Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: webinar per archeologi cinesi e italiani

Dedicato a esperti del Sichuan e della Campania

(ANSA-XINHUA) - CHENGDU, 01 DIC - Gli archeologi della provincia cinese del Sichuan e della regione Campania hanno iniziato ieri un webinar di due giorni sulla protezione e l'utilizzo dei reperti culturali.
    Lei Yu, un ricercatore del Sichuan Provincial Cultural Relics and Archeology Research Institute, e Gabriel Johannes Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, hanno informato i partecipanti sulle nuove scoperte di quest'anno nel sito delle rovine di Sanxingdui e nel sito della città antica di Pompei.
    Presso il leggendario sito delle rovine di Sanxingdui sono stati rinvenuti da marzo quasi 10.000 reperti, impressionando gli archeologi con il loro valore storico.
    Secondo Lei, quest'anno nel sito delle rovine di Sanxingdui, i lavori di scavo sono stati eseguiti contemporaneamente alla protezione e al restauro dei reperti, che si basa sull'esperienza acquisita nel sito dell'antica città di Pompei.
    "La protezione e il restauro dei reperti culturali in Italia è ai massimi livelli mondiali. Auspichiamo di avere più scambi e cooperazioni con le controparti italiane in questo campo", ha detto l'esperto.
    Al webinar, gli esperti dei due Paesi hanno parlato di una vasta gamma di argomenti, tra cui la tutela, il restauro e l'utilizzo del patrimonio culturale, la formazione dei talenti e la ricerca sui materiali utilizzati nella protezione dei reperti culturali.
    Pasquale Rossi, professore dell'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, ha affermato che i due Paesi devono rafforzare ulteriormente gli scambi culturali e ha inoltre proposto seminari regolari.
    Il 2022 sarà l'anno della cultura e del turismo Italia-Cina.
    (ANSA-XINHUA).
   

        Responsabilità editoriale Xinhua.

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie