Tassonomia: Bonafé (S&D), messaggio sbagliato a investitori

'Non si può etichettare come verde ciò che verde non è'

Redazione ANSA STRASBURGO
(ANSA) - STRASBURGO, 05 LUG - "Il gruppo dei socialisti e democratici è contrario" all'atto delegato della Commissione europea sulla tassonomia, che "oltre a non rispettare l'ambito di applicazione del regolamento, dà un messaggio sbagliato a investitori e cittadini europei perché etichetta come verde ciò che verde non è, screditando l'intero regolamento". Così l'europarlamentare del Pd e vicepresidente di S&D, Simona Bonafè, intervenendo nel dibattito sulla tassonomia alla plenaria del Parlamento europeo.

"Non può essere considerata sostenibile una fonte di energia che è un combustibile fossile come il gas, o una fonte come il nucleare le cui scorie impiegano migliaia di anni per essere smaltite" ha spiegato l'eurodeputata, sottolineando come l'esclusione delle due fonti dagli investimenti che si vogliono qualificare come verdi, "non vieta a questi settori di ottenere comunque finanziamenti". "Siamo ben consapevoli del ruolo del nucleare e del gas nei prossimi anni per garantire la sicurezza degli approvvigionamenti. Ma qui non sono in discussione le scelte sul mix energetico degli Stati Membri, ed escludere gas e nucleare dalla tassonomia sugli investimenti che si vogliono qualificare come verdi non vieta a questi settori di ottenere comunque finanziamenti pubblici e privati. Piuttosto si tratta di essere seri e chiari. Vorrei chiedere se qualcuno in questïaula davvero consiglierebbe gas e nucleare ad un cittadino europeo che volesse investire i suoi risparmi in attività economiche sostenibili per lïambiente, a discapito per esempio di energie rinnovabili ed efficienza energetica2, ha aggiunto Bonafé "Questo atto delegato - ha concluso - non possiamo cambiarlo, ma solo respingerlo o accettarlo così com'è e noi lo vogliamo respingere". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: