Mostre: a Matera progetto 'Genesi', arte e diritti umani

A Palazzo Lanfranchi e Casa Noha fino al 27 maggio

Redazione ANSA MATERA

(ANSA) - MATERA, 08 MAR - Un viaggio tra identità culturali diverse a tutela dei diritti umani, attraverso foto, dipinti, installazioni volti e situazioni che denunciano la condizione dei diritti umani nel mondo. E' il filo conduttore della terza tappa della mostra ''Progetto Genesi. Arte e diritti umani'' che, inaugurata oggi, in occasione della giornata internazionale della donna, a Matera, a Palazzo Lanfranchi e a Casa Noha del Fai (Fondo ambiente Italia), resterà aperta fino al 27 maggio.
    La mostra itinerante - curata da Ilaria Bernardi - è affiancata da un ricco programma di attività educative rivolte al pubblico di tutte le età e a tre conversazioni online realizzate in collaborazione con l'Università Cattolica. Il percorso espositivo fa riferimento a vittime del Potere, alle discriminazioni sul colore della pelle, al ruolo della donna all'interno di contesti, privati o pubblici, in cui la supremazia maschile è ancora presente. E poi la tutela dell'ambiente, con i danni causati dalle attività umane all'ecosistema e l'urgenza di preservare l'equilibrio tra uomini e natura mediante uno sviluppo sostenibile.
    La tappa nella Città dei Sassi della Collezione Genesi - nata per volontà di Letizia Moratti e sviluppatasi grazie a Clarice Pecori Giraldi che ne ha curato le acquisizioni - è stata promossa da Associazione Genesi, Fai e Museo nazionale di Matera. Dopo Matera, la mostra (che in precedenza è stata a Varese e Assisi) sarà allestita ad Agrigento. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie