Bce: Castaldo, su scudo anti-spread non siano restrizioni

'Strumento positivo non può essere controproducente'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 21 LUG - "La Bce alza i tassi più delle attese, chiudendo la fase dei tassi negativi sui depositi. In questo momento di particolare incertezza, il rischio di una stretta eccessiva è quello di una frenata della crescita, dovuta a una contrazione dei consumi e degli investimenti da parte delle imprese. L'aumento dello spread nelle ultime settimane è il sintomo più evidente del peggioramento delle prospettive di crescita. Per garantire il successo di un approccio più duro nella lotta all'inflazione, e contrastare ingiustificate dinamiche di mercato prodotte da eccessi di speculazione, è fondamentale che gli acquisti del nuovo scudo anti-frammentazione (Tpi) non siano limitati nel tempo e non siano soggetto a restrizioni." Così in una nota Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare del Movimento 5 Stelle "Tuttavia, andranno valutate più nel dettaglio le condizioni per l'attivazione del Tpi, che propugna a livello europeo il rispetto di vincoli di bilancio ormai anacronistici. Fin dall'inizio, ci stiamo battendo per un vero e pieno superamento del quadro attuale basato sulle regole dell'austerity, come peraltro sostenuto dalla stessa Bce. Non possiamo rischiare che uno strumento positivo si riveli controproducente", conclude.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: