Fidanza, bene nomina inviato speciale Ue libertà treligiosa

'Bruxelles usi softpower per far rispettare tolleranza tra fedi'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 08 DIC - "Dopo mesi di appelli, lettere e interrogazioni parlamentari, la Commissione Ue ha finalmente posto rimedio a una situazione incresciosa e nominato il nuovo Inviato Speciale per la libertà religiosa, il diplomatico belga Frans Van Daele, al quale facciamo i nostri auguri di buon lavoro. Al nuovo Inviato il compito di riprendere con forza e con urgenza un lavoro interrotto da troppo tempo: stabilire un dialogo con le autorità nazionali nei Paesi dove le persone subiscono discriminazioni, sostenere il dialogo interreligioso e attuare misure per contrastare la radicalizzazione e prevenire l'estremismo fondato sulla religione. E ancora, esercitare il soft power dell'Ue in modo che tutti gli accordi commerciali o di cooperazione contengano al loro interno condizioni vincolanti che impegnino i Paesi terzi a rispettare e difendere la libertà religiosa". Lo ha dichiarato l'eurodeputato di FdI-Ecr Carlo Fidanza, co-presidente dell'Intergruppo per la libertà religiosa del Parlamento europeo "I firmatari degli Accordi di Abramo hanno deciso di perseguire una visione di pace, sicurezza e prosperità nel Medio Oriente allargato, partendo dal riconoscimento del diritto all'esistenza e alla sicurezza dello Stato di Israele", ha commentato Fidanza intervenendo questa mattina durante i lavori del "Summit globale sugli Accordi di Abramo" che si è tenuto oggi a Roma, su iniziativa dell'ambasciatore Danny Danon, membro della Knesset. "L'ampliamento degli Stati firmatari è un obiettivo importante per la stabilità della regione ed è nell'interesse dell'Italia e dell'Europa. Ma questo passaggio storico porta con sé anche il rifiuto totale di qualsiasi forma di antisemitismo, anche quando mascherato da antisionismo.", conclude Fidanza nella nota. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: