Bmw Serie 4 Coupé, il cuore sportivo delle doppia elica

La prova di M420d e M440i xDrive: grande riscatto dei turbodiesel, prestazioni da pista per il V6

Andrea Silvuni - Foto e video di Giulio d'Adamo Milano
LA PROVA DI
ANSA MOTORI

L'ultima generazione della Bmw Serie 4 Coupé ha davvero le caratteristiche che servono per accontentare, anzi entusiasmare, un importante 'zoccolo duro' dei clienti della Casa di Monaco. Subito riconoscibile per il un look più moderno - oltre che per il diverso trattamento del doppio rene frontale, è anche più bassa e più larga rispetto alla serie precedente - è stata sviluppata proprio con l'obiettivo di ridefinire l'essenza del piacere di guida nel segmento delle coupé premium.

 

Non a caso il look di questo modello è famigliare sulle piste di tutto il mondo, proprio perché dalla Serie 4 derivano numerose varianti da competizione che trovano nelle proporzioni 'aggressive' e nelle doti della nuova struttura il punto di partenza ideale per le elaborazioni. Anche se qualche elemento cromato, e le finiture in nero lucido per la griglia, ingentiliscono il tutto, il frontale della Bmw 420d Coupé M Sport (oggetto del nostro test) è davvero sorprendente e unisce l'impatto della griglia verticale - come nei leggendari coupé Bmw del passato - con il bisogno di aria per raffreddare e far respirare il motore.

Si apprezzano anche le dotazioni high tech per la guida notturna, con i gruppi ottici full Led dalla forma estremamente sottile che, a richiesta, possono essere sostituiti da quelli adattivi a Led con il sistema Bmw Laserlight. Inutile dire che i Led la fanno da padrone anche in coda, con luci posteriori elegantemente oscurate a formare, una volta accesse, barre luminose a L che 'firmano' di notte la presenza su strada della Bmw 420d Coupé.

Quella piccola 'd' annuncia un'altra piacevolissima sorpresa: questa auto ad alte prestazioni - accelerazione 0-100 km/h in 7,4 secondi, velocità massima di 238 km/h - ha sotto al cofano un attualissimo motore 4 cilindri 2.0 a gasolio da 190 Cv, capace di contenere in 126 g/km le emissioni di CO2 e di consumare secondo l'omologazione WLTP 4,8 litri ogni 100 km, cioè valori che (se si adotta una guida adeguata) sono quelli propri di una city car.

Caratterizzato dalla ultime generazione della tecnologia TwinPower Turbo con funzionamento multi-stage e turbina variabile a bassa pressione, questa moderna unità sfrutta il common rail con iniettori piezoelettrici con pressione di 2.500 bar, soluzione che ottimizza il rendimento e l'efficienza. Su strada, più che per la disponibilità di 190 Cv a 4.000 giri, Bmw 420d Coupé sorprende per la grandissima reattività alle richieste del pilota, con una coppia di 400 Nm che è già disponibile a partire da 1.750 giri. Tutto ciò è reso possibile anche dalla tecnologia Mild Hybrid che affina la risposta del motore e ne ottimizza l'efficienza. In particolare il generatore di avviamento a 48 Volt potenzia il motore a combustione offrendo da questa sezione elettrica ulteriori 8 kW (pari a 11 Cv) nelle fasi in cui il sistema di gestione elettronica del motore riconosce l'utilità di questo contributo.

Promossa a pieni voti anche la trasmissione Steptronic a otto rapporti che offerta come dotazione standard, mentre la variante Steptronic Sport - sempre a otto rapporti ma con la nuova funzione Sprint - è un optional. Il tutto è integrato da un assetto 'su misura' per un modello sportivo che comunque non rinuncia alla funzione di essere anche una comoda Bmw per muoversi su lunghe percorrenze o in città. La struttura della scocca, molto rigida, e la tecnologia degli elementi del telaio garantiscono caratteristiche prestazionali degne del Dna racing. E per chi vuole di più è disponibile il pacchetto delle sospensioni M Sport con configurazione ancora più rigida per ammortizzatori, supporti e barre antirollio, oltre a montanti aggiuntivi e sterzo sportivo variabile. Disponibili a richiesta anche sospensione adattiva M con ammortizzatori a controllo elettronico, freni M Sport con pinze freno blu o rosse, differenziale M Sport con funzione di bloccaggio completamente variabile nel differenziale posteriore.

Anche gli interni sono stati ridisegnati basando molte soluzioni sull'esperienza di guida sportiva, con una interfaccia incentrata sul pilota che dispone di nuovi display fino a 10,25 pollici e quadro strumenti optional da 12,3 pollici completamente digitale. Da segnalare un'altra 'prestazione' che si apprezza a qualsiasi velocità e anche da fermo: è il nuovo sistema operativo Bmw che garantisce risposte rapidissime per tutte le informazioni e accompagna con la sua efficienza degna di un centro di calcolo la accresciuta presenza di sistemi di assistenza alla guida, la nuova generazione dell'Head-Up Display con superficie di proiezione maggiore del 70% o ancora l'innovativa visualizzazione 3D dell'area circostante la vettura nel quadro strumenti digitale.

I prezzi per la Bmw Serie 4 Coupé partono dai 52.350 euro della versione 420i e arrivano ai 78.600 della M440i xDrive. Nel caso della 420d con allestimento M Sport si colloca a 59.900 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie