Etichette: Vacondio, impossibile mediare, battaglia continua

(v. 'Etichette: italiani informati preferiscono..' delle 16:15)

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 01 SET - "Non è possibile trovare una mediazione sul Nutriscore: la posizione di Federalimentare rimane fortemente contraria e siamo pronti a continuare la battaglia in difesa del Made in Italy che vede tutti gli attori della filiera e le istituzioni dalla stessa parte". Lo ha detto il presidente Ivano Vacondio al convegno organizzato a Cibus da Confagricoltura "L'informazione nutrizionale in Europa fra rischi e opportunità". "Una contrarietà che ha a che fare con la salute, con l'educazione del consumatore e con l'economia", ha precisato il presidente, spiegando che per quanto riguarda il primo punto, il Nutriscore punta a dividere cibi salubri da quelli insalubri.

"Una separazione antiscientifica e non condivisibile - ha sottolineato Vacondio - perché la nostra dieta si basa sul concetto opposto, secondo il quale non esistono alimenti buoni e cattivi ma solo diete equilibrate e non, perciò tutto può essere mangiato nella giusta quantità".

Sulla questione di educazione del consumatore, secondo il presidente, "apporre un bollino rosso o verde su un prodotto non educa chi lo compra ma dà solo un'informazione semplicistica e per giunta fuorviante. Occorre, invece, dare tutte le informazioni per lasciare libera la scelta, soprattutto oggi che sono sempre di più le persone interessate a ciò che mangiano; e il NutrInform Battery, l'etichetta proposta dall'Italia, va proprio in questa direzione". Secondo il presidente, "è evidente che dietro le parole salute e salubrità si nascondono mire economiche; il Nutriscore, infatti, con un bollino rosso o arancione sulle eccellenze Made in Italy, punta ad indurre il consumatore a non comprarle, diminuendo così le nostre quote di mercato che oggi fanno registrare cifre da record". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie