Design & Giardino

Nei giardini di Villa Lante di Bagnaia, uno dei luoghi del cuore di Re Carlo III

E' uno dei più famosi esempi di parco manieristico del XVI secolo

Villa�Lante di Bagnaia © ANSA
  • Redazione ANSA
  • 02 ottobre 2022
  • 11:02

In Italia uno dei luoghi del cuore di Re Carlo III d'Inghilterra è Villa Lante di Bagnaia (visitabile ad ingresso gratuito su iniziativa del MiBACT domenica 2 ottobre) con un meraviglioso parco con i  giardini all’italiana, bellissime fontane e le due palazzine Gambara e Montalto. Un luogo molto caro al Re Carlo III d'Inghilterra (allora Principe) che espresse il desiderio di poter dormire all’interno del gioiello di Bagnaia e a renderlo possibile fu la mediazione del Presidente del Consiglio. Fu un evento che destò non pochi grattacapi agli organizzatori perché la residenza cinquecentesca era ormai disadorna. Venne sistemata in fretta e furia per potere fare dormire il Principe giunto a Bagnaia insieme a venticinque studenti della Scuola Estiva di Architettura Civile, nata proprio per volontà del Principe di Galles.
Villa Lante di Bagnaia, è uno dei più famosi giardini italiani manieristici del XVI secolo. Ideata da Jacopo Barozzi da Vignola, la sua costruzione cominciò nel 1511 ma fu portata a termine intorno al 1566 su commissione del cardinale Gianfrancesco Gambara. Tuttavia la villa non ha acquisito questo nome se non quando, nel XVII secolo, passò nelle mani di Ippolito Lante Montefeltro della Rovere. Villa Lante si compone di due palazzine, pressoché identiche, anche se costruite da proprietari diversi in differenti periodi.
Fu il cardinale Gianfrancesco Gambara a dare il proprio nome alla prima. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1587, gli successe il nipote di papa Sisto V, il cardinale Alessandro Peretti di Montalto, che completò il progetto e costruì la seconda. I giardini costituiscono l'attrazione principale di Villa Lante, con i loro spettacolari giochi d'acqua, cascate e fontane. Entrando dall’arco bugnato dell'entrata principale, ci si ritrova in un quadrato, perfettamente regolare dove il bosso è plasmato e modellato a formare motivi decorativi che circondano piccole fontane e sculture. Il tratto più caratteristico di questo parterre è la complessa fontana posta al suo centro, formata da quattro bacini, separati da cammini transennati, con i parapetti decorati con pigne di pietra ed urne decorative che intersecano l'acqua.
Nel cuore del complesso, un bacino centrale contiene la celebre Fontana dei Mori del Giambologna. Sopra il parterre principale il visitatore può inerpicarsi attraverso querce, lecci e platani, scorgendo fontane e sculture che si aprono attraverso inaspettati scorci. Si arriva quindi al primo dei giardini a terrazza ascendenti: qui, alloggiata tra due scalinate in pietra, vi è la Fontana dei Lumini, una fontana circolare a gradini. Su una terrazza successiva vi è un enorme tavolo di pietra con acqua che scorre nel suo centro. In questo posto, il cardinal Gambara intratteneva i suoi ospiti. Al di sopra vi è la quarta terrazza, contenente la catena d'acqua, elemento che il Vignola aggiunse a molti giardini del XVI secolo. Visibile anche a Villa Farnese e Villa d'Este, questo ruscelletto scende in cascata al centro dei gradini per concludersi in fondo alla terrazza. Al livello superiore vi sono ancora fontane, grottini, e due piccoli casini che, come i loro omologhi più grandi sulla terrazza inferiore, hanno un disegno particolare, probabilmente anch'esso del Vignola, con logge aperte sorrette da colonne di ordine ionico. Esse reggono il nome del cardinale Gambara scolpito sulla cornice. Uno dei casini dà accesso a un piccolo giardino segreto di siepi e topiarie.

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie