Abruzzo
  1. ANSA.it
  2. Abruzzo
  3. Univaq, progetto Sicura, tecnologie di sicurezza per Pmi

Univaq, progetto Sicura, tecnologie di sicurezza per Pmi

Confronto all'Aquila. Alesse, mettiamo know how sul mercato

(ANSA) - L'AQUILA, 15 NOV - Trasferire su beni e servizi delle aziende del territorio le conoscenze sviluppate in ambito accademico. Questo l'obiettivo allo studio nell'ambito delle "Giornate delle tecnologie emergenti per la sicurezza sostenibile" che si sono svolte all'auditorium del Gran Sasso Science Institute e nel Tecnopolo d'Abruzzo.
    Due giorni di incontri, tavole rotonde e dibattiti scientifici con i rappresentanti del mondo dell'accademia, delle istituzioni e dell'industria italiana relativi al tema della sicurezza delle infrastrutture, dell'ambiente e delle città, mediante l'impiego di soluzioni basate su Internet delle cose e intelligenza artificiale, con specifica attenzione al tema della "cyber security".
    In primo piano il progetto Sicura finanziato dal bando del Ministero dello Sviluppo Economico (Mise) con l'obiettivo di realizzare progetti di sperimentazione, ricerca applicata e trasferimento tecnologico basati sull'utilizzo delle tecnologie emergenti, quali blockchain, intelligenza artificiale (AI), Internet delle cose (IoT), grazie allo sviluppo delle reti di nuova generazione 5G. Partner del progetto Sicura sono anche Gssi, Comune dell'Aquila, Zte, Wind, Cueim, Itc-Cnr.
    "Progetti e iniziative allo studio - ha sottolineato il rettore Edoardo Alesse - sono principalmente rivolti a start up e piccole e medie imprese, in quanto le aziende più grandi riescono a sviluppare in autonomia infrastrutture di sicurezza".
    "In questo contesto di innovazione - spiega il referente per l'ateneo per il trasferimento tecnologico Luciano Fratochi - cerchiamo di creare un percorso virtuoso dalla conoscenza sviluppata nei nostri dipartimenti a servizio delle nuove tecnologie e dunque per realizzare nuova impresa".
    Tra i promotori anche il professore di Ingegneria delle telecomunicazioni Fabio Graziosi, direttore del centro di accellenza di ateneo "Incipict" che ha parlato delle potenzialità del progetto Sicura, nell'ottica di un sistema tecnologico in grado di costituire un volàno per l'economia.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie