Timmermans, cambiare stop auto benzina in 2035 è pasticcio

Vicepresidente Commissione, 'settore appoggia nostra scelta'

Redazione ANSA
STRASBURGO - Fissare al 2035 la fine della vendita di auto e furgoni nuovi "non è fantascienza" e "l'industria automobilistica ha fatto la sua scelta", non bisogna "rendere le cose più difficili" per loro rimandando il traguardo. Lo ha detto il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans nell'intervento conclusivo nel dibattito all'Europarlamento sul pacchetto clima. Timmermans ha definito "un pasticcio" l'emendamento del Ppe contro lo stop al 2035.
"Non ci incatenate al passato, non incatenate un'intera industria al passato, aiutate l'industria europea a costruire nuove, entusiasmanti e accessibili auto elettriche, vi imploro, fate la cosa giusta domani: non approvate una soluzione debole e sostenete la nostra proposta" di fissare al 2035 la fine della vendita di auto e furgoni con motore a combustione interna. E' l'appello rivolto agli eurodeputati dal vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans. Dopo un'intera giornata di dibattito sul pacchetto clima, Timmermans ha scelto di concentrarsi sugli standard di emissioni di CO2 di auto e furgoni. "Confesso sono un appassionato di motori, lo sono sempre stato, ma so che tutto questo deve cambiare", ha detto aggiungendo che "non si fa un favore a nessuno rallentando l'innovazione tecnologica".

L'Ue "è leader nel mondo per l'industria automobilistica, dobbiamo affrontare la transizione senza perdere competitività ecco perché siamo contro l'approccio ideologico" che prevede lo stop delle auto a benzina e diesel dal 2035. Lo aveva detto il presidente del Partito popolare europeo Manfred Weber spiegando la posizione che il Ppe voterà domani, staccandosi dagli altri gruppi della maggioranza. Il Ppe ha presentato un emendamento che lascia un margine del 10% alle vendite di auto che emettono CO2 nel 2035. "Sulle tecnologie non sta ai politici decidere - ha detto Weber - ma agli ingegneri, al mercato e ai consumatori, per questo non siamo d'accordo a vietare una tecnologia".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie