Migranti: Tardino (Lega), Ppe dà ragione a Lega, ora fatti

'Creare centri di identificazione in Africa'

Redazione ANSA STRASBURGO
(ANSA) - STRASBURGO, 23 NOV - "Nella generale vacuità delle parole spese sull'immigrazione, emergono alcune inaspettate e dense invece di significato dal capogruppo Ppe Weber, tedesco, che cito testualmente: 'se non si riesce a distinguere tra migranti illegali, richiedenti asilo e rifugiati allora non si riesce ad aiutare chi ha davvero bisogno. Penso sia necessario proteggere le frontiere, uno Stato deve poter decidere chi arriva e chi non è il benvenuto in Ue'. Avrei potuto dirle io".

Così Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega, nel suo intervento durante la sessione plenaria del Parlamento Europeo.

"Per aiutare chi ha davvero bisogno e difendere i confini c'è un'unica soluzione, che il Ppe però non sostiene: creare centri di identificazione in Africa, con gestione e personale dell'Ue.

Ciò consentirebbe di rispettare il diritto internazionale e comunitario, eliminare fattori di attrazione alla migrazione illegale e aprire le porte a una definizione condivisa del problema a livello Ue", ha proseguito Tardino.

"Troppi i fallimenti europei finora, la richiesta congiunta di Malta, Cipro, Grecia e Italia, paesi di primo ingresso, lo testimonia. Numeri spaventosi di arrivi, spesso tragedie in mare. Per una volta, il Parlamento dia seguito alle parole del capogruppo Ppe con i fatti. Rendiamo certi i rimpatri, definiamo normativamente il modus operandi delle Ong, in troppi casi conniventi con i trafficanti come evidenzia Frontex. Trasparenza e responsabilità dello Stato battente bandiera, per gli sbarchi, devono essere le parole d'ordine. Per trovare una soluzione europea su asilo e immigrazione dovreste solo ascoltarci. Perché noi, che viviamo il problema sulla nostra pelle, abbiamo le idee molto chiare", ha concluso l'eurodeputata. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: