Piero Manzoni in vetrina a New York

Achromes e Linee, due mostre da Houser and Wirth

Redazione ANSA NEW YORK

(ANSA) - NEW YORK, 3 MAG - La meteora Piero Manzoni torna a New York: due mostre parallele della galleria Houser and Wirth a Chelsea esplorano le opere più significative di un progenitore dell'arte concettuale e figura fondamentale dell'arte italiana. Pittore-non pittore e disgregatore dell'arte prima della prematura scomparsa a meno di trent'anni nel 1963, Manzoni divenne internazionalmente famoso nel 1961 per le 90 lattine-scandalo della "Merda d'Artista", "ma non fu solo quello", spiega all'ANSA Rosalia Pasqualino di Marineo, direttrice della Fondazione Piero Manzoni a Milano. Le mostre di New York, 'Piero Manzoni. Materials of His Time' e 'Piero Manzoni. Lines', si articolano su due piani della galleria.
    La prima presenta 72 Achromes (incolori) tra i più radicali degli 800 realizzati da Manzoni ed esamina il suo rivoluzionario approccio a materiali non convenzionali: il panno cucito, i pallini di ovatta, la fibra di vetro, le "rosette" di pane, le fibre sintetiche e naturali, la paglia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA