Teen

Ecco le parole che hanno fatto l'Italia

Dalla A di Antifascismo alla V di Volontari, un libro per ragazzi per il 160/mo dell'Unità d'Italia

Un castello di sabbia con un tricolore italiano, una delle parole fondanti raccontate nel libro di Anna Pini © Ansa
  • di Mauretta Capuano
  • ROMA
  • 14 marzo 2021
  • 13:56

Lo sapevate che il campione di ciclismo Gino Bartali tra il 1943 e il 1944 abbracciò la causa partigiana e sfruttò la sua fama e abilità su due ruote per trasportare importanti documenti che salvarono centinaia di ebrei? Ce lo ricorda o ce lo fa scoprire l'autrice e illustratrice Anna Pini ne 'Le parole che hanno fatto l'Italia', tutto illustrato in tricolore, che esce per 160/mo anniversario dell'Unità d'Italia. Pubblicato ne Il Battello a Vapore Piemme, è uno speciale dizionario leggero e anche divertente, destinato ai bambini dai 9 anni che stupirà e farà riscoprire alcune cose anche agli adulti ed è il primo libro di Anna Pini, che ha studiato illustrazione e grafica delle immagini all'I.S.I.A. di Urbino dopo una laurea in Scienze della Comunicazione e ha collaborato con numerose case editrici.
    Le parole sono quelle che hanno formato l'Italia, da "Tricolore" a "Costituzione", da "Giovine Italia" a "Caporetto" e "Bicicletta" da "Partigiano" a "Salotto", da "Brigata" a "Radio Londra" ad "Avvenire".
    Ci sono le tappe salienti che hanno portato la nostra nazione a essere una e unica, ma anche i luoghi, gli oggetti, le idee e i personaggi più importanti che hanno fatto la Storia del nostro Paese come Carlo Cattaneo, Antonio Gramsci, Gaetano Salvemini, Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso Conte di Cavour, Giacomo Matteotti, Leone Ginzburg, Sandro Pertini, Carlo e Nello Rosselli, fondatori del movimento antifascista Giustizia e Libertà e Cristina Trivulzio di Belgiojoso, che tutta la vita ha combattuto per l'Unità d'Italia. Insieme ai fatti storici la Pini restituisce anche lo spirito e il sentimento di che corre lungo il Novecento.
Dalla "A" alla "V", il glossario si apre con "Antifascismo" e si conclude con "Volontari" e con la grande figura di Giuseppe Verdi e la celebre aria del Nabucco 'Va, pensiero'.
    Alla lettera "D" troviamo le "Donne" con una citazione da 'Dei doveri dell'uomo' di Giuseppe Mazzini che dice: "Cancellate dalla vostra mente ogni idea di superiorità: non ne avete alcuna". E c'è anche una voce dedicata a Sarah Levi Nathan, una delle amiche più strette di Mazzini che in punto di morte la nominò custode delle sue carte. Ma sono le parole e le immagini, tra cui "pane", "patria", "antifascismo", "rappresaglia", "resistenza", "sacrificio", "scarpe", "spia", "staffetta", a guidarci in questo viaggio tra parole e immagini che riportano agli occhi e alla mente il tricolore e la sua storia, perché "solo comprendendo il significato profondo delle parole si può davvero imparare a ricordare e ad amare il proprio Paese". 
   

  • di Mauretta Capuano
  • ROMA
  • 14 marzo 2021
  • 13:56

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie