Autonomia: Picierno (Pd), riforma rischia di marginalizzare Sud

'Un improbabile referendum sarebbe fatale per il Pd'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 04 NOV - "In tema di autonomia quella che avanza all'orizzonte non appare per nulla essere una riforma complessiva del funzionamento dello Stato e del rapporto tra le amministrazioni centrali, regionali e locali, ma come la chiusura del cerchio di una progressiva marginalizzazione del Sud avviata un ventennio fa". Così in una nota l'eurodeputata del Pd e vicepresidente del Parlamento europeo, Pina Picierno.

"Il congresso che vedrà il Pd rifondare la propria visione di Paese, non potrà che accettare sia il tema della riforma complessiva dello Stato che il tema del Mezzogiorno, del suo sviluppo, economico, istituzionale e democratico. Che ciò avvenga attraverso un improbabile referendum sull'accettare o meno l'autonomia, qualunque essa sia, sarebbe fatale, per tutta la sua classe dirigente e comprometterebbe irrimediabilmente la sua capacità di essere compiutamente partito nazionale", conclude Picierno. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: