Ok dell'Eurocamera a proposta su trasparenza fondi partiti

Lega si astiene, Fdi divisa

Redazione ANSA

STRASBURGO - Via libera dell'Eurocamera alla relazione stilata dagli eurodeputati Rainer Wieland (Ppe) e Charles Goerens (S&d) sulla proposta di regolamento di Bruxelles in merito agli statuti e ai finanziamenti dei partiti europei. La relazione fa seguito alla proposta della Commissione Ue sulla riforma dei finanziamenti ai partiti e fondazioni europei e su una maggiore trasparenza dei fondi, in particolare quelli provenienti da Paesi terzi. L'approvazione è arrivata con 392 voti favorevoli, 119 contrari e 56 astenuti. Il provvedimento viene così rinviato in Commissione per l'inizio dei negoziati con Consiglio e Parlamento.

La proposta di regolamento avanzata dalla Commissione nel novembre del 2021 si focalizza sui partiti europei e sull'obiettivo di "infondere nuovo slancio alle democrazie" dell'Ue e ha tra gli obiettivi quelli di "aumentare la sostenibilità finanziaria dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee, agevolare le interazioni con i partiti nazionali che ne sono membri, cosicché i partiti politici europei possano partecipare più facilmente alle campagne nazionali su tematiche riguardanti l'Ue, colmare le lacune rimanenti in materia di fonti e trasparenza dei finanziamenti (in particolare le donazioni e i finanziamenti provenienti da paesi terzi, ridurre gli oneri amministrativi eccessivi e aumentare la certezza del diritto".

Questa mattina, presentando la proposta, la vice presidente della Commissione Ue Vera Jourova ha sottolineato come "la proposta è importantissima per garantire che si tengano elezioni libere e eque e senza ingerenze indebite esterne. Il quadro giuridico va impiantato prima delle prossime elezioni europee". "In un contesto più ampio c'è un pacchetto volto a proteggere le nostre elezioni e a salvaguardare la competizione elettorale. Ci sarà anche una proposta sulla pubblicità elettorale per evitare manipolazioni e difenderci dalle campagne di disinformazione", ha sottolineato la commissaria. "E' ci sarà una legislazione relativa al diritto dei voto legato a quello diritto di cittadinanza. Anche l'aspetto del genere è importante e va inserito nella legislazione dei partiti europei, che devono dare l'esempio", ha ancora aggiunto Jourova in Plenaria rimarcando come "le donazioni extra-Ue" ai partiti "saranno totalmente escluse".

La delegazione della Lega all'Eurocamera si è astenuta in blocco sul voto sulla proposta mentre il resto del gruppo Identità e Democrazia ha votato contro. E' quanto risulta dai tabulati della votazione con cui Strasburgo ha approvato la proposta. Gli eurodeputati di Fdi presenti in Aula si sono invece divisi: Sergio Berlato e Carlo Fidanza si sono astenuti, Pietro Fiocchi e Raffaele Stancanelli hanno votato sì. Il resto del gruppo dei Conservatori e Riformisti - co-presieduto da Fdi - ha invece votato contro. Tutti gli altri eurodeputati italiani hanno votato sì.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie