SsangYong completa rimborso debito e accelera nello sviluppo

Previsti profitti con suv Torres e modelli Ev come nuovo U100

Redazione ANSA ROMA

SsangYong Motor Company ha completato il rimborso totale del debito previsto dalla procedura concorsuale a cui aveva avuto accesso portando così a termine il processo di risanamento aziendale.
    La sistemazione del debito - si legge nella nota aziende - è avvenuta l'11 novembre scorso attraverso i fondi derivanti dall'acquisizione da parte di KG Group, completando l'operazione in circa 18 mesi dal suo inizio nell'aprile 2021.
    Il costruttore sudcoreano intende ora accelerare la normalizzazione della gestione, conseguita in anticipo rispetto ai 20 mesi concessi, aumentando le vendite e realizzando rapidamente profitti.
    SsangYong Motor ha già gettato le basi per la stabilizzazione dell'attività e lo sviluppo della crescita futura a seguito del successo dell'operazione di fusione e acquisizione e il completamento della procedura di risanamento fissata dal tribunale fallimentare di Seoul.
    A luglio, KG Consortium e i lavoratori e i dirigenti di SsangYong avevano firmato un accordo speciale tra le tre parti incentrato sulla sicurezza dei posti di lavoro e gli investimenti a lungo termine. La cooperazione tra i lavoratori e la direzione è stata rafforzata per rinsaldare ulteriormente i rapporti di lavoro ed evitare la reiterazione di passate problematiche. SsangYong aveva invece rinnovato a settembre le posizioni apicali della società, con Kwak Jea-sun nel ruolo di presidente mentre a Jeong Yong-won era andato quello di amministratore delegato. A ottobre sono state poi adottate misure per consolidare il management grazie a ulteriori nomine di dirigenti e riforme organizzative volte a supportare attivamente i cambiamenti previsti dal rilancio. Come definito dal piano di finanziamento operativo, in ottobre KG Group ha anche completato un secondo ciclo di investimenti di capitale, utile a rimborsare i creditori privilegiati. Il gruppo sta ora procedendo speditamente con l'irrobustimento della struttura finanziaria della società per giungere alla completa normalizzazione dell'attività. La crescita futura di SsangYong si baserà sull'evoluzione dell'azienda verso l'elettrificazione, ancora una volta sostenuta da finanziamenti di capitale da parte di KG Group. Il marchio si sta inoltre concentrando sulla crescita attraverso il successo del lancio internazionale del nuovo suv Torres.
    La presentazione del modello Torres nel mercato nazionale - sottolinea l'azienda - è stata accolta con grande favore e sta già determinando un aumento delle vendite, rafforzando al contempo la posizione del brand nel mercato globale. Gli investimenti e lo sviluppo tecnologico nell'ambito dei veicoli elettrici stanno procedendo e il prossimo anno SsangYong avrà il primo di una serie di modelli Ev di questo nuovo corso, l'U100. "Siamo felici per questa notizia e come sempre pronti a supportare il brand SsangYong nel nostro Paese - ha commentato Marco Saltalamacchia, executive vice president e ceo del Gruppo Koelliker - Come importatori esclusivi di SsangYong in Italia condividiamo gli obiettivi del marchio sudcoreano, lo affiancheremo nei suoi futuri progetti e nel lancio di nuovi modelli e servizi sul mercato italiano".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie