Von der Leyen battezza la centrale green del Mare del Nord

Quattro Paesi si impegnano a decuplicare la capacità eolica offshore in 30 anni

Redazione ANSA

Danimarca, Belgio, Olanda e Germania vogliono fare del Mar del Nord la regione leader in Europa per l’eolico offshore con 150GW di potenza installata entro il 2050. L’accordo per la prima "centrale elettrica verde" d’Europa è stato sottoscritto dai governi nazionali e tenuto a battesimo in un evento di lancio con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e la Commissaria all’energia Kadri Simson.

In pratica i governi di Danimarca, Belgio, Olanda e Germania si impegnano a decuplicare la capacità eolica offshore entro il metà secolo, partendo dai 15 GW di oggi. L'obiettivo è "soddisfare la domanda di 230 milioni di famiglie, che è più del numero totale di famiglie in tutta Europa, che si attesta a 195 milioni", si legge in una nota che descrive l'iniziativa.

Secondo il ministro danese per l’energia e il clima Dan Jørgensen “aumentare e accelerare la produzione di energia rinnovabile nel Mare del Nord è il modo migliore per diventare indipendenti dai combustibili fossili russi il più rapidamente possibile”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: