Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nursind e Uil Fpl, nuova aggressione a operatore sanitario

Infermiere picchiato da utente al Centro salute mentale Trieste

Redazione ANSA TRIESTE

(ANSA) - TRIESTE, 08 GEN - Venerdì 6 gennaio al Centro di salute mentale (CSM) di via Gambini un infermiere è stato picchiato mentre stava lavorando da un utente al quale chiedeva d'attendere il passaggio di consegne prima di conferire con gli operatori. Lo rendono noto oggi con un comunicato il Segretario Regionale NURSIND Luca Petruz e il Segretario UIL FPL FVG Luciano Bressan precisando che l'aggressore aveva prima inveito contro gli operatori e subito dopo ha sferrato calci e pugni contro l'infermiere che è dovuto ricorrere alle cure dei colleghi del Pronto Soccorso. Non ha riportato ferite particolari.
    I sindacati gridano "vergogna" perché "la persona che lavora, picchiata, insultata, umiliata, non deve essere una statistica, non deve essere la normalità e non deve passare sotto silenzio.
    La UIL FPL e il NURSIND "condannano con fermezza quanto avvenuto e manifestano piena solidarietà al lavoratore picchiato". Infine, i sindacati segnalano che "le aggressioni fisiche e verbali nei confronti degli operatori sanitari sono in aumento e questo non è accettabile"; nel 2022 sono state più di 500 in regione.
    "Discuteremo a livello regionale - annunciano - direttamente con l'assessore e chiederemo di prevedere un eventuale ristoro economico a chi lavora in ambienti a rischio e faremo lo stesso anche al tavolo nazionale nel rinnovo del prossimo CCNL". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA