Volvo, non solo suv e crossover nella strategia elettrica

Jim Rowan, "per soddisfare clienti che chiedono modelli diversi"

Redazione ANSA ROMA

Volvo ripensa parzialmente al suo futuro e, pur restando fedele al programma esclusivamente elettrico, dopo il forte impegno nei suv immagina di allargare l'offerta ad altri stili di carrozzeria, come le più tradizionali berline e station wagon. Lo ha rivelato Jim Rowan (già ceo del gruppo Dyson) che nello scorso marzo ha sostituito Håkan Samuelsson alla guida di Volvo Cars, durante una intervista al magazine britannico Autocar. Le prime tre auto elettriche della Casa svedese - XC40, C40 ed EX90 - appartengono tutte alla categoria suv e saranno seguite nel 2023 da un nuovo piccolo crossover anch'esso 100% elettrico. Alla domanda se le berline e le station wagon potranno avere un ruolo nel futuro di Volvo, Rowan detto: "È sufficiente dire che giocheremo su tutti i fronti e nell'intera gamma. E poiché abbiamo clienti che richiedono modelli diversi e usi diversi per i loro veicoli, cercheremo di poter catturare quanto più possibile di questa clientela".
    Il ceo di Volvo Cars ha aggiunto che avere "40 modelli diversi non è fuori strategia" ed ha aggiunto che l'azienda "si occuperà della demografia che riteniamo abbia senso". Rowan ha osservato che la tecnologia dei modelli elettrici ha dato alle Case automobilistiche maggiore libertà di condividere la tecnologia tra i veicoli.
    "Il grande vantaggio per noi - ha detto - è che possiamo usare la generazione di tecnologia che abbiamo in una tipologia di auto e trasporla in un'altra. A volte sarà la piattaforma, altre il software o semplicemente il silicio. Ma potremo sfruttarlo in diversi modelli".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie