Il Parlamento chiede all'Ue di adottare l'imposta minima globale 15% per multinazionali

Eurocamera ne chiede attuazione entro il 31 dicembre 2022

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Parlamento europeo sostiene il recepimento nell'ordinamento Ue dell'accordo internazionale per una imposta minima globale del 15% per le multinazionali. Con una risoluzione approvata con 503 voti favorevoli, 46 contrari e 48 astensioni gli eurodeputati hanno approvato gli elementi principali della proposta della Commissione, in particolare il rispetto del calendario di attuazione proposto e il termine di attuazione fissato al 31 dicembre 2022, con l'intento di attuare la legislazione rapidamente.

Il Parlamento ha però imposto alcune alcune modifiche al testo della Commissione e chiesto l'introduzione di una clausola di riesame della soglia dei ricavi annuali (oltre la quale una società multinazionale sarebbe soggetta all'aliquota minima) e una valutazione d'impatto della legislazione sui paesi in via di sviluppo.

Gli eurodeputati hanno chiesto inoltre di ridurre alcune delle esenzioni proposte dalla Commissione e di limitare le possibilità di abuso con l'introduzione di un articolo specifico contenente misure atte a contrastare i meccanismi di evasione fiscale. La relazione, che costituisce la posizione del Parlamento, verrà ora trasmessa al Consiglio Ue che dovrà adottare il testo definitivo all'unanimità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie