Coronavirus: Unrae, -85% mercato auto in Italia a marzo

Perdita di 350mila vetture tra marzo e aprile su 12 mesi fa

Redazione ANSA ROMA

''Non ci siamo trovati mai prima d'ora in una situazione del genere. L'emergenza Coronavirus è un evento assolutamente straordinario. Nel comparto automotive in Italia a marzo registriamo un calo dell'85% rispetto allo stesso mese del 2019, con una perdita stimata di circa 350mila auto tra marzo ed aprile, rispetto a dodici mesi fa''. È un quadro allarmante quello dipinto da Michele Crisci, presidente dell'Unrae, l'Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri, che snocciola i dati drammatici che emergono da questo periodo di blocco totale del mercato e dei concessionari a causa dell'emergenza Covid-19. ''Quella che è garantita al momento, come previsto dal decreto - precisa Crisci - è solo l'assistenza. Per il resto anche le concessionarie sono off-limits''. E proprio alla rete di vendita è rivolta l'attenzione del numero uno di Unrae: ''Nonostante l'evoluzione digitale e tecnologica che sta segnando un'impennata delle vendite dei beni online - ha precisato Crisci - crediamo che l'auto è un bene acquistabile ancora solo ed esclusivamente presso una rete di vendita, prendendo contatti diretti con i rivenditori e guardando da vicino il 'bene' che si sta per acquistare. Insomma la rete di concessionari continua ad essere fondamentale nella 'catena di montaggio' dell'automotive e in tal senso soprattutto dopo questo periodo di emergenza cercheremo di offrire ai rivenditori tutto il supporto necessario affinché possano risollevarsi''.(ANSA).

Proprio in queste ore, l'Unrae ha diffuso il book delle statistiche 2019 del settore automotive precisando che nel 2019 il comparto ha risentito di una stanchezza riuscendo comunque a mettere a segno una 'crescita' dello 0,3%, raggiunta grazie alla forte spinta di noleggio a lungo termine e auto-immatricolazioni. Nonostante la chiusura del +3,4% nel 2019, il mercato dei veicoli commerciali continua a tenersi su numeri bassi, mentre segni negativi hanno riguardato sia il comparto dei veicoli industriali (-7,8%) che quello dei rimorchi e semirimorchi (-7,1%). Al trend negativo si associa anche il mercato degli autobus (-5%). Uno scenario, del tutto preoccupante che per questo 2020 potrebbe aggravarsi maggiormente a causa della crisi generata dall'epidemia Covid-19 sulla quale al momento, precisa l'Unrae, ''è difficile elaborare qualsiasi tipo di previsione''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie