1. ANSA.it
  2. Foto
  3. Primopiano
  4. P.za S.Carlo: sentenza, non tutti sono responsabili
27 maggio, 16:09 Primopiano

P.za S.Carlo: sentenza, non tutti sono responsabili

© ANSA
 © ANSA

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - "L'assenza di qualsiasi gestione dell'emergenza" e la presenza massiccia di vetri dovuta all'"impressionante numero di bottiglie". Queste, secondo la corte di Assise di Torino, furono le cause del disastro del 3 giugno 2017 in Piazza San Carlo, dove le ondate di panico tra la folla ammassata per seguire su maxischermo la finale di Champions League Juventus-Real Madrid provocarono 1600 feriti e la morte di due donne. E' quanto si legge nelle motivazioni della sentenza con cui sono state pronunciate tre condanne e 6 assoluzioni: i giudici, ripercorrendo la giurisprudenza in materia di cooperazione colposa, non hanno accolto la tesi della procura secondo la quale chiunque ebbe parte all'iter amministrativo e organizzativo della serata ebbe "una posizione di garanzia" rispetto alla gestione della sicurezza dell'evento.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tutte le foto

Modifica consenso Cookie