Toscana
  1. ANSA.it
  2. Toscana
  3. Ricerca a Pisa, ossigeno atomico per restaurare i beni culturali

Ricerca a Pisa, ossigeno atomico per restaurare i beni culturali

Università Pisa, concentrato tra 85 e 125 km in atmosfera

(ANSA) - PISA, 28 NOV - Dagli strati più alti dell'atmosfera arriva un nuovo approccio rivoluzionario per la pulizia e il restauro delle opere d'arte. Si tratta dell'ossigeno atomico che in natura si trova tra gli 80 e i 300 km da terra con una concentrazione massima tra gli 85 e i 125 km in atmosfera.
    Produrre l'ossigeno atomico con macchinari di facile utilizzo e validarne i protocolli d'uso per la conservazione dei beni culturali sono gli obiettivi di Moxy, un progetto europeo appena partito che ha come unico partner italiano l'università di Pisa.
    "I metodi di pulizia delle opere d'arte attualmente disponibili - spiega la professoressa Ilaria Bonaduce del dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell'ateneo pisano e referente per il progetto - richiedono un contatto con le superfici e l'utilizzo di innumerevoli prodotti con rischi per la salute e l'ambiente. Moxy quindi mira a una rivoluzione verde grazie allo sviluppo di una tecnologia pulita che utilizza nient'altro che atomi di ossigeno". L'ossigeno atomico, prosegue "rappresenta un approccio radicalmente nuovo che potrà consentire di rimuovere in sicurezza contaminanti altamente problematici senza contatto, senza solventi e senza liquidi".
    Sono stati due scienziati della Nasa, Sharon Rutledge Miller e Bruce Banks, i primi negli anni '90 ad applicare l'ossigeno atomico per pulire "Bathtub", un dipinto di Andy Warhol vandalizzato a colpi di rossetto. Da allora l'ossigeno atomico è rimasto estraneo al mondo dell'arte e ora il team di Moxy punta a utilizzarlo per la conservazione del patrimonio culturale.
    "Lavoreremo - aggiunge Bonaduce - per comprendere l'interazione chimica che si instaura tra il plasma di ossigeno atomico e i materiali organici che costituiscono le opere d'arte con particolare attenzione ai dipinti moderni e contemporanei particolarmente delicati e fragili, ma indagheremo anche i gas prodotti durante la pulitura con l'ossigeno atomico, per assicurare la sicurezza dei conservatori all'opera sui manufatti artistici". Il consorzio comprende esperti di fisica del plasma, di chimica, di scienza della sostenibilità, di restauro e di conservazione dei beni culturali. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie