Auto: De Meo, Italia ha molti punti forza nella transizione

Ceo Renault incontra 200 aziende della filiera, 'qui eccellenze'

Redazione ANSA TORINO

"L'Italia ha molti punti di forzae, da Italiano e manager, sarebbe per me fonte d'orgoglio poter giocare questa partita accanto a eccellenze italiane ed esserne il promotore". Lo ha detto Luca de Meo, ceo del Gruppo Renault, che oggi ha incontrato a Milano 200 aziende italiane per presentare la sua strategia per il futuro e le opportunità che offre alla filiera dei fornitori. Renault, che realizza acquisti per circa 1 miliardo di euro in Italia, punta a sviluppare un ecosistema solido attorno alla catena del valore dell'auto elettrica, alla tecnologia e alla digitalizzazione. Alla conferenza - in collaborazione con Anfia - hanno partecipato Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo Economico, Gianluca de Ficchy, vice presidente esecutivo Acquisti dell'Alleanza Renault Nissan Mitsubishi e direttore dell'Alliance Purchasing Organisation (Apo); Paolo Scudieri, presidente Anfia e Marco Stella, presidente del Gruppo Componenti Anfia.
    "L'Italia è stata ed è uno dei grandi Paesi dell'automobile, con eccellenze riconosciute in tutto il mondo.
    Oggi ci troviamo al crocevia tra due rivoluzioni che cambieranno il cuore dell'industria automobilistica, e dobbiamo creare un ecosistema trasversale e geograficamente di prossimità per raggiungere i nostri obiettivi", ha detto De Meo. "L'interesse che il know-how, la specializzazione, la qualità dei prodotti e dei processi, la flessibilità e la creatività delle imprese italiane della componentistica rivestono per un grande player internazionale come Renault Group ci rende orgogliosi e ci conferma che la nostra filiera ha molte frecce al suo arco per vincere la sfida della transizione e far crescere la sua competitività in uno scenario globale in forte evoluzione" spiega Paolo Scudieri, presidente dell'Anfia.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie