Professioni

  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. Professioni
  4. Casse di Previdenza
  5. Equo compenso: Ocf, fermare attacco da più fronti al ddl

Equo compenso: Ocf, fermare attacco da più fronti al ddl

Da 'disparate parti imprenditoria e da Adepp (Enti previdenza)'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - L'Organismo congressuale forense (Ocf) "si oppone all'attacco da più fronti di chi cerca di arrestare l'approvazione del disegno di legge sull'equo compenso". Attacco che coinvolge "disparate parti dell'imprenditoria" e che "impone una risposta immediata: per questo l'Ocf ha posto all'ordine del giorno dell'assemblea del 27 e 28 maggio "l'assunzione di ogni necessaria reazione e iniziativa per salvare l'iter legislativo dell'equo compenso".
    Ocf ricorda tra le ultime voci critiche sul testo, quelle del presidente delle Casse previdenziali private professionali (Adepp)di Alberto Oliveti e del senatore del Pd Tommaso Nannicini che presiede la Commissione parlamentare di controllo sugli Enti di previdenza, "per i quali l'inserimento della responsabilità disciplinare per i professionisti che adottano pratiche di dumping e di offerte sotto costo favorirebbe la concorrenza sleale degli altri fornitori di servizi da parte di società o da soggetti non iscritti agli Ordini, con conseguente abbandono da parte di ampie quote di professionisti dei rispettivi Ordini e Casse previdenziali".
    Il coordinatore di Ocf Sergio Paparo "stigmatizza questo ulteriore (e poco realistico) bastone tra le ruote supportato da settori interessati al mantenimento della situazione esistente".
    E nota che "più ci si avvicina al termine dei lavori di approvazione della legge sull'equo compenso (all'esame della Commissione Giustizia del Senato, dopo un primo via libera della Camera nell'ottobre 2021, ndr), più forti sorgono le remore di interessi contrari alle libere professioni". Di qui lo stupore per il fatto che, "a parte Cassa forense, che sostiene la campagna di Ocf e del Consiglio nazionale forense (Cnf) per l'approvazione dell'equo compenso, altri Enti previdenziali privati non colgano l'esigenza di tutelare i loro iscritti, più che il numero delle iscrizioni". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie