Emilia-Romagna
  1. ANSA.it
  2. Emilia-Romagna
  3. A Bologna una panchina per aspettare Patrick Zaki

A Bologna una panchina per aspettare Patrick Zaki

Nel cortile del Comune. Il sindaco, sedetevi qui e postate foto

(ANSA) - BOLOGNA, 04 FEB - Una panchina verde nel cortile Guido Fanti del Comune di Bologna. Una panchina di speranza che attende Patrick Zaki, lo studente dell'Università di Bologna che è stato detenuto per quasi due anni nelle carceri egiziane ed ora, in vista dell'udienza del 6 aprile, spera di tornare in quella che è diventata la sua città. L'opera simbolica, con accanto la sagoma dello studente egiziano ideata dall'artista Gianluca Costantini, è stata inaugurata dal sindaco Matteo Lepore e da Rita Monticelli, delegata del Comune sul tema dei diritti umani e professoressa di Patrick Zaki. "Ringrazio il Corriere della Sera che ha lanciato l'iniziativa e l'Università che l'ha supportata. Questo è un segnale a Patrick di vicinanza. Continuiamo a chiedere la sua libertà e speriamo in un esito positivo dell'udienza. L'attesa in questo caso è un impegno collettivo per riaverlo presto a Bologna - ha spiegato Lepore - La proposta che facciamo alla cittadinanza è di venire in Comune, sedersi, fare una foto sulla panchina e magari lanciarla sui social per ribadire l'impegno nei confronti di Patrick".
    La panchina è una installazione temporanea, un conto alla rovescia per riabbracciare Patrick. "Questo è un simbolo non solo per Patrick, ma anche per tutti quegli studenti e quelle persone che sono nelle sue stesse condizioni. È una panchina solidale - ha detto Monticelli - come la città di Bologna e l'Università. Continueremo ad impegnarci non solo per Patrick, ma perché i diritti umani e civili siano sempre parte della nostra cultura, al di là di ogni confine". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna


      Modifica consenso Cookie