Renault Twingo Electric, vera mobilità green anche fuori città

Livello Vibes, a suo agio su strada aperta con dotazioni al top

Andrea Silvuni
PROVATA DA
ANSA MOTORI

 Assoluta antesignana di quel cambiamento che oggi, alla Renault di Luca de Meo, è stato chiamato Nouvelle Vague, la Twingo ha dimostrato fin dalla sua prima generazione, quella tutta curve e simpatia del 1993, di non essere catalogabile e di non avere in pratica dirette rivali. Una particolarità esaltata nell'ultima generazione (a motore posteriore) e ancora di più nella recentissima variante con propulsione 100% elettrica. Nuova Renault Twingo Electric, per caratteristiche, equipaggiamenti e prestazioni, va infatti a soddisfare le esigenze di una fascia di utenza davvero trasversale e diversificata, tanto da non meritare la sola definizione di city car. 

 


Lo fa, va detto subito, a condizioni economiche estremamente interessanti: Twingo Electric è proposta nell'allestimento Zen con batteria di proprietà a partire da 22.450 euro senza tener conto di Ecobonus e altri incentivi locali. In caso di rottamazione di un veicolo da Euro 0 a Euro 4 immatricolato prima del 30 dicembre 2010 e sommando gli incentivi statali in vigore e i vantaggi Renault Twingo Electric parte da 11.500 euro oppure a 89 euro/mese.
Questo finanziamento, denominato Renault Easy, richiede un anticipo di 3.000 euro e 36 rate da 89 euro, con rata finale dopo 3 anni e 30mila km corrispondente al Valore Futuro Garantito di 8.721 euro. Sono compresi in questo conteggio il Finanziamento Protetto (429,80 euro) e il Pack Service (949 euro) comprensivo di 3 anni di copertura Furto e Incendio, un anno di Driver Insurance, estensione di garanzia 3 anni o 50.000 km.
Una premessa, questa, che serve a sottolineare come la caleidoscopica Renault Twingo Electric sia innanzitutto una soluzione di mobilità 'green' davvero accessibile, così come sono accessibili i costi del pieno. Se la ricarica si fa a casa, impiegando 15 ore con presa da 10 A, la spesa varia tra 4 e 6 euro (considerando una tariffa di 0,2/0,25 euro per kWh) mentre alle colonnine di Enel X da 22 kW e presa 32 A - le più rapide, dato che si impiegano circa 90 minuti - si arriva a spendere tra i 10 e gli 11 euro (tariffa di riferimento 0,45 euro per kWh). Ma viste anche le prestazioni su strada e soprattutto l'autonomia - che può arrivare con una guida intelligente a 180 km - emerge anche a livello numerico quanto abbiamo verificato in questa prova, cioè che Twingo Electric non è solo una perfetta cittadina ma anche una 'tuttofare' da guidare anche per scappare (quando premesso dai Dpcm) dalle metropoli e immergersi nella natura in modalità assolutamente green.


Guidare questa segmento A è sicuramente lontano anni luce dalle sensazioni che si provano al volante di una Audi e-Tron o di una Mercedes EQC, ma offre comunque un quadro preciso e appagante dei vantaggi della propulsione elettrica. Con 82 Cv di potenza, il motore sincrono R80 derivato da quello di Zoe, impressiona non tanto per il valore della coppia massima (160 Nm) quanto per la rapidità di erogazione, prerogativa esaltata dalla trazione posteriore. Lo scatto da 0 a 100 si realizza in 12,9 secondi, ma forse è più importante valutare l'accelerazione 'urbana' da 0 a 50 km/h in soli 4,2 secondi.


L'energia è fornita da una batteria agli ioni di litio collocata in posizione centrale - per una distribuzione ottimale dei pesi - che ha una capacità di 22 kW. Sono presenti 3 livelli di rigenerazione in frenata, che possono consentire sensibili incrementi dell'autonomia. L'effetto di maggior recupero si ottiene dalla quella più intensa, davvero 'forte' se si lascia l'acceleratore. C'è poi quella intermedia, la più 'scorrevole' per una guida in condizioni normali. E infine è prevista una modalità 'leggera', che simula una guida tradizionale con un effetto freno motore paragonabile a quello di un propulsore a benzina.


Sorprendentemente comoda per un'auto da 3,6 metri di lunghezza, Twingo Electric ha tutto quello che serve per muoversi in sicurezza e in relax dentro e fuori le città. Nella variante Vibes oggetto del nostro test (prezzo da 24.350 euro) propone una dotazione che è davvero completa, in quanto comprende clima automatico, sistema multimediale Easy Link con display da 7 pollici e radio DAB (compatibile con Android Auto ed Apple Car Play), griglia calandra anteriore con inserti bianchi, fari fendinebbia, cerchi in lega da 16 pollici diamantati bianchi, Lane Departure Warning, Parking Camera e sistema di navigazione connessa. Quest'ultima offre la possibilità di verificare la disponibilità delle colonnine in tempo reale e di programmare con l'EV Route Planner un itinerario che tenga conto delle soste per la ricarica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie