PMI

  1. ANSA.it
  2. Pianeta Camere (di commercio)
  3. Industria:E-R; studio, ripresa sostenuta ma pesa geopolitica

Industria:E-R; studio, ripresa sostenuta ma pesa geopolitica

Analisi di Unioncamere E-R, Confindustria E-R e Intesa Sanpaolo

(ANSA) - BOLOGNA, 14 GIU - Sul fronte industriale, partito bene - con un primo trimestre segnato da "una ripresa a ritmo sostenuto e con un notevole recupero" rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente - il 2022 vede ora "messo in discussione il quadro di dinamicità" registrato nel primo scorcio, a causa della difficile congiuntura a livello internazionale; dell'inflazione, con l'aumento dei prezzi di materie prime ed energia; e della crisi geopolitica che "rappresentano dei fattori di freno". E' quanto emerge dall'indagine congiunturale sull'industria manifatturiera regionale realizzata in collaborazione tra Unioncamere Emilia-Romagna, Confindustria Emilia-Romagna e Intesa Sanpaolo.
    Guardando ai numeri archiviati nei primi tre mesi dell'anno il volume della produzione dell'industria in senso stretto ha registrato un incremento dell'8% mentre il fatturato è avanzato dell'11% (con quello estero a crescere del 9,6%), l'acquisizione degli ordini è salita del 9,4%. e il grado di utilizzo degli impianti è giunto fino al 79,7% ,il valore più elevato da fine 2014.
    Tra i diversi comparti quello alimentare ha riportato un fatturato in crescita dell'8% e una produzione in progresso del 5,2%. Bene anche la moda (+12,2% il fatturato, +10,6% la produzione); la piccola industria del legno e del mobile (+11,7% il fatturato, +7% la produzione); l'industria metallurgica e delle lavorazioni metalliche (+11,4% il fatturato, +8% la produzione); le industrie meccaniche, elettriche e dei mezzi di trasporto (fatturato + 12,3% produzione +9,6%) .
    Sul fronte dimensionale per le piccole imprese la produzione è salita del 5,3% e il fatturato del 6,7%; per quelle medie l'aumento della produzione è stato del 7,6% e del fatturato dell'8,9% mentre le imprese medio-grandi hanno visto crescere la produzione del 9,2% e il fatturato del 14%.
    Quanto alle esportazioni manifatturiere emiliano-romagnole queste sono risultate pari a quasi 20.072 milioni pari al 14,6% dell'export nazionale, e hanno fatto segnare un incremento del 24,7% rispetto al primo trimestre del 2021 e sono risultate superiori del 28% alle vendite estere dello stesso periodo del 2019.
    A fine marzo le imprese dell'industria in senso stretto attive risultavano essere 43.373 (pari al 10,8% delle aziende della regione), con una leggera diminuzione corrispondente a 170 imprese (-0,4%) rispetto all'anno precedente. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie