Toyota: terzo calo mensile per produzione domestica

Allentamento restrizioni Shanghai non sufficienti per ripartenza

Redazione ANSA TOKYO

Il lockdown anti-Covid attuato negli scorsi mesi a Shanghai continua a pesare sulla produzione di Toyota, che registra l'ennesimo declino su base mensile. In maggio l'output domestica è diminuita del 28,5% a 144.204 veicoli, comunica la casa auto nipponica, mentre fa ancora fatica a ricevere le necessarie forniture di chips dalla Cina, e le parti di ricambio malgrado la recente ripresa delle catene prioduttive negli stabilimenti. A livello globale la produzione è scesa del 5,3%, sfiorando le 635.000 autovetture: si tratta di un ridimensionamento rispetto alle 700mila stimate, dovuto in questo caso alle criticità delle fabbriche in Sud Africa, colpite dalle recenti alluvioni. Sebbene le autorità cinesi abbiano allentato le restrizioni nella città di Shanghai a partire dal primo giugno, l'indotto del mercato auto, in particolare quello dei maggiori costruttori giapponesi, è stato fortemente penalizzato dalla lunga chiusura delle catene produttive, in un contesto già in forte difficoltà dall'inizio dell'emergenza sanitaria.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie