Camorra: Caserta riparte dal lavoro su esempio Mario Diana

'Sulla via di Damasco' intervista la vedova Antonietta

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 APR - Caserta vuole ripartire dal lavoro.
    'Sulla Via di Damasco', domenica 1 Maggio, alle ore 8.25, su Rai Due, farà tappa in quella che veniva chiamata terra di lavoro, "per raccontare il sacrificio e i miracoli di Mario Diana, testimone coraggioso di questo tempo, ucciso dalla camorra più di 35 anni fa, perché creava lavoro vero, giusto e libero. Una puntata per vedere i frutti di quel seme caduto in terra, segni di una speranza che non muore", spiegano i curatori del programma. Ad accompagnare Eva Crosetta in questo viaggio sarà Elpidio Pota, segretario generale della Fondazione Mario Diana, ex sottufficiale della Guardia di Finanza, che ha gestito inchieste ambientali delicate; ora è la sostenibilità la parola chiave del suo impegno civico e sociale. I miracoli di Mario Diana sono le testimonianze di Giuseppe ed Antonio, lavoratori negli stabilimenti industriali dei figli di Mario; sono i volti della squadra antirazzista di calcio Rfc Lions. All'interno del programma di Vito Sidoti, l'intervista alla vedova Diana, Antonietta, che ha condiviso fino alla fine con il marito la scelta di non piegare le ginocchia davanti alla criminalità organizzata. In chiusura, don Antonello Giannotti presenta il progetto ex Macrico: uno spazio verde che vuole diventare motore di rinascita per Caserta, coniugando cura del creato e opportunità di lavoro. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA