Mostra di foto svela carceri femminili

La realtà degli istituti negli scatti di Giampiero Corelli

Redazione ANSA BOLOGNA

BOLOGNA - Donne, madri, detenute, ma anche agenti della polizia penitenziaria, addette alla sorveglianza, tutte donne accomunate nelle proprie differenze dalla condivisione di uno spazio limitato e definito, denso di sofferenza, dolore, tristezza, dove affiorano anche squarci di amore, gioia e solidarietà. Sono le protagoniste di 'La bellezza dentro', progetto del fotoreporter Giampiero Corelli, che con i suoi scatti racconta la realtà degli istituti femminili italiani. Le sue istantanee saranno in mostra dal 15 al 30 giugno nella Manica Lunga di Palazzo d'Accursio a Bologna: l'esposizione è promossa dall'Associazione 'Il Poggeschi per il carcere' e dal Comune.
    Corelli è entrato con il proprio occhio fotografico in quasi tutte le case circondariali femminili in Italia, un percorso che lo ha portato da Palermo a Trento, passando per Rebibbia, San Vittore e per la Dozza di Bologna. Le foto fanno emergere l'umanità rinchiusa dentro la realtà delle case circondariali, dove le persone condividono anche le situazioni più intime e personali e i sentimenti positivi e negativi si esaltano. Il progetto è stato reso possibile grazie al ministero di Giustizia, al Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, alle varie case circondariali con il proprio personale.
    Giampiero Corelli, nato a Sant'Alberto (Ravenna), è fotoreporter da più di 30 anni e collabora con diverse testate giornalistiche. Tra i suoi lavori spiccano alcune pubblicazioni e mostre come: 'Io non mi arrendo, dieci storie di badanti'; 'Donne che non tremano, i volti e le storie dopo il terremoto de L'Aquila'; 'Il vento negli occhi, reportage sulle donne soldato in Afghanistan'.(ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA