Colsaerts vicecapitano Ryder 2023, gioia incredibile

Dall'incubo malattia al sogno di entrare nello staff di Donald

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Quando Donald mi ha chiesto di ricoprire questo importante incarico, ho provato una gioia incredibile. Ogni volta che sento la parola Ryder Cup, i miei ricordi tornano al 2012 e all'orgoglio provato per aver fatto parte di un evento unico giocato in difesa dei colori europei".
    Sono le prime dichiarazioni di Nicolas Colsaerts da terzo vicecapitano del team Europe alla Ryder Cup 2023 di Roma.
    "Il ruolo di vicecapitano - ha aggiunto il belga - è diverso da quello del giocatore, ma l'obiettivo resta lo stesso: fornire il miglior contributo possibile alla squadra. Abbiamo già due vicecapitani fantastici come Bjorn ed Edoardo Molinari, con cui c'è peraltro un legame speciale. Fin da giovanissimo, quando uno inizia a fare sport, la prima cosa che ti viene detta e insegnata è che l'importante sia partecipare. E' tutto verissimo, così com'è vero che quando indossi i colori europei e giochi una Ryder Cup, non vuoi fare altro che vincere. E questo è quello che proveremo a fare a Roma", la carica di Colsaerts.
    Che ha un buon feeling con l'Italia e con l'Open d'Italia dove ha sfiorato due volte l'impresa classificandosi terzo nel 2010 (in Piemonte) e secondo nel 2020 (in Lombardia). Dall'incubo dello scorso gennaio, quando fu ricoverato in ospedale perché affetto da nefropatia membranosa primaria - malattia infiammatoria cronica dei glomeruli accompagnata da un progressivo deterioramento della funzione renale - al sogno Ryder Cup 2023. Questa la parabola di Colsaerts, tra i vicecapitani del team Europe alla prossima Ryder. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA