ANSA Eventi

  1. ANSA.it
  2. ANSA Eventi
  3. Photoansa 2022, la presentazione al Maxxi di Roma
ANSA Eventi

Photoansa 2022, la presentazione al Maxxi di Roma

Dalla guerra alla prima premier donna. Secondo evento il 25 gennaio alle Gallerie d'Italia-Torino. Diretta streaming su ANSA.it dalle 17.30

ANSA Eventi

Photoansa 2022: la guerra, l'Italia dell'export in crescita, il ritorno dei concerti

Il 2022 è stato un anno tragico perché la speranza della ripresa dopo la pandemia e' stata schiacciata dall'esplosione della guerra in Ucraina. Il conflitto iniziato la notte del 24 febbraio nel cuore dell'Europa non poteva non essere al centro del libro Photoansa 2022, l'annuale volume che raccoglie le migliori immagini scattate dai fotografi dell'ANSA, ed e' stato ripetutamente richiamato nel corso della presentazione al Museo Maxxi di Roma, anche per provare a rilanciare la speranza che l'anno prossimo sia invece portatore di pace.

 

SFOGLIA IL LIBRO PHOTOANSA 2022

 

Il 2022 e' stato pero' anche l'anno della morte della regina Elisabetta e, naturalmente, quello che ha portato a Palazzo Chigi la prima premier donna. "Piu' che un anno importante, credo che il 2022 sia un anno irripetibile. Questo e' l'anno di Meloni e non e' ancora finito, lasciatela lavorare - ha affermato il presidente del Senato Ignazio La Russa -. Da troppo tempo la democrazia italiana, al di la' di meriti e demeriti, era un po' zoppa perche' non riusciva a esprimere compiutamente un governo eletto dagli elettori. Ora giudicheranno gli elettori se e' stato un buon investimento o no".

Un primo giudizio e' stato dato dal presidente di Confindustria Carlo Bonomi. "Con la manovra fatta in pochissimo tempo, e' stata mantenuta la barra dritta sulla finanza pubblica - ha sottolineato -. E' positivo anche l'intervento sul caro bollette", mentre "non ha convinto il fatto che le altre risorse non siano state destinate alla finalita' di aumentare la crescita del Pil potenziale". 

Giulio Anselmi, il presidente dell'Agenzia ANSA

 

Il dramma della guerra e' stato al centro delle parole dell'ambasciatore ucraino in Italia Yaroslav Melnyk, intervenuto insieme alla giornalista ucraina Nataliya Kudryk. "Tutti vogliamo la pace, ma per portare la pace servono le armi. La Russia capisce solo il linguaggio della forza - ha detto l'ambasciatore -. Senza armamenti sarebbe troppo complicato portare avanti questa sfida e difendere i valori non solo in Ucraina ma in tutto il mondo. Posso capire la preoccupazione di alcuni politici sull'invio delle armi, ma non la condivido. Dobbiamo essere piu' uniti che mai per portare avanti questa battaglia". A parlare del conflitto in apertura dell'evento, condotto dal direttore dell'ANSA Luigi Contu, anche il presidente dell'agenzia Giulio Anselmi. 

L'ambasciatore ucraino in Italia Yaroslav Melnyk

 

"E' una guerra che ha la particolarita' di colpire i civili, non e' una guerra di militari contro i militari - ha sottolineato -. Forse per questo c'e' nei confronti del popolo ucraino tanta solidarieta' . L'unica speranza e' nel fatto che anche le peggiori paure riescono a volte a trovare forme di autoregolazione o di freno. Non credo ci siano segnali di pace, ma la speranza e' meglio conservarla per tutti gli europei e per il mondo intero". Un augurio al quale si e' unito l'amministratore delegato dell'ANSA Stefano De Alessandri, che ha ricordato come, malgrado il contesto economico complicato, il 2022 si chiudera' in positivo per il quinto anno consecutivo per l'agenzia. Il manager ha ricordato, inoltre, che in base al Rapporto Reuters il sito dell'ANSA si conferma come primo sito di news in Italia per autorevolezza, 

l'Ad dell'Agenzia Stefano De Alessandri

A fare gli onori di casa il presidente del Maxxi, Alessandro Giuli, che ha dato il via al suo mandato con questo evento e ha voluto sottolineare la "rilevanza sociale di musei come questo" che si manifesta anche "con partnership importanti come quella con l'ANSA".

Il direttore dell'ANSA Luigi Contu con il presidente del Maxxi Alessandro Giuli

 

Per lo sport è intervenuta Maria Sole Ferrieri Caputi, la prima donna ad arbitrare in Serie A. "Non c'è una reazione standard alle proteste dei giocatori - ha affermato -. Dipende dall'arbitro, ognuno ha il suo stile. Poi l'arbitro deve fare da anche da psicologo e capire da cosa proviene quella protesta. Io comunque cerco di rispondere con la gentilezza".

L'arbitro Maria Sole Ferrieri Caputi

 A rappresentare il mondo dello spettacolo Cesare Cremonini. 'Quest'anno ho portato avanti il progetto 'Io vorrei' e sono andato in alcune scuole proponendo un progetto di riqualificazione. Lì mi sono accorto che ci sono ragazzi dimenticati e non visti, perché il digitale dà l'impressione che se non sei là dentro non esisti. La scuola è la vera trincea dello stato, non solo contro la criminalità ma anche contro il senso di vuoto del futuro che può essere amplificato dal digitale. Il digitale frammenta le opinioni e il pubblico - ha detto- e si corre il rischio di trovarsi in un imbuto, fatto di poche prospettive'. Quanto ai progetti per il futuro, l'artista ha spiegato che il 2023 sarà "un anno di pausa e di osservazione".

Cesare Cremonini

A chiudere la serata la satira di Federico Palmaroli, autore de Le più belle frasi di Osho, che ha illustrato alcune delle sue vignette. Dopo questo evento romano, sponsorizzato da Enel, il volume verrà poi presentato alle Gallerie d'Italia di Torino il 25 gennaio alle 17.30, evento realizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

IL VIDEO DELL'EVENTO

 

Archiviato in


Modifica consenso Cookie