Quando la 'New Art" americana ando' a Venezia e vinse

Al Jewish Museum l'ultimo progetto di Germano Celant

Redazione ANSA NEW YORK

(di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 15 SET - Quando la "New Art" americana ando' a Venezia e vinse: una mostra al Jewish Museum di New York conduce in porto l'ultimo progetto di Germano Celant. Il critico italiano che conio' il termine "Arte Povera' e' morto nel 2020 di Covid. Era stato avvicinato tre anni prima dal museo newyorchese per affrontare il ruolo di Alan Solomon, che lo diresse per due turbolenti anni, nella scena artistica di New York.
    E' nata cosi' '1962-1964', una rassegna a tutto campo tra arte, moda, letteratura, teatro e costume che tra l'altro racconta come, proprio grazie a Solomon, la pop art si affermo' a livello internazionale.
    Una americanata destinata a fallire: questo il pronostico di Corrado Cagli, in una intervista alla Rai nell'anno - il 1964 - in cui nessun italiano alla Biennale di Venezia vinse il premio per la pittura mentre il Leone per miglior artista straniero andò a Robert Rauschenberg, che Solomon, incaricato di montare il Padiglione Americano, aveva portato in Laguna assieme a Jasper Johns, John Chamberlain, Jim Dine, Morris Louis, Kenneth Noland, Claes Oldenburg e Frank Stella occupando con le loro opere anche la sede del consolato. Il governo degli Stati Uniti e addirittura la Cia furono accusati di aver orchestrato dietro le quinte la vittoria del texano. '1962-1964', aperta fino a gennaio, raccoglie oltre 150 opere, tutte realizzate o viste a New York in quei due anni, molte di artiste donne come Louise Nevilson, Marisol, Faith Ringgold, Marjorie Strider, Yayoi Kusama. A corredo le foto di Ugo Mulas alla Biennale e prima ancora nei loft occupati da Rauschenberg, Chamberlain, Roy Lichtenstein e George Segal a Lower Manhattan, una zona minacciata dalla gentrificazione voluta dall'allora sindaco Richard Wagner e l'urbanista Robert Moser. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie