Cina, la città dei motori punta alle auto intelligenti

Realizza circa 620 veicoli al giorno

ANSA-XINHUA Guangzhou

Tra meno di tre minuti, un'auto a nuova energia uscirà dalla linea di produzione della fabbrica Gac Aion, filiale del Guangzhou Automobile Group (Gac Group).
    La fabbrica, istituita nel 2017 nella città meridionale cinese di Guangzhou, è tra i primi impianti dedicati alla produzione di auto elettriche pure intelligenti in Cina. Oggi, l'impianto realizza circa 620 veicoli al giorno.
    Guangzhou, che è già la prima città cinese in termini di auto prodotte, è diventata un punto focale per la creazione di automobili intelligenti dotate di tecnologie come il controllo remoto basato sul 5G, la telematica dei veicoli e la guida autonoma.
    Nel 2019, è stata tra le prime città ad approvare la sperimentazione di sistemi autonomi su strade pubbliche e finora sono stati raccolti circa 2,55 milioni di km di dati di guida autonoma.
    A luglio, la città ha lanciato un progetto pilota di veicoli autonomi che prevede cinque fasi di test entro il 2025. I veicoli delle aziende a guida autonoma dovranno completare i test in ambienti a flusso di traffico misto mentre operano in vari servizi.
    Il mese scorso, Guangzhou ha approvato un piano per distribuire 50 autobus a guida autonoma destinati a operare su sei percorsi in tutta la città.
    "Le politiche aperte a Guangzhou hanno permesso una catena industriale locale ben sviluppata", ha dichiarato Xia Heng, co-fondatore di Xpeng, gruppo manifatturiero di veicoli elettrici della città.
    Xia ha osservato che il rapido sviluppo dell'azienda è stato sostenuto dal raggruppamento della città di linee di assemblaggio di automobili tradizionali, fornitori di pezzi di ricambio e aziende innovative.
    Guangzhou è una delle principali basi di fabbricazione automobilistica del Paese. Il suo volume annuale di produzione ha raggiunto i 2,95 milioni nel 2020, al primo posto tra le città cinesi per il secondo anno consecutivo. Già dagli anni '90, la città ha attirato un gruppo di aziende automobilistiche giapponesi, tra cui Nissan, Toyota e Hino Motors.
    "La crescita delle aziende automobilistiche attrae molti produttori di ricambi, il che serve come base solida per l'ulteriore sviluppo dell'industria", ha dichiarato Zhu Yigong, presidente della Guangzhou Zhongxin Auto Parts Co, Ltd., che ha intrapreso il business dei ricambi auto nel 1989.
    I dati dell'ufficio municipale dell'Industria e dell'Informatica mostrano che la città ha oltre 500 aziende produttrici di ricambi, di cui 200 sono produttori di componenti principali.
    Nel 2020, l'industria automobilistica ha contribuito con 586 miliardi di yuan (circa 90,63 miliardi di dollari) al valore lordo della produzione industriale della città. Oggi, la tecnologia, la manodopera specializzata e le aziende della catena di approvvigionamento che si sono aggiunte nel corso degli anni servono a promuovere lo sviluppo delle automobili intelligenti.
    La città è ora sede di diversi marchi di auto intelligenti, tra cui Gac Aion, Dongfeng-Nissan Chenfeng, Gac BYD, XPeng e Gac Nio.
    A luglio, Gac ha siglato un accordo con il gigante tecnologico cinese Huawei per sviluppare congiuntamente una nuova generazione di veicoli intelligenti e piattaforme digitali.
    "L'industria automobilistica si trova all'intersezione della 'potenza dei cavalli' e della 'potenza di calcolo'", ha dichiarato Tang Xinhe, direttore generale della Guangzhou Qisheng Powertrain Co, Ltd, sussidiaria di Gac.
    "C'è molto che l'industria automobilistica locale può fare".
    La Cina ha accumulato un vantaggio tecnologico in settori come Internet, 5G, sistemi di navigazione satellitare e intelligenza artificiale, ha osservato Tang. "Siamo alla pari con l'Europa e l'America nel campo delle automobili intelligenti e abbiamo l'opportunità di diventare leader".
    Xia ha osservato che il rapido sviluppo dell'azienda è stato sostenuto dal raggruppamento della città di linee di assemblaggio di automobili tradizionali, fornitori di pezzi di ricambio e aziende innovative. Guangzhou è una delle principali basi di fabbricazione automobilistica del Paese. Il suo volume annuale di produzione ha raggiunto i 2,95 milioni nel 2020, al primo posto tra le città cinesi per il secondo anno consecutivo.
    Già dagli anni '90, la città ha attirato un gruppo di aziende automobilistiche giapponesi, tra cui Nissan, Toyota e Hino Motors. "La crescita delle aziende automobilistiche attrae molti produttori di ricambi, il che serve come base solida per l'ulteriore sviluppo dell'industria", ha dichiarato Zhu Yigong, presidente della Guangzhou Zhongxin Auto Parts Co, Ltd., che ha intrapreso il business dei ricambi auto nel 1989. I dati dell'ufficio municipale dell'Industria e dell'Informatica mostrano che la città ha oltre 500 aziende produttrici di ricambi, di cui 200 sono produttori di componenti principali.
    Nel 2020, l'industria automobilistica ha contribuito con 586 miliardi di yuan (circa 90,63 miliardi di dollari) al valore lordo della produzione industriale della città. Oggi, la tecnologia, la manodopera specializzata e le aziende della catena di approvvigionamento che si sono aggiunte nel corso degli anni servono a promuovere lo sviluppo delle automobili intelligenti. La città è ora sede di diversi marchi di auto intelligenti, tra cui Gac Aion, Dongfeng-Nissan Chenfeng, Gac BYD, XPeng e Gac Nio. A luglio, Gac ha siglato un accordo con il gigante tecnologico cinese Huawei per sviluppare congiuntamente una nuova generazione di veicoli intelligenti e piattaforme digitali. "L'industria automobilistica si trova all'intersezione della 'potenza dei cavalli' e della 'potenza di calcolo'", ha dichiarato Tang Xinhe, direttore generale della Guangzhou Qisheng Powertrain Co, Ltd, sussidiaria di Gac. "C'è molto che l'industria automobilistica locale può fare". La Cina ha accumulato un vantaggio tecnologico in settori come Internet, 5G, sistemi di navigazione satellitare e intelligenza artificiale, ha osservato Tang. "Siamo alla pari con l'Europa e l'America nel campo delle automobili intelligenti e abbiamo l'opportunità di diventare leader".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie