Campi estivi per i bambini ucraini in tutta l'Ue

Iniziativa del Comitato europeo delle Regioni, Roma ha aderito

Redazione ANSA

BRUXELLES - I campi estivi accolgono i bambini ucraini nelle città europee, tra le quali Roma. È l'iniziativa lanciata dal Comitato europeo delle Regioni, che nella plenaria di aprile ha accolto la proposta di Vitaly Klitschko, sindaco di Kiev e presidente dell'Associazione delle città ucraine (Auc).
I bambini accolti nei campi estivi organizzati dai membri o sostenuti dal Comitato sono oltre 500, provengono da scuole primarie e secondarie e sono attualmente sfollati in Ucraina. I campi, che durano dai dieci giorni alle tre settimane, saranno ospitati dalle autorità locali e regionali europee nel corso di tutta l'estate.

Roma ha risposto all'appello, con il sindaco Roberto Gualtieri che ha accolto nella capitale 36 minori accompagnati da quattro operatori dal 2 al 15 luglio, grazie anche alla collaborazione con la Croce Rossa Italiana. Atri campi sono in Francia, Germania, Lettonia, Polonia, Romania e Spagna.
I costi dei campi sono sostenuti dai Comuni e dalle Regioni partecipanti insieme a partner pubblici, privati e della società civile. In alcuni casi, l'Auc e i partner ucraini coprono i costi di trasporto dei bambini fino a destinazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: