Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. PMI
  4. ANSA/ Commercialisti, stop a ingorgo fisco del 30 novembre

ANSA/ Commercialisti, stop a ingorgo fisco del 30 novembre

Professione in salute, per uno su due sale il redditto.

(ANSA) - GENOVA, 30 NOV - Stop all'ingorgo fiscale del 30 novembre a cui è necessario rimediare con un intervento organico e non rinvii dell'ultimo minuto. E' quanto chiedono al governo i dottori commercialisti riuniti a Genova per l'appuntamento "Previdenza in tour2022 Verso nuove rotte - Strategie e strumenti di navigazione per i dottori commercialisti di domani' organizzato dalla loro Cassa.
    "Ci sono due metafore cinematografiche che descrivono la situazione che vivono oggi i commercialisti: 'Io speriamo che me la cavo' e 'Donne - ma anche uomini - sull'orlo di una crisi di nervi'", afferma il presidente Stefano Pistilli, "Auspichiamo che ci sia più ascolto nei confronti della nostra professione in modo da permetterci di lavorare meglio nei momenti cruciali". La professione comunque gode di buona salute. Secondo un sondaggio di Swg commissionato per l'occasione un professionista su due dice di aver aumentato il reddito con un incremento che ha riguardato soprattutto i professionisti che hanno un'attività solida e ben avviata: 60% di casi per quelli con redditi oltre 100 mila euro e quasi 50% dei casi per quelli tra 50 e 100 mila euro. Solo un professionista su 5 segnala un andamento in calo.
    Conti che fanno bene alla Cassa: "Prevediamo di chiudere il bilancio 2023 con un avanzo di 598 milioni, in miglioramento rispetto al pre consuntivo 2022 di 331 milioni, gli iscritti sono 73 mila e prevediamo una crescita di 1.000-1.200 unità l'anno prossimo al netto delle cancellazioni e dei pensionamenti", ha detto il vicepresidente della Cassa Dottori Commercialisti Michele Pirotta con la previsione di gestire un patrimonio netto in crescita ben oltre i 10 miliardi.
    E a sottolineare il ruolo della Cassa non solo per gli iscritti ma per il Paese è stata la ministra del Marina Calderone. "Nel lungo periodo le Casse delle libere professioni si sono contraddistinte anche per la loro vocazione di investitori istituzionali a sostegno dei percorsi di ripresa e di crescita del Paese", ha scritto in un messaggio la ministra, ricordando che : "negli ultimi anni il comparto ha dato prova di grande responsabilità rispetto alle iniziative d'investimento in progetti di made in Italy. Un supporto strategico al nostro tessuto produttivo, chiamato ad affrontare le grandi sfide delle transizioni in corso, che auspico possa trovare conferma anche in futuro". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
        BANCA IFIS
        Vai alla rubrica: PMI

        Ultima ora



        Modifica consenso Cookie