Le torinesi Teoresi e Xev a Parigi con prototipo Yoyo

Concept di auto elettrica per le smart city del futuro

Redazione ANSA TORINO

 Le torinesi Teoresi e Xev presentano al Salone dell'auto di Parigi un progetto innovativo di smart mobility orientato agli obiettivi di zero emissioni, zero traffico, zero incidenti: il prototipo della city car elettrica Yoyo autonomy, a guida autonoma e con battery swapping, per un futuro di mobilità cittadina connessa e condivisa. Il prototipo di Yoyo autonomy, grazie alla tecnologia sviluppata da Teoresi, potrà diventare un servizio di auto condivisa a guida autonoma con cambio automatizzato delle batterie. I test su Yoyo, infatti, puntano a sperimentare una vettura che si muove in autonomia nel traffico cittadino dialogando con infrastrutture e servizi, tra cui quelli di ricarica delle batterie.
    "Presentando questo nuovo concetto di auto e mobilità condivisa, Teoresi e Xev propongono al Salone dell'Auto di Parigi una visione innovativa della urban mobility del futuro guidata dagli obiettivi: zero emissioni, zero traffico, zero incidenti", spiega Marco Bazzani, Innovation manager di Teoresi Group. "Da un lato la spinta è verso una mobilità sempre più confortevole, ecologica e sicura; dall'altro gli investimenti in termini di infrastrutture e tecnologie (dall'elettrico all'autonomo) rendono necessario accelerare lo sviluppo di una mobilità pensata come servizio, a partire dall'auto condivisa a guida autonoma".
    "Da quando abbiamo fondato Xev, nel 2018, il nostro obiettivo a lungo termine è creare un futuro sostenibile condiviso, attraverso lo sviluppo di veicoli elettrici e del battery swapping. A oggi abbiamo già venduto oltre 10.000 unità di YOYO in tutto il mondo e avviato progetti di car sharing e battery swapping in Italia, Francia e Germania" aggiunge Lou Tik, Founder e ceo di Xev. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie