Kia Niro ibrida plug-in 1.6 GDI, la vera macchina del tempo

Dotata di tecnologie che anticipano la mobilità del futuro

Andrea Silvuni MILANO

Altro che DeLorean de 'Il Ritorno al Futuro'. Nuova Kia Niro è la vera macchina del tempo, regolata però per anticipare quanto basta i cambiamenti (alcuni radicali) che ci riserva la mobilità dei prossimi anni.
    Completamente riprogettata rispetto alla pur recente prima generazione, Kia Niro Phev - oggetto della prova di ANSA Motori - offre infatti tutte quelle soluzioni, come la propulsione ibrida plug-in ad alta efficienza, che servono per rispondere in maniera più puntuale non solo alle norme ma anche alle aspettative degli automobilisti sempre più sensibili alla tutela dell'ambiente.
    La 'famiglia' della nuova Kia Niro prevede ora, grazie alla rivisitazione della piattaforma tecnologica basata sull'architettura K di terza generazione, solo propulsori con basse emissioni - nel caso dell'ibrido elettrico (HEV) e dell'ibrido plug-in (PHEV) entrambi dotati del 4 cilindri da 1,6 litri GDI - e con emissioni zero, per la variante elettrica a batteria (BEV). Modello centrale nella gamma eco-friendly di Kia, Niro BEV sarà accompagnata entro il 2027 da una vastissima offerta di auto elettriche, per arrivare a ben 14 modelli.

 

    Piacerebbe certamente allo stravagante scienziato Emmett 'Doc' Brown de 'Il Ritorno al Futuro' il propulsore high tech della Niro Phev. E' basato su un'unità termica a quattro cilindri che sviluppa in combinazione con il motore elettrico sincrono a magneti permanenti da 62 kW una potenza massima di 183 Cv. L'accelerazione 0-100 si realizza in 9,6 secondi e la velocità massima è di 168 km/h.
    L'insieme, grazie a numerose soluzioni tecnologicamente avanzate, è in grado di proporre un'autonomia elettrica fino a 59 km (nel ciclo WLTP, con ruote da 18 pollici) che è un valore - riscontrato che nel nostro test - ideale per la gran parte dei tragitti quotidiani compresi bello 'pendolari' casa - ufficio - casa.
    Niro Phev dispone, tra l'altro, di un sistema di climatizzazione che sfrutta il primo radiatore a coefficiente di temperatura positivo (PTC) ad alto voltaggio da 5,5 kWh di Hyundai Motor Group. Sviluppato per i modelli ibridi plug-in con il fine di incrementare l'autonomia elettrica nelle condizioni ambientali più fredde. La presenza di elementi in ceramica garantisce un flusso continuo di aria calda, incrementando così i valori di riscaldamento nell'abitacolo.
    Altro importantissimo elemento per ottenere una sostenibilità ambientale superiore, è il sistema di guida intelligente Green Zone (disponibile anche nella versioni Hev), che inserisce in modo automatico la guida in modalità full electric, individuando la posizione di Kia Niro attraverso il sistema di navigazione.
    L'auto passa da sola alla guida esclusivamente elettrica, per ridurre a zero le emissioni, quando si percorrono aree urbane o strade vicine a scuole e ospedali, designate come zone verdi e di rispetto. E' comunque possibile inserire autonomamente la modalità Green Zone anche in altre aree, a discrezione del guidatore (ad esempio entrando nel parcheggio di un supermercato o nel garage di casa).
    Ma non è tutto. Di Kia Niro nuova generazione si apprezzano molte altre caratteristiche, non ultima delle quali il rapporto - ancora migliorato - fra ingombri esterni ed abitabilità. Lunga 4.420 mm di lunghezza, larga 1.825 mm e alta 1.570 mm può ora sfruttare (grazie alla piattaforma K) un passo di 2.720 mm e, di conseguenza, nuove proporzioni interne che premiano il confort, lo spazio e la capacità di carico. Giudizio più che positivo che per il livello premium (mteriali, configurazione e dotazioni) dell' abitacolo, 'tema' questo che fa registrare per la nuova generazione di Niro uno degli incrementi più interessanti. Tra l'altro l'aumento dello spazio interno complessivo e i miglioramenti a livello di ergonomia hanno permesso di ottenere una migliore abitabilità tanto da aver permesso l'inserimento di un sedile relax per il passeggero. A veicolo fermo (per motivi di sicurezza), premendo un pulsante il sedile destro si solleva e reclinare come avviene nella business class degli aerei.
    Ora c'è più spazio per i passeggeri posteriori ed ogni sedile è dotato di prese USB-C per ricaricare gli apparati elettronici, a conferma che nuova Niro non è più un mero mezzo di trasporto ma un'estensione funzionale dello spazio abitativo. Bello e funzionale il doppio schermo composto da due display da 10,25 pollici mostrano le informazioni sul veicolo e sulla navigazione, mentre i comandi secondi sfruttano un display touch multimodale centrale riducendo al minimo le distrazioni. E in tema di sicurezza non si può trascurare il fatto che la seconda generazione di Niro offre il completo pacchetto DriveWise di Kia di sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS). Di spicco il Forward Collision-Avoidance Assist (FCA) che avverte e ferma il veicolo in caso di pericolo di collisioni con altri utenti della strada o pedoni. Comprende la funzione di svolta e attraversamento svincoli che fermare l'auto durante la svolta a sinistra se riconosce l'arrivo di un altro veicolo dalla direzione opposta. Molto utile nei parcheggi in spazi angusti il Remote Smart Parking Assist (RSPA) che consente di scendere dal veicolo - che completerà da solo il parcheggio - prima del termine della manovra.
    Prezzi per Niro Phev a partire da 41.000 euro per l'allestimento Style. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie