Audi Q3 45 TFSi e Sportback, tutti i vantaggi del plug-in

Prima versione Phev in questa gamma. Stupisce per i consumi

Andrea Silvuni MILANO

Se non fosse per quello sportellino nel parafango anteriore sinistro, la versione 45 TFSi e Sportback potrebbe sembrare una Q3 come tutte le altre, personale ed elegante, 'importante' nella sua presenza su strada nonostante le dimensioni compatte (4,5 metri). Ma prestando più attenzione alla sigla, si scopre che quella piccola 'e' porta con sé una quantità di contenuti tecnologici e funzionali che fanno di questo modello come uno dei più adatti per vivere serenamente - e con molte certezze - la transizione verso il 100% elettrico.
    Questo perché la presenza del motore turbo benzina 4 cilindri 1.4 TFSI da 150 Cv e 250 Nm di coppia collegato ad un'unità elettrica del tipo sincrono a magneti permanenti (e alloggiata all'interno del cambio S Tronic a 6 rapporti) da 116 Cv e 330 Nm fa di questa Q3 Sportback, assieme alla Q3 5 porte, il primo suv compatto dei Quattro Anelli con propulsione ibrida plug-in.
   

Come ANSA Motori ha avuto modo di verificare in un articolato test in città. autostrada, viabilità di campagna e strade di montagna, la formula Phev applicata a Q3 - che è non solo un modello compatto e maneggevole, ma che vanta anche una massa contenuta - esalta i vantaggi della propulsione mista benzina-elettrico, lasciando di volta in volta ai sistemi di controllo della vettura o alla volontà del guidatore la libertà di scelta.
    Non dimentichiamo al riguardo che dall'abbinamento 1.4 TFSI - unità elettrica si ottiene una potenza complessiva di 245 Cv con una coppia massima di 400 Nm, che si traducono una accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi, in 210 km/h di velocità massima (in assenza di limiti) ma anche in percorrenze sino a 62 km/litro e autonomia elettrica compresa fra 44 e 49 km a norme WLTP.
    Omologata ibrida, con tutti i vantaggi che ne conseguono, Audi Q3 45 TFSi e Sportback aggiunge dunque un importantissimo contributo (a patto di sfruttare la funzione elettrica con le necessarie ricariche) soprattutto negli spostamenti urbani e nel traffico rallentato delle tangenziali, con consumi da 'due ruote': 1,7 - 2,0 litri per 100 km ed emissioni di CO2 comprese fra 38 e 46 g/km.
    La batteria agli ioni di litio, alloggiata nel pianale nella zona antistante l'assale posteriore, è caratterizzata da 96 celle prismatiche e accumula 13 kWh, cioè una capacità particolarmente elevata in funzione degli ingombri.
    Altra caratteristica di sicuro interesse per l'utente medio è la possibilità di ricaricare questa batteria con prese di tipo domestico oltre che con le colonnine pubbliche con corrente alternata. Nel primo caso servono 5 ore, nel secondo (visto che la potenza massima utilizzabile è di 3,6 kW) il tempo scende a 4 ore.
    Inoltre grazie alla App myAudi - che trasferisce i servizi Audi connect sullo smartphone - è possibile controllare da remoto lo stato della batteria, avviare i processi di ricarica, programmare il timer, monitorare i consumi e gestire la preclimatizzazione.
    A volante della prima Audi Q3 Phev è necessario, giocoforza, imparare a sfruttare la raffinata tecnologia che viene messa a disposizione dell'utente sulla base della esperienza e-Tron.
    Sono disponibili i programmi di marcia EV, Auto, Battery hold e Battery charge che danno rispettivamente priorità alla trazione elettrica, alla modalità ibrida automatica, al risparmio d'energia a vantaggio di una successiva fase di viaggio oppure alla ricarica della batteria.
    Da notare che selezionando Battery charge la spinta è assicurata dal motore termico, ma questo contribuisce all'attivazione dell'unità elettrica in fase rigenerativa. Funzionando da alternatore, quest'ultima consente di recuperare circa l'1% di carica per ogni chilometro percorso sino al raggiungimento della soglia dell'80% d'energia all'interno della batteria.
    Il recupero dell'energia (derivato da Audi e-Tron) permette di recuperare sino a 40 kW di potenza e sfrutta l'alternanza fra l'intervento dell'alternatore nelle decelerazioni lievi, dalla combinazione dei freni tradizionali e della sezione elettrica per frenate di media intensità, oltre 0,3 g oppure esclusivamente dall'impianto idraulico per quelle più 'importanti.
    Prezzo per l'allestimento S Line oggetto del test (include gli abbaglianti assistiti, ruote da 19 pollici, sedili sportivi con rivestimento in tessuto nero e seduta allungabile e battitacco delle portiere con logo S illuminato) pari a 54.050 euro.
    
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie