pietro Ostuni, a margine di una messa di suffragio per i due agenti.
   "Questi due ragazzi - ha aggiunto - erano meravigliosi, amavano molto il loro lavoro e sono morti in una maniera tragica. Forse uno degli eventi più efferati che abbiamo avuto nella storia della Repubblica". Il loro ricordo è anche "un momento per far capire qual è il nostro spirito, il nostro lavoro: bellissimo ma presenta tanti pericoli. Il sacrificio di questi ragazzi è enorme".
   Il Questore non ha commentato la sentenza di primo grado nei confronti di Alejandro Augusto Stephan Meran e i possibili futuri sviluppi giudiziari: "Non spetta a me farlo, noi facciamo un altro tipo di lavoro. Seguiremo il corso" degli eventi. "Abbiamo sempre tanta vicinanza con le famiglie dei due poliziotti, che stanno ancora soffrendo tantissimo per il fatto accaduto". (ANSA).

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Nuova Europa


      Modifica consenso Cookie