Birra piace a 50% italiani per gli ingredienti naturali e varietà

Assobirra, passione che cresce .Confagricoltura, orzo è chance per ripartenza agricoltura

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Un italiano su due sceglie la birra per i suoi ingredienti semplici e naturali e per la varietà di tipologie e gusti che offre. La birra per gli italiani è anche sinonimo di momenti di relax, condivisione e gioia. Sono alcune delle evidenze dell'indagine condotta da BVA Doxa per il Centro Informazione Birra di AssoBirra, la fotografia periodica sul mondo birrario italiano attraverso lo sguardo dei consumatori, dei principali player della filiera birraria e della stessa AssoBirra. In questa edizione, riflettori accesi sulle virtù più apprezzate della birra e sulle nuove abitudini ed esigenze del beer lover italiano. "Negli ultimi anni, si sono affermati stili di vita all'insegna del benessere che vedono gli italiani sempre più informati, attenti alla qualità e ad un'alimentazione sana ed equilibrata, senza però rinunciare al gusto. Di questo contesto la birra è parte integrante e risponde perfettamente ai bisogni del consumatore italiano", commenta Andrea Bagnolini, direttore generale di AssoBirra. In termini di gusto: il 52% degli intervistati lo preferisce leggero, soprattutto le donne (56%) e i giovani nella fascia di età tra i 25 e i 34 anni (60%), mentre il restante 48% predilige un gusto intenso.

Una fiducia, quella degli italiani verso la birra, che premia l'impegno costante, da monte a valle, in ogni fase di produzione, a partire dalla coltivazione dell'orzo: una filiera che genera un valore compreso tra i 240 e i 270 milioni di euro e coinvolge tra le 32 e le 35 mila aziende agricole in tutto il Paese ed è dunque un asset strategico per l'agricoltura italiana che deve essere oggi più che mai valorizzato e tutelato attraverso misure che ne incentivino la produzione. A confermarlo è Francesco Postorino, direttore generale di Confagricoltura, che, ospite del Cib, ha dichiarato: "Le prospettive di sviluppo della filiera dell'orzo da birra sono positive, e lo saranno ancor di più, se si riuscirà a strutturare delle filiere anche a declinazione geografica ben definita. L'orzo può essere una coltura molto interessante e da reddito nelle aree interne, senza entrare necessariamente in competizione con altri cereali, in particolare quello duro e quello tenero. Il bilancio di autosufficienza registra una crescita rilevante dal 60 al 70% negli ultimi 10 anni". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie